Tre modi per dire "Ti Amo"

"Ti Amo, I love you" Come dirlo in Giapponese? Ci sono tanti tipi di amore, perchè dovremmo esprimere amore solamente in un modo? I giapponesi la sanno lunga, sanno che ogni tipo di amore ha bisogno di un modo per essere espresso, un modo completamente personale.

Ti amo / I Love you, ecco come dirlo in Giapponese

Autore: SaiKaiAngel | Fonte: SoraNews24

Tutto questo, pensate, accade in un paese che è visto come “freddo e distante”. Forse, pensando a questo, dovremmo capire che freddo e distante non è, anzi. E’ un paese che dà la giusta importanza sia alla storia, sia alla tradizione che ai sentimenti.

Cominciamo a guardare tutti i modi di dimostrare amore in giapponese, analizziamoli uno ad uno.

1. Suki - "Mi piaci"

Questo è il modo più usato e più famoso, perchè si trova in molti testi dell’animazione giapponese. Lo analizziamo per primo anche perchè è il meno “profondo”, infatti più che amore, può significare anche “mi piace”. Puoi tranquillamente dire "Ramen ga suki desu" che nessuno ti vedrà come un pazzo innamorato di un piatto di ramen, bensì tutti capiranno che a te piace il ramen. Così si può usare suki per esprimere appunto un apprezzamento per un cantante o un attore.

Proprio per questo, suki può creare della confusione. Se sentiamo questa parola, si potrebbe incorrere nella domanda se piacciamo per davvero come persona o semplicemente come un piatto di ramen, appunto. E’ un significato molto flessibile, per niente sicuro, nonostante tutto viene utilizzato all’inizio di ogni storia d’amore. Quando vuoi dichiararti a qualcuno, puoi usare suki desu per farlo. Molto importante a quel punto, sarà il MODO in cui lo fai, devi fare in modo di far capire all'altra persona che hai intenzioni serie e non sei solamente un piatto di ramen. Ci vuole convinzione nella voce, non è un semplice “mi piace”. Con una grande convinzione, allora avrà la colorazione giusta dell’innamoramento.

2. Koi - I love you

Ti amo I love you

Non stiamo parlando della carpa, ma del secondo modo che i giapponesi usano per parlare d’amore. Qui siamo nel campo dell’ “amore romantico”. Koi è l’'emozione giovane e passionale, ma viene raramente usato per dire “ti amo”. Possiamo forse avvicinarlo ad "I love you" degli americani, che può voler dire sia ti amo che ti voglio bene. Tuttavia, Il verbo koi suru è più vicino a "essere innamorato" o "essere romanticamente coinvolto". Infatti, la parola Koi viene usata per Koibito che significa amante.

3. Ai - Ti amo

Ti amo I love you

Ed eccoci arrivati al più famoso, il termine più usato per la parola Amore.

Ai è un sostantivo che significa "amore", ma può essere usato per qualcosa di più del semplice affetto romantico. Ai o la variante aijo, vengono usate anche per parlare dei concetti di amore verso la famiglia, per un amore platonico oppure per tutta l'umanità. Usato come verbo, diventa ai suru.

Allora perchè usiamo suki desu per confessare il nostro amore? Semplicemente perchè ai è un sentimento molto più serio ed impegnato. Ai suru sarebbe un po’ … spaventoso, soprattutto per una storia appena iniziata. Bisogna andare per gradi e Suki desu è ciò che ci permette di farlo. Sarebbe meglio anche cambiare il verbo suru in shiteiru. Dicendo al tuo partner ai shiteiru, dimostri un amore continuo, non semplicemente una cotta iniziale. Per quanto mi riguarda è il termine che mi piace di più, anche perchè il primo che io abbia mai sentito.

Ti amo I love you

Cosa ci fa capire tutto questo? Che il giapponese è una lingua molto romantica nonostante quello che si senta in giro. I giapponesi sono freddi? Tutta impressione. I giapponesi sanno dare il giusto significato e la giusta profondità a qualsiasi cosa, anche ad ogni tipo di amore. Che termine usereste voi per il vostri amore?


I pattern giapponesi

I giapponesi sono famosi per il loro stile e i pattern legati alle stoffe dei kimono, fazzoletti da tasca e altri oggetti hanno fatto storia e rimangono uno dei simboli del Sol Levante. Oggi condividiamo con voi alcuni dei pattern più famosi e cercheremo di analizzarli insieme.

Pattern tradizionali giapponesi, quali sono e cosa significano

Autore: Erika | Fonte: Nippon.com

La tradizione giapponese vuole che i kimono ma anche gli asciugamanti tenugui e altri piccoli oggetti giapponesi siano decorati con delle stoffe ben precise. Infatti spesso troviamo delle decorazioni ben precise su questo tipo di tessuti. Ogni decoro e ogni pattern ha un nome ben preciso e un'origine ben definita che rivela significati nascosti con degli scopi ben precisi. Ecco un breve elenco dei modelli più tradizionali.

Pattern: Uroko (Scaglie)

Creato attraverso la combinazione di triangoli, questo tessuto somiglia alle squame di serpente o pesce. Nella tradizione, i samurai indossavano abiti con questo pattern come talismano protettivo contro il male.

Kōjitsunagi (Personaggi Kō intrecciati)

Come spesso troviamo anche nella cultura occidentale, le decorazioni di molti tessuti corrispondono ad un preciso carattere ripetuto in modo grafico. Infatti, questo modelle prende proprio il nome dall'uso del carattere 工 (kō), ripetuto ad incastro in modo che i caratteri sembrano allungarsi all'infinito. Questo tipo di pattern è associato alla fortuna ed è un disegno tipico utilizzato nei materiali per creare i kimono.

Pattern: Asanoha (Foglie di canapa)

Letteralmente chiamato Foglie di Canapa, questo pattern giapponese ha una forte vitalità proprio come la fibra omonima. La canapa è una pianta che cresce vigorosa senza bisogno di molte cure. Infatti, questo è il focus del modello che spesso è utilizzato nella creazione di kimono per bambini e neonati proprio nella speranza che anche loro crescano gradi e forti.

Yabane / Yagasuri (Piume di freccia)

Questo pattern giapponese si basa sullo stilizzare le piume di falco, aquila e altri volatili utilizzati nella fabbricazione di frecce. Dietro a questo tipo di stoffa, come sempre, troviamo un profondo simbolismo. Infatti con il puntamento al bersaglio, le frecce sono state a lungo utilizzate come motivo di buon auspicio. Tuttavia, una volta scattate le frecce non ritornano, e, proprio per questo motivo, nel periodo Edo, alle spose venivano regalati kimono con questo disegno come porta fortuna. Infatti, questo pattern era una sorta di portafortuna per assicurarsi che le mogli novelle non dovessero tornare nella loro casa di famiglia.

Inoltre, alla fine degli anni Settanta, questo pattern divenne famoso grazie a Benio, protagonista di Haikara-san, un manga per adolescenti. Infatti, lei indossava questo tipo di Kimono a scuola e questo portò all'abbinamento con l'hakama bordeaux, un tipo di gonna divisa. Questo portò gli adolescenti a rendere questo pattern giapponese una combinazione popolare alle cerimonie di laurea.

Pattern: Same Komon (pelle di squalo)

Grazie agli archi sovrapposti in piccoli punti, questo pattern giapponese richiama proprio la pelle di squalo e da qui prende il suo nome. Nella tradizione lo troviamo spesso utilizzato dalla famiglia Kishū Tokugawa, alla quale apparteneva lo Shōgun Tokugawa Yoshimune (1684-1751).

Seigaiha (Onde dell'Oceano Blu)

Pattern

Uno dei nostri preferiti, questo modello ricorda le onde a ventaglio del mare aperto. Il nome deriva proprio dall'antica danza di corte gagaku chiamata appunto Seigaiha. Durante queste performance antiche, i ballerini indossavano costumi proprio con questo motivo.

Shippō (Sette tesori)

Pattern

Con cerchi che si sovrappongono in quarti somigliando a petali, il loro centro forma una stella splendente. A questo pattern viene conferito il significato di buon auspicio per la prosperità dei discendenti, le buone relazioni e per portare armonia nelle vostre vite.

Pattern: Kikkō (Tartaruga)

Pattern

Un altro pattern che porta buon auspicio, questo disegno deriva dalla formadel guscio della tartaruga (esagono) ed è da qui che prende proprio il nome. Questo non solo rappresenta fortuna ma anche longevità. A seconda di come viene composto, gli esagoni formano diverse varianti per questo tipo di disegno, fra cui il Kikkō hanabishi e il Bishamon kikkō. Nel primo, il centro degli esagoni forma dei fiori, mentre il secondo si forma unendo tre esagoni.

Ichimatsu (a scacchiera)

Pattern

Con diversi quadrati colorati disposti in modo alternato, questo pattern è molto simile al ginkgoam. Tessuto comune sin dall'antichità, questo disegno è diventato famoso come Ichimatsu nel XVIII secolo grazie all'attore kabuki Sanogawa Ichimatsu. Infatti, l'artista amava usare questa stoffa sul suo costume hakama. Oggi lo troviamo nei loghi ufficiali dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020.

Tachiwaki / Tatewaki (vapore ascendente)

Con due linee curve che rappresentano il vapore che sale in modo stilizzato, questo patter era spesso usato nei kimono per le persone nobili e di alto rango nel periodo Heian. Il modo in cui queste linee curve si formano, serve a creare delle variazioni chiamate Kumo tatewaku (nuvola) e Sasa tatewaku (bambù).

Karakusa (impianto a spirale)

Introdotto in Giappone con l'arrivo della Via della Seta, le viti e spirali che si estendono in tutte le direzioni simboleggiano longevità e prosperità. Tuttavia, questo pattern è diventato famoso come modello di stoffa per furoshiki che i ladri usavano per portare via la merce rubata. Questo ci suggerisce che questo modello era così popolare perchè in ogni casa si poteva appunto trovare un furoshiki con questo disegno.

Kanoko (Cerbiatto)

Rassomigliante il dorso maculato di un cerbiatto, questo pattern viene creato a mano con una tecnica di tintura particolare. Tuttavia, il processo laborioso lo fa diventare un tessuto molto ricercato, infatti i kimono con un motivo kanoko all-over sono considerati oggetti di grande lusso.

Hishi (Diamante)

Pattern

Modello dalle forme geometriche, questo pattern si crea quando due linee parallele si intersecano. Spesso lo troviamo sulle ceramiche dell'antico periodo Jōmon. Inoltre, troviamo questo pattern in diverse varianti che includono il Waribischi, quattro diamanti combinati a formare un unico diamante, e Hanabischi, dove i petali dei fiori sono modellati in diamanti.

Mameshibori (Mame Tie-dye)

Pattern

Questo patter era il modello più frequente sugli asciugamani da bagno nel periodo Edo. Il nome deriva infatti da un gioco di parole che significa sia piselli o fagioli, sia robusto e sano. Questo disegno rappresenta infatti la speranza di rimanere in buona salute e la maggior parte dei modelli del tempo sono creati con tecniche di tintura a stencil o stampa. Tuttavia, con il nome di shibori, possiamo capire che originariamente il disegno era fatto a mano con una tecnica di tintura particolare. Infatti notiamo che in antichità, queste forme erano molto più irregolari rispetto alle stampe di oggi.


Cose da fare in quarantena: Costruire Akihabara in miniatura

Costruire Akihabara in miniatura a casa vostra

scritto da: Erika | fonte: TimeOut Tokyo

Anche se qui in Italia le cose stanno cominciando ad andare meglio, continuamo la nostra rubrica sulle cose da fare in quarantena e oggi spieghiamo come costruire una mini Akihabara.

Akihabara Akihabara

Una delle mete preferite di tutti gli otaku e i fan del Giappone è Akihabara, storico quartiere dedicato appunto a tutto ciò che è manga, anime e videogiochi. In questo momento delicato, non ci è ancora consentito viaggiare. Tuttavia non serve prendere l'aereo per conoscere nuovi luoghi e visitare quelli che abbiamo già visto. Infatti oggi condividiamo con voi la possibilità di ricreare Akihabara in miniatura direttamente da casa vostra! 

Ad Akihabara ci sono non solo tanti luoghi dedicati a quel mondo che noi definiremmo nerd, ma ci sono anche tantissimi club e negozi dedicati a vari hobby. Uno di questi è Mansei Club, un angolo che offre una varietà di giochi divertenti, istruzioni per origami e modelli di carta il tutto gratuitamente.

Se siete ancora bloccati a casa e non sapete cosa fare, potete ora infatti ricreare l'iconico quartiere di Tokyo con questi modelli di carta dettagliati. Infatti, le strade di Akihabara sono riportate tutte in queste riproduzioni in scala dettagliate. Creare questo modellino è semplicissimo, basterà seguire le istruzioni elencate in questi PDF disponibili gratuitamente per il download. Infatti, queste riproduzioni mostrano perfettamente gli edifici di Akihabara e anche dove questi edifici vanno posizionati. Nonostante le istruzioni siano in giapponese, è in realtà molto semplice seguirle anche grazie alle varie illustrazioni.

Akihabara Akihabara

Tuttavia, se costruire un'intero quartiere sembra troppo complicato per voi, non vi preoccuate ci sono molte altre possibilità. Infatti, Niku no Mansei offre più di 50 modelli di carta che potete scaricare gratuitamente. Dal design che varia dalle riproduzioni di famosi Samurai sino ad arrivare a modelli di riproduzioni dei più famosi cibi giapponesi. Insomma, qui troviamo la possibilità di accontentare ogni gusto e ogni tipo di hobby! Non vi rimane altro che scegliere il vostro modellino, scaricarlo e mettervi all'opera! Siamo curiosi di vedere i risultati!


Cose da fare in quarantena: Imparare la cucina giapponese

Imparare la cucina giapponese con 5 YouTuber

scritto da: Erika | fonte: TokyoWeekender

Continuiamo la nostra rubrica sulle cose da fare in quarantena e oggi vi parliamo di come poter imparare la cucina giapponese con l'aiuto di 5 YouTuber.

cucina giapponese

In questi giorni di lockdown, ci stiamo tutti cimentando in nuove ricette e sperimentando nuove combinazioni di sapori. Ecco quindi 5 YouTuber da seguire per poter imparare la cucina giapponese e cimentarvi in qualche piatto!

Tasty Japan

Loro sono i nostri preferiti. Un sacco di ricette semplici da seguire, con tutti gli ingredienti facilmente recuperabili in qualsiasi parte del mondo voi viviate. Dai dolci ai primi piatti, dalle quiche alle seconde portate. Autentico e divertente, Tasty Japan coinvolge lo spettatore con video didattici e tanti ospiti. Quasi tutti i video hanno i sottotitoli in inglese e tutti i presentatori sono molto divertenti e pieni di energia, rendendo anche i piatti più complicati semplici da fare. Video che rientrano della categoria #foodporn per eccellenza, assicuratevi di essere a stomaco pieno quando proverete a cucinare queste delizie.

Ochikeron

Madre di due figlio, la protagonista del canale Ochikeron crea piatti per far cucinare insieme la famiglia. Infatti, i piatti più semplici presenti sul canale possono essere cucinati insieme anche ai più piccolini. Tuttavia, i piatti più complicati che richiedono più tempo ed energia sono disponibili per tutti coloro impavidi abbastanza da provare tutte queste nuove ricette. Tutto questo rende questo canale un mondo unico per tutti quei progetti di cucina da creare insieme. Inoltre, se siete stufi delle solite cene, questo è il posto giusto per trovare nuove idee.

Japanese Cooking 101

Con un'enorme selezione di video, Japanese Cooking 101 non solo offre piatti giapponesi facili da realizzare, ma si possono trovare anche lavorazioni più complicate. Dal Karaage fino al riso fritto al chanko nabe, un piatto in stile hot-pot perfetto per l'inverno, questo canale youtube è un vero e proprio catalogo di cucina giapponese. Infatti, possiamo trovare un sacco di ricette da poter sperimentare e ciascun video mostra un elenco completo degli ingredienti assieme alle istruzioni su come creare il piatto. Nonostante altri canali abbiano un po' di intrattenimento, Japanese Cooking 101 ha un approccio più didattico e asciutto, ma facilissimo da seguire.

Diaries of a Master Sushi Chef

Se invece come tanti occidentali amate il sushi, il canale di Hiroyuki Terada fa per voi! I diari di questo maestro e sushi chef vi insegneranno come destreggiarvi fra coltelli, filettature e molto altro. Infatti, su questo canale potrete trovare i metodi per creare del buonissimo sushi ma anche piatti come pollo teriyaki e tante altre delizie in stile izakaya. Con collaborazioni del calibro anche di Chef Ramsey, questo è il canale per tutti coloro che vogliono cimentarsi seriamente nell'apprendimento dell'arte del sushi.

Aki’s Japanese Recipes for Vegans

Ristorante vegani e vegetariani sono difficili da trovare a Tokyo, questo ha portato alla nascita di vari canali YouTube fra cui quello di Aki. Infatti, su questo canale potete trovare le migliori ricette per tutti quelli che amano una cucina non convenzionale. Una vera e propria esperienza sensoriale in HD per un canale accessibile e con le istruzione scritte in giapponese e inglese. Inoltre, Aki, il protagonista del canale, si prende sempre il tempo per spiegare al meglio le sue ricette e far si che i piatti abbiano sempre un bell'aspetto.

 


Cose da fare in quarantena: I migliori podcast sul Giappone

I migliori podcast Sul Giappone

scritto da: Erika | fonte: TimeOut Tokyo

Continuiamo la nostra rubrica sulle cose da fare in quarantena e oggi vi parliamo di alcuni podcast dedicati al Giappone.

Giappone

L'emergenza COVID-19 ha prateicamente reso impossibile programmare viaggi per almeno un altro anno. Tuttavia, per tutti gli appassionati della cultura giapponese, oggi condividiamo con voi un modo facile e divertente per apprendere di più su questo argomento. Infatti, ci sono diversi podcast che possono riempire questo vuoto aiutandovi a scoprire le mille sfaccettature del Giappone. Infatti, tramite questi audio, sarà possibile scoprire i mille aspetti e sfaccettature più nascosti del Sol Levante senza dover affrontare voli e treni affollati.

Per esempio, siete a conoscenza del perchè i fiori giglio ragno si trovino vicino ai cimiteri e alle risaie giapponesi? Sapete chi erano le donne pioniere del Sol Levante? Questi podcast non solo approfondiscono il cibo, la storia e le leggende di questo paese, ma risponderanno anche alle domande che non sapevate nemmeno di avere. Quindi, in questo momento dove non ci è possibile nè uscire nè viaggiare, lasciate che questi podcast vi portino in un viaggio di qualche minuto attraverso il Giappone.

Japan Eats - Imparare a conoscere la cucina Giapponese

Podcast giappone

Japan Eats è un podcast di una radio storica con base a Brooklyn incentrato sul cibo. Presentato da Akiko Katayama, giornalista di cucina giapponese e direttrice della New York Japanese Culinary Academy. Qui si parla di tutto, dalle varie mode delal cucina giapponese, ai drinks e molto altro ancora. In uno degli episodi recenti, Akiko si è concentrata persino su come vivere una vita vegetariana in Giappone, l'arte degli Yakitori e molto altro. Il podcast ha già più di 180 episodi con una nuova puntata ogni setimana.

Uncanny Japan - Tutte le leggende giapponesi in un podcast

Podcast giappone

Theresa Matsuura, autrice americana che ha vissuto metà della sua vita in un villaggio di pescatori in Giappone, presenta Uncanny Japan. In questo podcast, Matsuura parla di quelle parti della cultura giapponese che spesso sono invisibili o non accessibili a chi non parla la lingua. Allo stesso tempo, offre un approfondimento sui costumi locali, le leggende, il folklore e le superstizioni del Sol Levante. Pronti ad immergervi nelle fantasiose e a volte anche spaventose fiabe giapponesi?

History of Japan - Imparare la storia Giapponese

Podcast

Isaac Meyer, insegnante con dottorato di ricerca specializzato nel Giappone moderno, non lascia niente di nascosto in questo podcast storico. Dal Giappone antico a quello moderno, passando per poeti, scandali politici, boom economici, samurai, geisha e molto altro. Infatti, questo podcast è uno sguardo approfondito attraverso la storia del Sol levante in ogni episodio. Informativo ma anche affascinante da ascoltare, History of Japan ha più di 300 episodi che possono tenervi compagnia in questo periodo di lockdown.

Voices in Japan - La vita in Giappone

Podcast

Ben e Burke, espatriati in Giappone che vivono ad Hokkaido, condividono la loro esperienza di vita nella terra del Sol Levante. Il podcast Voices in Japan parla della loro vita dal lavoro allo studio della lingua Giapponese, all'imparare le usanze della nazione e molto altro. Gli episodi settimanali includono argomenti generali legati al vivere in Giappone come ad esempio uno sguardo al sistema sanitario giapponese. Inoltre, si parla anche dell'amore per la tecnologia, il Sumo e i potenziali benefici della dieta giapponese. Che voi viviate in Giappone o che vogliate solo ascoltare di più riguardo alle esperienze di vita, questo podcast è già che fa per voi.

Sake on Air - Tutto sul mondo del Sake

Podcast giappone

Per tutto gli appassionati di Sake e shochu, Sake on Air è il podcast fatto per voi. Gli esperti di questa famosa bevanda giapponese condividono le loro conoscenze in ogni episodio, invitandoci a questa cena virtuale. Infatti, in ogni puntata troviamo un diverso argomento come le nuove mode per la manifattura, storie dai produttori ma non solo. Possiamo anche imparare a conoscere i vari aromi, la differenza fra il riso utilizzato e come abbinare i vari gusti di Sake al cibo. Quindi, se anche voi siete curiosi, armatevi di un bicchiere di vino o del vostro sake preferito e mettetevi all'ascolto!


Cose da fare in quarantena: creare un giardino Zen edibile

Creare un giardino zen edibile

scritto da: Erika

Il mondo è ancora in lockdown e in mancanza di cose da fare possiamo darci alla pazza gioia in cucina, ecco perchè oggi condividiamo con voi una nuova idea, creare un giardino zen edibile!

giardino zen giardino zen

In Giappone ci sono dei preparati fatti apposta per condividere questa esperienza in famiglia, anche assieme ai più piccini. Invece, oggi vi proponiamo una variante da creare direttamente a casa vostra con ingredienti facilmente reperibili in qualsiasi supermercato.

In ogni giardino zen che si rispetti troviamo rocce, sabbia o ghiaia, del verde e qualche sasso per poterlo attraversare senza disturbarne la tranquillità. Seguendo le nostre istruzioni, potrete ricreare esattamente questa atmosfera.

Step 1: I Sassi

Come ben saprete, un ornamento fondamentale del giardino zen sono queste enormi pietre presenti al suo interno. Nella nostra ricetta andremo a creare le pietre con dei semplicissimi brownies.

Brownies - Ingredienti

  • Cioccolato fondente 265 g
  • Uova (circa 4) 200 g
  • Nocciole intere spellate 175 g
  • Burro a temperatura ambiente 135 g
  • Farina 00 135 g
  • Zucchero 255 g
  • Sale fino 1 pizzico

I brownies sono semplici da fare e non vi richiederanno troppo tempo, cominciate quindi tritando il cioccolato grossolanamente e scioglietelo a bagnomaria. Quando sarà quasi fuso, aggiungete il burro morbido tagliato a pezzetti.
Mescolate accuratamente fino a far fondere tutto sempre a bagnomaria e poi toglietelo dal fuoco. Successivamente lasciate raffreddare mescolandolo di tanto in tanto.

Mentre aspettate che il cioccolato si raffreddi, prendete le nocciole e lasciatele tostare in forno preriscaldato a 180° per circa 7/8 minuti. Una volta sfornate, lasciatele intiepidire per non scottarvi, successivamente tritatele in modo grossolano e tenetele da parte.

giardino zen brownie

Passiamo quindi allo step successivo, mettete le uova in una terrina e cominciate a sbatterle per poi unire lo zucchero. Non è necessario montare il composto, ma proseguite a sbattere solo fino a quando lo zucchero non sarà ben sciolto. A questo punto, unite un pizzico di sale e lasciate sciogliere anche questo. Sempre con le fruste in azione, aggiungete lentamente il composto di cioccolato e burro che ormai si sarà intiepidito.

Non appena sarà tutto amalgamato smettete di sbattere. Prendete un colino a maglie strette e setacciatevi attraverso la farina. Successivamente, amalgamate il tutto con una spatola fino a far assorbire la farina in maniera uniforme. Prendete quindi le nocciole tritate e mischiate il tutto.

Dopo aver imburrato e foderato con carta da forno una teglia, versate l'impasto all'interno livellandolo con una spatola in modo che sia distribuito in modo uniforme. Cuocete a forno statico e preriscaldato a 180° per 25 minuti per poi sfornare e lasciar raffreddare. A questo punto con un coltello potrete creare i pezzi a forma di roccia per il vostro giardino zen! 

Step 2: La ghiaia

Altro elemento fondamentale per un giardino zen è la ghiaia, simbolo di tranquillità e purezza. Ma andiamo a vedere i nostri suggerimenti per creare questo elemento!

Crumble alle mandrole - Ingredienti

  • 60 g di farina 0
  • 60 g di mandorle tritate finemente
  • 60 g di zucchero di canna
    • 50 g di burro
    • Mezza bacca di vaniglia
    • Zucchero a velo

Con il crumble andremo a creare tutta la maggior parte del nostro giardino zen quindi cominciamo preriscaldando il forno a 180°. Mentre il forno si riscalda, prendiamo le mandorle e cominciamo a pelarle. Prendiamo poi una teglia e ricopriamola con la carta da forno.

Successivamente, facciamo tostare le mandorle per 7/8 minuti all'interno del forno. Lasciamole raffreddare e tritiamole finemente con un coltello. Prendiamo poi la farina 0 e mescoliamo le mandorle tritate al suo interno assieme allo zucchero di canna. Quando abbiamo un composto ben amalgamato, prendiamo il burro e tagliamolo a dadini per poi aggiungerlo all'interno dello stesso composto assieme anche ai semi di vaniglia. 

crumble

Con la punta delle dita, lavorate tutto il composto con la punta delle dita fino ad ottenere un composto granuloso. In alternativa, è anche possibile prepare tutto questo con un robot da cucina ma le briciole che andremo ad ottenere saranno più grossolane.

A questo punto, dovreste aver ottenuto un composto che ricorda un po' la pasta frolla. Lasciatelo riposare in frigorifero per almeno 30 minuti e successivamente spargetelo sulla carta di forno per poi infornarlo per 15 minuti circa a 180° in forno preriscaldato. Una volta completata la cottura, lasciatelo intiepidire e poi sbriciolatelo all'interno del vostro piatto pronto per la presentazione. Ricoprite il tutto con dello zucchero a velo per ricreare l'effetto della ghiaia bianca tipica dei giardini zen.

Step 3: Il verde

Il Giappone è una delle terre più verdi e tutte le maggiori città giapponesi sono piene di grandi parchi. Ovviamene, anche nel nostro giardino zen edibile non può mancare un'area verde.

Torta Chiffon al Matcha - Ingredienti

  • 300 gr di zucchero semolato
  • 280 gr di farina 00
  • 20 gr di té verde matcha in polvere
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
      • 6 uova grandi, a temperatura ambiente
      • 1 bustina di cremor tartaro
      • 130 ml di olio di semi di girasole
      • 180 ml di acqua calda
      • 1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia

Questa è la parte più difficile della nostra ricetta, ma non vi spaventate, se seguite le istruzione passo passo riuscirete a completare anche questa parte. Cominciamo preriscaldando il forno statico a 150° e preparando uno stampo per torte in alluminio. Assicuratevi che questo stampo sia abbastanza alto in quanto la nostra torta chiffon lieviterà molto.

Separate i tuorli dagli albumi e in una ciotola pulita unite gli albumi con il cremor tartaro, montando il composto fino ad ottenere delle creste sode.

giardino zen chiffon cake matcha giardino zen

In un'altra ciotola setacciate il té verde, la farina, il lievito per dolci, sale e zucchero e con una frusta metallica a mano fate in modo che il tutto si amalgami per bene. In una ciotola a parte combinate l'acqua, l'olio e l'estratto di vaniglia. Una volta che avete tutto ben amalgamato, versate i tuorli e il composto con l'acqua e l'olio all'interno della ciotola con la farina e il té verde.

Amalgamate bene il tutto con la frusta metallica a mano fino ad ottenere un composto uniforme. Trasferite poi 1/4 degli albumi montati all'interno del vostro impasto e mescolate con una spatola per alleggerire tutto il contenuto. Gli albumi montati a neve dovrebbero essere mescolati sempre con un movimento che parte dal basso in modo che questi non perdano la montatura. Successivamente, incorporate il restante degli albumi in altre tre aggiunte.

giardino zen torta té matcha giardino zen

Quando avrete il composto ben amalgamato, versate l'impasto all'interno della teglia che non va nè imburrrata nè infarinata. Infilate il tutto in forno preriscaldato per circa 1 ora e 15 minuti e a cottura ultimata, estraete la teglia e rivoltatela immediatamente sotto sopra.

giardino zen matcha giardino zen

Lasciate raffreddare leggermente e poi estraete la torta dalla teglia. Una volta pronta, potrete tagliare delle fette sottili per poter decorare il vostro giardino zen.

Step 4: La passeggiata

In alcuni giardini zen, troviamo anche delle pietre piatte che ci consentono di poter attraversare il giardino lasciandolo indisturbato. Ecco come andremo a crearle noi

Mini Meringhe - Ingredienti

  • Albumi (di circa 3 uova medie) a temperatura ambiente 100 g
  • Zucchero a velo 220 g
  • Succo di limone quanto basta

Il trucco nel preparare le meringhe sta tutto nelle uova, infatti il trucco è quello di avere uova freschissime e a temperatura ambiente. Separate quindi i tuorli dagli albumi, versando questi ultimi in un ciotola abbastanza grande. In questo caso, i tuorli non ci serviranno, ma non sprecateli e teneteli da parte, sicuramente troverete il modo di utilizzarli in cucina.

Assicuratevi che all'interno della ciotola non ci siano tracce residue di tuorli altrimenti questi non monteranno. Prendete quindi le fruste elettriche e azionatele da duna velocità media. In alternativa, potete effettuare questo processo anche all'interno di una planetaria, se a vostra disposizione. Mentre state montando le uova, versate a mano a mano lo zucchero all'interno della ciotola assieme a qualche goccia di succo di limone.

Per creare delle meringhe perfette, gli albumi dovranno essere montati a neve molto ferma e per capire se state effettuando tutto correttamente ci sono due test. Il primo è quello visivo, infatti, il composto dovrà risultare sempre lucido e spumoso. Il secondo test invece sarà possibile effettuarlo con le fruste. Infatti, staccando queste ultime dovreste notare un ciuffetto di albume con la punta. Il tutto dovrà risultare simile ad una sorta di nuvola spumosa e lucida.

giardino zen meringhe

Preparate una teglia con carta da forno e successivamente trasferite tutto il composto all'interno di una sac-à-poche con una bocchetta a foro rotondo. Formate dei piccoli dischi dai 2 ai 4 cm di diametro (questo dipende a seconda della grandezza del vostro giardino zen finale) ben distanziati fra loro. Successivamente infilate al teglia in forno statico preriscaldato a 75° per circa 2 ore.

Le vostre meringhe dovranno asciugarsi lentamente al forno e non appena saranno ben asciutte, estraete la teglia dal forno e lasciate raffreddare completamente prima di staccarle dalla teglia.

Step 5: Impiattamento del Giardino Zen

Ora potete dare sfogo alla fantasia e costruire il vostro giardino zen edibile secondo le vostre preferenze! Nel caso vogliate qualche idea, qui sotto trovate qualche immagine di riferimento. Se deciderete di provare a fare questa ricetta, mandateci le vostre foto nei commenti qui sotto o sulle nostre pagine social, siamo curiosi di vedere le vostre creazioni!

Fonti: pandispagna.net, giallozafferano.it, Pinterest, Wikipedia


[:it]Cose da fare in quarantena: guardare il teatro Kabuki[:en]Things to do during Quarantine: Watching the Kabuki Theater[:ja]Things to do during Quarantine: Watching the Kabuki Theater[:]

[:it]

I classici del teatro Kabuki disponibili gratuitamente online

scritto da: Erika | Fonte: SoraNews24

La pandemia del coronavirus e il lockdown continuano in tutto il mondo, ma oggi condividiamo con voi i classici del teatro Kabuki disponibili online per poter passare il tempo in quarantena.

Kabuki

Le Origini

Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando, con il termine kabuki (歌舞伎) si indica un tipo di rappresentazione teatrale sorta in Giappone all'inizio del XVII secolo.
Le origini di questa forma teatrale vengono fatte risalire al 1603 e fanno riferimento a danze eseguite, sulle rive del fiume Kamo a Kyōto. La parola Kabuki è formata da tre ideogrammi: 歌 ka (canto), 舞 bu (danza), 伎 ki (abilità). Gli ideogrammi scelti a formare il nome sono l'equivalente fonetico della parola kabuki, derivata dal verbo kabuku ("essere fuori dall'ordinario"). Questo stava ad indicare l'aspetto e il vestiario in voga al tempo di Toyotomi Hideyoshi e caratteristico dei cosiddetti kabukimono.

In origine, il teatro Kabuki veniva interpretato solo da donne, tuttavia, in seguito alla proibizione per motivi di morale, si passò ad una interpretazione solo maschile anche per le parti femminili. Gli attori specializzati nei ruoli femminili sono chiamati onnagata. Questa tradizione teatrale ammaliò la emergente classe borghese cittadina divenendo di coseguenza una forma popolare. La novità di queste opere consisteva nella rappresentazione di fatti, solitamente drammatici, realmente accaduti. Infatti, spesso tra l'accaduto e la rappresentazione trascorreva pochissimo tempo, costituendo un vero e proprio mezzo di comunicazione di massa.

La struttura

La struttura del Kabuki è molto diversa dallo schema del teatro occidentale e le opere non trattano mai argomenti di ordine generale, questioni esistenziali o riflessioni filosofiche. Quindi sono del tutto assenti monologhi shakespeariani o considerazioni dei protagonisti su questioni di carattere politico. Con trame e caratterizzazione dei personaggi molto fragili, le opere sono spesso confezionate a più mani.

Anche per questo tipo di forma teatrale vale il principio di non assegnare preponderanza alla comunicazione verbale, in opposizione alla cultura occidentale. Infatti, per molto tempo risultava difficile per noi occidentale riuscire a leggere le difficili e sottili situazioni. Le vicende espresse attraverso l'emotività dei singoli personaggi prevalgono sempre sulle considerazioni morali creando una forte tensione emotiva.

5 Ore di teatro Kabuki online

Kabuki

In contrapposizione al teatro Noh e Bunraku, il teatro Kabuki ha risonanza mondiale soprattutto per il tradizionale ed esagerato trucco facciale e costumi drammatici. La maggior parte di queste esibizioni si svolge in luoghi importanti, quindi per assistere ad un'opera Kabuki bisogna essere nel posto giusto, al momento giusto e una possibilità economica a vostra disposizione. Infatti, alcune esibizioni sono così di nicchia che possono solo funzionare per una ripresa, se a questo aggiungiamo la chiusura dei teatri possiamo capire come le problematiche si alzino per questo tipo di arte.

Dopo la cancellazione di Yoshitsune Senbon Zakura (Yoshitsune e i Mille Ciliegi), performance prevista per il 3 marzo, il Teatro Nazionale del Giappone ha colto l'occasione per creare qualcosa di ancora più speciale. Infatti, l'esibizione senza pubblico sarà pubblicata sul canale Youtube del teatro. Divisa in tre video, la rappresentazione teatrale è disponibile per la visualizzazione fino al 30 aprile alle 15:00 JST.

Yoshitsune Senbon Zakura

Yoshitsune Senbon Zakura è composto da cinque atti e richiederebbe due giorni per esibirsi nella sua interezza. In quanto tale, questi video ritraggono la storia in fasi separate. La Performance A copre le parti “Torii Mae”, “Tokaiya” e “Daimotsu-Ura” dell'opera, la performance B comprende le porzioni "Kokingo Uchijinishi", "Shiinoki" e "Sushiya". Invece, la Performance C gestisce il "Michiyuki Hatsune Tabi" e "Kawatsura Hogen Yakata" per un totale di cinque ore di intrattenimento.

Kabuki

Nonostante quest'opera sia una delle epopee antiche più famose, il teatro Kabuki può anche essere godibile con limitate o assenti capacità della lingua giapponese. Infatti, costumi, le esibizioni e la musica d'atmosfera contribuiscono a fornire un ampio contesto. Inoltre, Yoshitsune Senbon Zakura è uno dei tre spettacoli di Kabuki più famosi, quindi il materiale per orientarsi lungo la storia è facilmente reperibile anche per gli stranieri.

Per vedere tutte le performance, controllate il canale YouTube del National Theatre giapponese.[:en]

Kabuki theater classics available for free online

written by: Erika | Source: SoraNews24

The coronavirus pandemic and lockdown continue all over the world, but today we share with you the classics of Kabuki theater available online to spend time in quarantine.

Kabuki

The Origins

For those who do not know what we are talking about, the term kabuki (歌舞伎) indicates a type of theatrical representation that arose in Japan at the beginning of the seventeenth century.
The origins of this theatrical form are traced back to 1603 and refer to dances performed, on the banks of the Kamo river in Kyōto. The word Kabuki is made up of three ideograms: 歌 ka (song), 舞 bu (dance), 伎 ki (ability). The ideograms chosen to form the name are the phonetic equivalent of the word kabuki, derived from the verb kabuku ("to be out of the ordinary"). This indicated the appearance and clothing in vogue at the time of Toyotomi Hideyoshi and characteristic of the so-called kabukimono.

Originally, the Kabuki theater was interpreted only by women, however, following the prohibition on grounds of morals, it was passed to a male only interpretation also for the female parts. The actors specialized in female roles are called onnagata. This theatrical tradition enchanted the emerging bourgeois class of the city and consequently became very popular. The novelty of these works consisted in the representation of facts, usually dramatic, that really happened. In fact, often very little time passed between the event and the performance, constituting a real means of mass communication.

The structure

The structure of Kabuki is very different from the scheme of western theater and the works never deal with general issues, existential questions or philosophical reflections. So there are no Shakespearean monologues or considerations of the protagonists on political issues. With a very fragile story and characters, the works are often written by several hands.

Also for this type of theatrical form, the principle of not assigning preponderance to verbal communication, in opposition to western culture, applies. In fact, for a long time, it was hard for us westerners to be able to read difficult and subtle situations. The events expressed through the emotions of the individual characters always prevail over moral considerations, creating a strong emotional tension.

5 hours of Kabuki theater online

Kabuki

In contrast to the Noh and Bunraku theater, the Kabuki theater has worldwide resonance especially for the traditional and exaggerated facial makeup together with the dramatic costumes. Most of these performances take place in important places, so to attend a Kabuki opera you have to be in the right place, at the right time and an economic possibility at your disposal. In fact, some performances such a niche that they can only run for one time. Furthermore, if we add the closure of the theaters we can understand how the problems arise for this type of art.

After the cancellation of Yoshitsune Senbon Zakura (Yoshitsune and the Thousand Cherry Trees), a performance scheduled for March 3, Japan's National Theater took the opportunity to create something even more special. In fact, the performance with no audience will be published on the theater's Youtube channel. Divided into three videos, the theatrical performance is available for viewing until April 30 at 15:00 JST.

Yoshitsune Senbon Zakura

Yoshitsune Senbon Zakura has five acts and would usually take two days to perform in its entirety. As such, these videos portray the story in separate stages. Performance A covers the parts "Torii Mae", "Tokaiya" and "Daimotsu-Ura" of the work, the performance B includes the portions "Kokingo Uchijinishi", "Shiinoki" and " Sushiya ". Also, performance C manages the "Michiyuki Hatsune Tabi" and "Kawatsura Hogen Yakata" for a total of five hours of entertainment.

Kabuki

Although this is one of the most famous ancient epic operas, Kabuki theater can also be enjoyed with limited or absent Japanese language skills. Indeed, costumes, performances, and atmospheric music help to provide a broad context. In addition, Yoshitsune Senbon Zakura is one of the three most famous Kabuki shows, so the material for finding your way through the story is also available to foreigners.

To watch all the performances, check out Japan's National Theater YouTube channel.[:ja]

Kabuki theater classics available for free online

written by: Erika | Source: SoraNews24

The coronavirus pandemic and lockdown continue all over the world, but today we share with you the classics of Kabuki theater available online to spend time in quarantine.

Kabuki

The Origins

For those who do not know what we are talking about, the term kabuki (歌舞伎) indicates a type of theatrical representation that arose in Japan at the beginning of the seventeenth century.
The origins of this theatrical form are traced back to 1603 and refer to dances performed, on the banks of the Kamo river in Kyōto. The word Kabuki is made up of three ideograms: 歌 ka (song), 舞 bu (dance), 伎 ki (ability). The ideograms chosen to form the name are the phonetic equivalent of the word kabuki, derived from the verb kabuku ("to be out of the ordinary"). This indicated the appearance and clothing in vogue at the time of Toyotomi Hideyoshi and characteristic of the so-called kabukimono.

Originally, the Kabuki theater was interpreted only by women, however, following the prohibition on grounds of morals, it was passed to a male only interpretation also for the female parts. The actors specialized in female roles are called onnagata. This theatrical tradition enchanted the emerging bourgeois class of the city and consequently became very popular. The novelty of these works consisted in the representation of facts, usually dramatic, that really happened. In fact, often very little time passed between the event and the performance, constituting a real means of mass communication.

The structure

The structure of Kabuki is very different from the scheme of western theater and the works never deal with general issues, existential questions or philosophical reflections. So there are no Shakespearean monologues or considerations of the protagonists on political issues. With a very fragile story and characters, the works are often written by several hands.

Also for this type of theatrical form, the principle of not assigning preponderance to verbal communication, in opposition to western culture, applies. In fact, for a long time, it was hard for us westerners to be able to read difficult and subtle situations. The events expressed through the emotions of the individual characters always prevail over moral considerations, creating a strong emotional tension.

5 hours of Kabuki theater online

Kabuki

In contrast to the Noh and Bunraku theater, the Kabuki theater has worldwide resonance especially for the traditional and exaggerated facial makeup together with the dramatic costumes. Most of these performances take place in important places, so to attend a Kabuki opera you have to be in the right place, at the right time and an economic possibility at your disposal. In fact, some performances such a niche that they can only run for one time. Furthermore, if we add the closure of the theaters we can understand how the problems arise for this type of art.

After the cancellation of Yoshitsune Senbon Zakura (Yoshitsune and the Thousand Cherry Trees), a performance scheduled for March 3, Japan's National Theater took the opportunity to create something even more special. In fact, the performance with no audience will be published on the theater's Youtube channel. Divided into three videos, the theatrical performance is available for viewing until April 30 at 15:00 JST.

Yoshitsune Senbon Zakura

Yoshitsune Senbon Zakura has five acts and would usually take two days to perform in its entirety. As such, these videos portray the story in separate stages. Performance A covers the parts "Torii Mae", "Tokaiya" and "Daimotsu-Ura" of the work, the performance B includes the portions "Kokingo Uchijinishi", "Shiinoki" and " Sushiya ". Also, performance C manages the "Michiyuki Hatsune Tabi" and "Kawatsura Hogen Yakata" for a total of five hours of entertainment.

Kabuki

Although this is one of the most famous ancient epic operas, Kabuki theater can also be enjoyed with limited or absent Japanese language skills. Indeed, costumes, performances, and atmospheric music help to provide a broad context. In addition, Yoshitsune Senbon Zakura is one of the three most famous Kabuki shows, so the material for finding your way through the story is also available to foreigners.

To watch all the performances, check out Japan's National Theater YouTube channel.[:]


[:it]Tokyo 2020, tutto quello che c'è da sapere sulle Olimpiadi[:en]Tokyo 2020, everything you need to know about the Olympics[:ja]Tokyo 2020, everything you need to know about the Olympics[:]

[:it]Il nuovo anno è finalmente arrivato e mancano solo pochi mesi all’inizio delle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Tokyo 2020 Tokyo 2020

Le Olimpiadi sono sempre un momento in cui tutto il mondo si riunisce. E’ il momento in cui diventiamo tutti esperti di scherma, lancio del disco e getto del peso. Alla fine tutto il mondo è paese, ma quelle di Tokyo 2020 si preannunciano essere uno spettacolo da togliere il fiato.

Tutti i dettagli su Tokyo 2020

A meno di un anno dall’apertura, cominciano ad uscire le prime news e i primi programmi ufficiali. La cerimonia di apertura si terrà il 24 luglio 2020 e quella di chiusura il 9 agosto, mentre le Paralimpici avranno luogo dal 25 agosto al 6 settembre dello stesso anno. Potete trovare un programma completo di tutte le competizioni sul sito ufficiale.

Tokyo 2020 Olimpiadi 2020

Dove si svolgeranno le Olimpiadi di Tokyo 2020

Per questa occasione, Tokyo ha preparato più di 40 luoghi e palazzetti in giro per la città. Gli ultimi giochi estivi ospitati in questa città, risalgono al 1964, le prime Olimpiadi in Asia. Tuttavia, la capitale del Sol Levante, ha ospitato per ben due volte le olimpiadi invernali, nel 1972 e 1998.

Il Logo

Nel corso della storia, il motivo a scacchi è diventato molto popolare in diversi paesi e per svariate ragioni. In Giappone, questo divenne formalmente noto come "ichimatsu moyo" nel periodo Edo (1603-1867). Questo disegno a scacchi nel tradizionale colore giapponese del blu indaco esprime una raffinata eleganza e raffinatezza che esemplifica il Giappone.

Composto da tre varietà di forme rettangolari, il design rappresenta diversi paesi, culture e modi di pensare. Incorpora il messaggio di "unità nella diversità". Esprime inoltre che i Giochi Olimpici e Paralimpici cercano di promuovere la diversità come piattaforma per connettere il mondo.

Olimpiadi tokyo Tokyo 2020

Dove trovare i biglietti per Tokyo 2020

Al momento purtroppo, e come previsto, i biglietti sono tutti sold out. Tuttavia, una nuova ondata di biglietti sarà disponibile in primavera.

Quali sono i nuovi sport

Come spesso accade ad ogni olmpiade, anche per le Olimpiadi di Tokyo 2020 ci sono nuove specialità in competizione. Nonostante mancassero all’edizione di Londra e Rio, il Baseball and Softball entrano ufficialmente in gara grazie alla forte popolarità in Giappone. Cinque nazioni gareggeranno assieme agli ospitanti per la medaglia d’oro sul diamante.

Tokyo 2020 Tokyo 2020

Assieme a queste arrivano anche il Karate, la scalata, surf e skateboard. Sulla stessa ondata, il basket aggiunge i tornei a tre per otto nazioni. Non mancheranno poi il Rugy a sette, una variante che coinvolge solo 7 giocatori per parte. Inoltre, ritorna il golf dopo il suo debutto a Rio.

Le medaglie

Non da trascurare sono le medaglie che gli atleti vinceranno durante questi giochi olimpici 2020 a Tokyo. Infatti, per questa occasione Tokyo ha creato un progetto speciale per rendere queste olimpiadi un po’ più “verdi”. Questo progetto speciale, il Tokyo 2020 Medal Project , avrà il compito di raccogliere più di 80,000 tonnellate di telefoni cellulari e piccoli apparecchi ellettronici da riciclare in tutto il Giappone. Questi serviranno poi a creare le meravigliose medaglie delle Olimpiadi e Paraolimpiadi 2020.

Olimpiadi

Tokyo 2020 medaglie

Il sito del progetto, ha affermato che sono stati usati oltre 6 millioni di telefoni cellulari derivati da una donazione nazionale durata due anni.

Sport e tecnologia insieme per le Olimpiadi Tokyo 2020

Le Olimpiadi estive del 2020 si preannunciano già spettacolari, ma le sorprese non finiscono qui. Il Giappone è famoso per essere all’avanguardia su ricerca e sviluppo in diversi campi tecnologici. Infatti, durante la cerimonia di apertura, Sky Canvas, con l’aiuto della compagnia di ricerca ALE, illuminerà il cielo notturno. Le due società lanceranno nell’atmosfera “gli ingredienti per una stella cadente” utilizzando un piccolo dispositivo satellitare.
Inoltre, sappiamo che in Giappone i fuochi d’artificio sono molto importanti e per questa occasione, la città pensa di creare una propria pioggia di meteoriti controllata.

Tokyo 2020 torch

Ma le curiosità continuano. All’interno del villaggio Olimpico, saranno disponibili robot umanoidi per fornire indicazioni su alloggi e attrazioni nelle vicinanze. Tuttavia, il Giappone non si accontenta e vuole fare le cose in grande. Infatti, è in fase di sviluppo anche la tecnologia che consentirà aggiornamenti olografici di eventi all’interno dello stadio.

I trasporti di Tokyo 2020

Tokyo si sa, in quanto a trasporti è una delle città più avanzate del mondo e più connesse del mondo. Per queste Olimpiadi 2020 ci saranno delle misure speciali in atto. Infatti, per recarsi al proprio hotel, si può utilizzare una sola tessera magnetica per treni, stanza d’albergo e taxi senza conducente. Esatto, un taxi senza conducente i quali test su strada sono già in corso a Tokyo.

Ma le novità per quanto riguarda il trasporto a Tokyo 2020 non finiscono qui. Infatti, la città introdurrà nuovamente il treno più veloce al mondo. Sebbene non sarà operativo fino al 2027, il Maglev farà il suo debutto alle Olimpiadi di Tokyo. Questo treno ha infranto tutti i record di velocità terrestre ed è in grado di raggiungere velocità circa 600 km/h.
Questi treni futuristici operano grazie al principio della levitazione magnetica, consentendo ai treni di restare sospesi sui binari. È l’assenza di frizione che consente ai treni di raggiungere tali velocità, pur continuando a rispettare i rigorosi standard di sicurezza giapponesi. Insomma, un assaggio di quel futuro fantascientifico che fino ad ora abbiamo visto solo nei film.

Shinkansen N700s Supreme

Durante le Olimpiadi di Tokyo 2020 debutterà anche la nuova seria di Shinkansen N700S, detta anche Shinkansen Supreme.
Completamente ridisegnato in modalità più intelligente e silenziosa, questo treno funzionerà sulla linea Tokaido Shinkansen. Essendo più leggero di 11 tonnellate rispetto alla generazione precedenti consumerà meno energia e correrà tra le stazioni di Tokyo e quella di Shin-Osaka.

Shinkansen N700s supreme Tokyo 2020

La nuova stazione della linea Yamanote

In onore di questo evento, la linea Yamanote inaugurerà anche una nuova stazione: Takanawa Gateway Station. Situata fra le stazioni di Shinagawa e Tamachi, la nuova offrirà l’accesso all’Haneda Airport Monorail e alla linea JR Keihin-Tohoku. Progettata nello stile eki naka, la stazione Takagawa Gateway sorgerà su 4 piani con un’area pubblica che ospiterà un grande scermpo per la visione dei Giochi Olimpici 2020.

Tokyo 2020 Takagawa Gateway

Noi stiamo aspettando con ansia queste Olimpiadi di Tokyo 2020, e voi?

Fonti: olympic.org, mainichi.jpkyodonews.nettimelapsetokyo.com, japan-forward.com[:en]The new year has finally arrived and there are only a few months to go before the Tokyo 2020 Olympics.

Tokyo 2020 Tokyo 2020

The Olympics are always a time when the whole world comes together. It is the moment when we all become experts in fencing, discus throwing and weight throwing. In the end, the whole world is like a small town, but the Tokyo 2020 Olympics are shaping up to be a breathtaking show.

All the details on Tokyo 2020

Less than a year after opening, the first official news and programs begin to come out. The opening ceremony will be held on July 24, 2020, and the closing ceremony on August 9, while the Paralympics will take place from August 25 to September 6 of the same year. You can find a complete program of all competitions on the official website.

Tokyo 2020 Olimpiadi 2020

Where the Tokyo 2020 Olympics will take place

For this occasion, Tokyo has prepared more than 40 places and buildings around the city. The last summer games hosted in this city date back to 1964, the first Olympics in Asia. However, the capital of the rising sun has twice hosted the winter Olympics, in 1972 and 1998.

The logo

Throughout history, the checkered pattern has become very popular in several countries and for various reasons. In Japan, this formally became known as "ichimatsu moyo" in the Edo period (1603-1867). This checkered design in the traditional Japanese colour of indigo blue expresses a refined elegance and sophistication that exemplifies Japan.

Made of three varieties of rectangular shapes, the design represents different countries, cultures and ways of thinking. It incorporates the message of "unity in diversity". It also expresses that the Olympic and Paralympic Games seek to promote diversity as a platform for connecting the world.

Olimpiadi tokyo Tokyo 2020

Where to find tickets for Tokyo 2020

At the moment, unfortunately, and as expected, the tickets are all sold out. However, a new wave of tickets will be available in the spring.

The new sports

As it often happens with every Olympiad, there are also new competing specialities for the Tokyo 2020 Olympics. Despite missing the London and Rio edition, Baseball and Softball officially entered the competition thanks to the strong popularity in Japan. Five nations will compete with the hosts for the gold medal on the diamond field.

Tokyo 2020 Tokyo 2020

Together with these, we can also find Karate, climbing, surfing and skateboarding. In the same wave, basketball adds three-on-three tournaments for eight nations. Rugy seven will not be less, a variant involving only 7 players per side. In addition, golf returns after its debut in Rio.

The medals

Not to be overlooked are the medals that athletes will win during these 2020 Olympic games in Tokyo. In fact, for this occasion, Tokyo has created a special project to make these Olympics a little greener. This special project, the Tokyo 2020 Medal Project, will have the task of collecting more than 80,000 tons of mobile phones and small electronic devices to be recycled throughout Japan. These will then serve to create the wonderful medals of the 2020 Olympics and Paralympics Games.

Olimpiadi

Tokyo 2020 medaglie

The project's website said over 6 million mobile phones from a two-year-long national donation were used.

Sport and technology together for the Tokyo 2020 Olympics

The 2020 Summer Olympics are already shaping up to be spectacular, but the surprises don't end here. Japan is famous for being at the forefront of research and development in various technological fields. In fact, during the opening ceremony, Sky Canvas, with the help of the research company ALE, will illuminate the night sky. The two companies will launch "the ingredients for a shooting star" into the atmosphere using a small satellite device.
In addition, we know that fireworks are very important in Japan and for this occasion, the city plans to create its own controlled meteor shower.

Tokyo 2020 torch

But curiosities continue. Inside the Olympic village, humanoid robots will be available to provide information on nearby accommodation and attractions. However, Japan is not satisfied yet and wants to do things big. In fact, a technology that will allow holographic updates of events inside the stadium is also being developed.

Tokyo 2020 transportation

In terms of transport, Tokyo is known to be one of the most advanced and connected cities in the world. For these 2020 Olympics there will be special measures in place. In fact, to go to your hotel, you can use only one magnetic card for trains, hotel room and taxi without a driver. That's right, a driverless taxi whose road tests are already underway in Tokyo.

But the news regarding transportation in Tokyo 2020 does not end here. In fact, the city will once again introduce the fastest train in the world. Although it will not operate until 2027, Maglev will make its debut at the Tokyo Olympics. This train has broken all ground speed records and is capable of reaching speeds of around 600 km/h.
These futuristic trains operate thanks to the principle of magnetic levitation, allowing the trains to remain suspended on the tracks. It is the absence of friction that allows trains to reach these speeds, while continuing to comply with strict Japanese safety standards. In short, a taste of that science fiction future that until now we have only seen in movies.

Shinkansen N700s Supreme

During the Tokyo 2020 Olympics the new Shinkansen N700S series, also called Shinkansen Supreme, will debut.
Completely redesigned in a more intelligent and silent mode, this train will operate on the Tokaido Shinkansen line. Being 11 tons lighter than the previous generation, it will consume less energy and will run between Tokyo and Shin-Osaka stations.

Shinkansen N700s supreme Tokyo 2020

The new station of the Yamanote line

In honor of this event, the Yamanote line will also inaugurate a new station: Takanawa Gateway Station. Located between Shinagawa and Tamachi stations, the new one will offer access to Haneda Airport Monorail and the JR Keihin-Tohoku line. Designed in the eki naka style, the Takagawa Gateway station will rise on 4 floors with a public area that will host a great shield for watching the 2020 Olympic Games.

Tokyo 2020 Takagawa Gateway

We are very much looking forward to these Tokyo 2020 Olympics, and you?

Sources: olympic.org, mainichi.jpkyodonews.nettimelapsetokyo.com, japan-forward.com[:ja]The new year has finally arrived and there are only a few months to go before the Tokyo 2020 Olympics.

Tokyo 2020 Tokyo 2020

The Olympics are always a time when the whole world comes together. It is the moment when we all become experts in fencing, discus throwing and weight throwing. In the end, the whole world is like a small town, but the Tokyo 2020 Olympics are shaping up to be a breathtaking show.

All the details on Tokyo 2020

Less than a year after opening, the first official news and programs begin to come out. The opening ceremony will be held on July 24, 2020, and the closing ceremony on August 9, while the Paralympics will take place from August 25 to September 6 of the same year. You can find a complete program of all competitions on the official website.

Tokyo 2020 Olimpiadi 2020

Where the Tokyo 2020 Olympics will take place

For this occasion, Tokyo has prepared more than 40 places and buildings around the city. The last summer games hosted in this city date back to 1964, the first Olympics in Asia. However, the capital of the rising sun has twice hosted the winter Olympics, in 1972 and 1998.

The logo

Throughout history, the checkered pattern has become very popular in several countries and for various reasons. In Japan, this formally became known as "ichimatsu moyo" in the Edo period (1603-1867). This checkered design in the traditional Japanese colour of indigo blue expresses a refined elegance and sophistication that exemplifies Japan.

Made of three varieties of rectangular shapes, the design represents different countries, cultures and ways of thinking. It incorporates the message of "unity in diversity". It also expresses that the Olympic and Paralympic Games seek to promote diversity as a platform for connecting the world.

Olimpiadi tokyo Tokyo 2020

Where to find tickets for Tokyo 2020

At the moment, unfortunately, and as expected, the tickets are all sold out. However, a new wave of tickets will be available in the spring.

The new sports

As it often happens with every Olympiad, there are also new competing specialities for the Tokyo 2020 Olympics. Despite missing the London and Rio edition, Baseball and Softball officially entered the competition thanks to the strong popularity in Japan. Five nations will compete with the hosts for the gold medal on the diamond field.

Tokyo 2020 Tokyo 2020

Together with these, we can also find Karate, climbing, surfing and skateboarding. In the same wave, basketball adds three-on-three tournaments for eight nations. Rugy seven will not be less, a variant involving only 7 players per side. In addition, golf returns after its debut in Rio.

The medals

Not to be overlooked are the medals that athletes will win during these 2020 Olympic games in Tokyo. In fact, for this occasion, Tokyo has created a special project to make these Olympics a little greener. This special project, the Tokyo 2020 Medal Project, will have the task of collecting more than 80,000 tons of mobile phones and small electronic devices to be recycled throughout Japan. These will then serve to create the wonderful medals of the 2020 Olympics and Paralympics Games.

Olimpiadi

Tokyo 2020 medaglie

The project's website said over 6 million mobile phones from a two-year-long national donation were used.

Sport and technology together for the Tokyo 2020 Olympics

The 2020 Summer Olympics are already shaping up to be spectacular, but the surprises don't end here. Japan is famous for being at the forefront of research and development in various technological fields. In fact, during the opening ceremony, Sky Canvas, with the help of the research company ALE, will illuminate the night sky. The two companies will launch "the ingredients for a shooting star" into the atmosphere using a small satellite device.
In addition, we know that fireworks are very important in Japan and for this occasion, the city plans to create its own controlled meteor shower.

Tokyo 2020 torch

But curiosities continue. Inside the Olympic village, humanoid robots will be available to provide information on nearby accommodation and attractions. However, Japan is not satisfied yet and wants to do things big. In fact, a technology that will allow holographic updates of events inside the stadium is also being developed.

Tokyo 2020 transportation

In terms of transport, Tokyo is known to be one of the most advanced and connected cities in the world. For these 2020 Olympics there will be special measures in place. In fact, to go to your hotel, you can use only one magnetic card for trains, hotel room and taxi without a driver. That's right, a driverless taxi whose road tests are already underway in Tokyo.

But the news regarding transportation in Tokyo 2020 does not end here. In fact, the city will once again introduce the fastest train in the world. Although it will not operate until 2027, Maglev will make its debut at the Tokyo Olympics. This train has broken all ground speed records and is capable of reaching speeds of around 600 km/h.
These futuristic trains operate thanks to the principle of magnetic levitation, allowing the trains to remain suspended on the tracks. It is the absence of friction that allows trains to reach these speeds, while continuing to comply with strict Japanese safety standards. In short, a taste of that science fiction future that until now we have only seen in movies.

Shinkansen N700s Supreme

During the Tokyo 2020 Olympics the new Shinkansen N700S series, also called Shinkansen Supreme, will debut.
Completely redesigned in a more intelligent and silent mode, this train will operate on the Tokaido Shinkansen line. Being 11 tons lighter than the previous generation, it will consume less energy and will run between Tokyo and Shin-Osaka stations.

Shinkansen N700s supreme Tokyo 2020

The new station of the Yamanote line

In honor of this event, the Yamanote line will also inaugurate a new station: Takanawa Gateway Station. Located between Shinagawa and Tamachi stations, the new one will offer access to Haneda Airport Monorail and the JR Keihin-Tohoku line. Designed in the eki naka style, the Takagawa Gateway station will rise on 4 floors with a public area that will host a great shield for watching the 2020 Olympic Games.

Tokyo 2020 Takagawa Gateway

We are very much looking forward to these Tokyo 2020 Olympics, and you?

Sources: olympic.org, mainichi.jpkyodonews.nettimelapsetokyo.com, japan-forward.com[:]