Tokyo fra le città più convenienti per il 2024

Tokyo si è classificata tra le destinazioni turistiche più convenienti del 2024, quindi quest’anno è il momento giusto di fare la valigia e partire alla volta del Sol Levante!

Complice anche la caduta dello yen, per tutti i turisti stranieri, questa è in realtà diventata un’importante occasione da cogliere al balzo per visitare la capitale giapponese.

E’ vero, il viaggio per arrivare a destinazione è lungo e a volte dispendioso, ma una volta arrivati a Tokyo, la vita quotidiana è davvero conveniente. Infatti, i prezzi che si possono vedere ai ristoranti sono spesso un terzo di quelli a cui siamo abituati qui in Italia.

Ma non solo! Anche spostarsi con i mezzi pubblici è veramente comodo. Non dimentichiamoci infatti che grazie al Japan Rail Pass e alla mitica Yamanote Line, per un turista vivere la città diventa incredibilmente pratico e semplice.

Negli ultimi anni, da quando si è riaperta la possibilità di viaggiare, abbiamo assistito ad un notevole aumento del numero di visitatori in Giappone. L’interesse verso la terra del Sol Levante, ed in particolare Tokyo, non sembra calare.

Tokyo

Un recente sondaggio di Post Office, classifica infatti Tokyo come la quarta destinazione turistica più conveniente al mondo.

La top 10

  1. Hoi An, Vietnam
  2. Città del Capo, Sud Africa
  3. Mombasa, Kenia
  4. Tokyo, Giappone
  5. Algarve, Portogallo
  6. Sharm el-Sheikh, Egitto
  7. Spiaggia soleggiata, Bulgaria
  8. Kuta, Bali
  9. Marmaris, Turchia
  10. Pafo, Cipro

Tokyo ha la reputazione di essere una delle destinazioni più convenienti anche prima della recente situazione economica, quindi ci saranno sicuramente tante occasioni anche in futuro per poter visitare la città

Your Japan Tour: Viaggia con noi

Japan Italy Bridge ha appena lanciato il suo esclusivo Your Japan, un viaggio in Giappone costruito su misura per i turisti italiani. Per questo autunno, avrete la possibilità di andare con noi a Tokyo. Un’esperienza All Inclusive che vi permetterà di scoprire le bellezze della capitale del Giappone. Japan Italy Bridge si occuperà di tutto, dalla prenotazione di voli ed hotel, sino alla programmazione del piano di viaggio. Inoltre, le nostre guide partiranno con voi dall’Italia e vi accompagneranno lungo tutto il percorso nipponico.

Quindi cosa state aspettando? E’ arrivato il momento di fare la valigia e partire con noi!


Dal Lawson store di Kawaguchiko non sarà più possibile ammirare il Monte Fuji

I turisti sono linfa vitale per l'economia di molte località, portando con sé opportunità e crescita. Tuttavia, troppo spesso, mancano di rispetto verso i luoghi e le persone che incontrano, lasciando dietro di sé rifiuti e disordine. È fondamentale viaggiare con un cuore aperto e un'ottica di educazione, valorizzando e proteggendo le meraviglie che ci accolgono altrimenti la decisione che hanno preso gli abitanti di Kawaguchiko, in Giappone, potrebbe ripetersi all’infinito coinvolgendo altre amatissime tappe nel mondo.

Ma cosa è accaduto esattamente?

Il protagonista di questa storia è il Monte Fuji. Ci troviamo nella cittadina di Kawaguchiko dove, ogni giorno, il piccolo minimarket della catena Lwason diventa il palcoscenico per un gran numero di visitatori desiderosi di immortalare la sua facciata blu brillante, che offre un contrasto mozzafiato con la maestosa cima del Fuji-san. Fin qui nulla di strano, se non fosse che l’afflusso massiccio di turisti ha generato problemi significativi, comeil blocco dei marciapiedi, parcheggi abusivi, ecc.., addirittura attraversando la strada in modo selvaggio mettendo a rischio la sicurezza di tutti per ottenere lo scatto perfetto. La clinica dentistica di fronte al minimarket è stata particolarmente colpita, con persone che hanno ostruito l'ingresso e addirittura salivano sul tetto per migliorare la visuale! Nonostante i cartelli multilingue per avvisare i visitatori dei loro comportamenti pericolosi, non si sono verificati dei miglioramenti e questo ha costretto la città a pianificare interventi più severi per gestire la situazione.

Monte Fuji lawson

Il 30 aprile sono iniziati i lavori per installare barriere di circa 2,5 metri di altezza e 20 metri di lunghezza di fronte al minimarket, per impedire alla gente di fermarsi sul lato opposto della strada e ridurre i disagi per la clinica odontoiatrica e le attività vicine. L’ Asahi Shimbun (uno dei principali quotidiani giapponesi noto per la sua copertura approfondita delle notizie nazionali e internazionali e riconosciuto per il suo giornalismo di qualità e la sua influenza nel panorama mediatico giapponese) ha riferito che lungo la strada saranno posizionate sei recinzioni di ferro, larghe tre metri ciascuna, per impedire ai pedoni di attraversare pericolosamente. La costruzione delle barriere, prevista per la prima settimana di maggio, è stata posticipata a causa di difficoltà nel reperire i materiali. Un funzionario ha comunicato al The Japan Times che le parti mancanti arriveranno intorno al 20 maggio, consentendo la ripresa dei lavori per completare la barriera.

Nel frattempo, Lawson ha rilasciato delle scuse ufficiali ai residenti, alle aziende e a tutti coloro che sono stati disturbati dal traffico davanti al negozio. L'azienda sta anche valutando l'idea di inviare personale di sicurezza per aiutare a gestire la situazione. Questo è solo uno degli interventi che i governi locali giapponesi hanno dovuto attuare per affrontare il problema del sovraffollamento turistico. Un esempio simile è stato visto a Kyoto, dove il governo ha recentemente introdotto molteplici misure per vietare l'intrusione degli stranieri nelle strade private senza permesso, in risposta ai turisti che fotografavano ed importunavano le maiko, le giovani donne che intraprendono un rigoroso percorso di formazione per diventare geishe, causando disagi ai residenti e alle attività locali.

Dove vedere e fotografare il Monte Fuji

Non disperate però! Ci sono moltissimi altri punti dai quali è possibile ammirare la vetta più alta del Giappone sempre nel rispetto massimo per gli abitanti! Eccone alcuni:

  • il Parco Arakurayama Sengen, celebre per la pagoda Chureito con il Monte Fuji sullo sfondo;
  • il Lago Kawaguchi, particolarmente suggestivo durante la fioritura dei ciliegi;
  • il Parco Oishi, che offre una vista splendida del Monte Fuji circondato da campi di fiori colorati;
  • il Santuario Fuji Sengen, uno storico punto di partenza per i pellegrini che scalano il sacro monte.

Monte Fuji

Noi speriamo davvero di non leggere più notizie del genere. Voi cosa ne pensate? Credete sia giusta l’installazione di questi immensi pannelli, o avreste optato per qualche altro genere di provvedimento? Fatecelo sapere nei commenti!

Viaggia con noi

Se anche voi siete curiosi di vedere questo incredibile spettacolo, Japan Italy Bridge ha appena lanciato il suo esclusivo Your Japan, un viaggio in Giappone costruito su misura per i turisti italiani. Per questo autunno, avrete la possibilità di andare con noi a Tokyo. Un’esperienza All Inclusive che vi permetterà di scoprire le bellezze della capitale del Giappone. Japan Italy Bridge si occuperà di tutto, dalla prenotazione di voli ed hotel, sino alla programmazione del piano di viaggio. Inoltre, le nostre guide partiranno con voi dall’Italia e vi accompagneranno lungo tutto il percorso nipponico.

Quindi cosa state aspettando? E’ arrivato il momento di fare la valigia e partire con noi!


Aumenta il Japan Rail Pass ma non diminuisce la voglia di utilizzarlo

Il famoso Japan Rail Pass ora costa il 70% in più rispetto ai prezzi pre-covid, tuttavia, nonostante l’aumento di prezzo consistente, i suoi vantaggi non smettono di fruttare.

Japan Rail Pass

Cos’è il Japan Rail Pass?

Potremmo definire il Japan Rail Pass come un “abbonamento per turisti” e, nonostante l’aumento dei prezzi, la sua convenienza è ancora imbattuta.

Il Japan Rail Pass è un biglietto ferroviario multiuso. Permette di utilizzare senza limiti tutti i treni Japan Rail National, agli autobus, ai traghetti e ai transfer aeroportuali.

Il JR Pass consente di viaggiare con facilità e risparmiare tempo durante il soggiorno, anche su treni Shinkansen, senza dover acquistare un nuovo biglietto per ogni viaggio.
Inoltre, i titolari del JR Pass potranno usufruire di sconti presso alcune delle più famose attrazioni turistiche del Giappone a partire da ottobre 2023.

L’aumento estremo dei prezzi

Il turismo verso il Giappone è salito ancora una volta alle stelle; molte industrie e persino i governi locali stanno valutando come addebitare e tassare i servizi.

la JR, a società che gestisce il servizio di treni shinkansen ad alta velocità del paese, offre da anni abbonamenti per corse illimitate da 7 e 14 giorni. Infatti, con il JR Pass è possibile usufruire dello Shinkansen, il famoso bullet train, con corse illimitate; unico requisito, prenotare in anticipo i viaggi.

Per chi non lo sapesse, i prezzi di un biglietto shinkansen possono variare dai 50€ alle 100€ per corsa, a seconda della tratta. Questo ci fa capire come nonostante l’aumento dei prezzi, il costo del Japan Rail Pass è tuttora utile e conveniente, specialmente se dovete spostarvi in diverse parti della città o della nazione.

Tuttavia, il pass ora avrà un costo aggiuntivo. Infatti, a partire da ottobre 2023, i prezzi degli abbonamenti sono aumentati di quasi il 70%. Il lato positivo dell'aumento dei prezzi: il nuovo biglietto consentirà l'accesso ai servizi più veloci Nozomi e Mizuho, esclusi dal biglietto precedente.

Japan Rail Pass

Cosa comprende il Japan Rail Pass?

Come abbiamo detto, il Japan Rail Pass vi permette di poter utilizzare tutti i treni e mezzi pubblici appartenenti alla società Japan Rail National. Questo per esempio include la maggior parte dei mezzi pubblici di Tokyo, la linea Shinkansen e diverse linee in città come Osaka, Kyoto, Nara e tante altre in tutta la nazione.

Viaggia con noi

Japan Italy Bridge ha appena lanciato il suo esclusivo Your Japan, un viaggio in Giappone costruito su misura per i turisti italiani. Per questo autunno, avrete la possibilità di andare con noi a Tokyo. Un’esperienza All Inclusive che vi permetterà di scoprire le bellezze della capitale del Giappone. Japan Italy Bridge si occuperà di tutto, dalla prenotazione di voli ed hotel, sino alla programmazione del piano di viaggio. Inoltre, le nostre guide partiranno con voi dall’Italia e vi accompagneranno lungo tutto il percorso nipponico.

Quindi cosa state aspettando? E’ arrivato il momento di fare la valigia e partire con noi!


Your Japan: vieni in Giappone con noi

Your Japan è un progetto che nasce dalle menti di Japan Italy Bridge in collaborazione con GiraMondo Viaggi Grezzana e Bandai Namco, viaggi in Giappone unici ed esclusivi. Insieme ai nostri esperti, avrete la possibilità di vivere un’esperienza unica nella città dai mille colori: Tokyo.

Il Giappone, una terra tutta da scoprire

Il Giappone è ad oggi una delle mete più desiderate da tutti gli italiani (e non solo). Da anni Japan Italy Bridge lavora con il Sol Levante e, a poco a poco, abbiamo costruito questo progetto su misura per tutti gli appassionati e amanti della terra nipponica.

Your Japan - vieni in Giappone con noi

Your Japan è un progetto che nasce dalle menti di Japan Italy Bridge in collaborazione con Giramondo Viaggi Grezzana e Bandai Namco. Insieme ai nostri esperti, avrete la possibilità di vivere un’esperienza unica nella città dai mille colori: Tokyo.

Una delle megalopoli più grandi al mondo dove la modernità convive con il Giappone tradizionale. Una fusione quasi perfetta che ci permette di passare dalle atmosfere zen dei giardini del Palazzo Imperiale, sino ad arrivare ai vivaci quartieri di Shinjuku ed Akihabara. Ed è proprio in quest'ultima zona che si aprono gli orizzonti a tutti gli amanti di manga e anime. Non importa quanti anni abbiate, qui è il posto giusto per trovare “vecchi” videogiochi storici, o le nuovissime uscite sul mercato. Da nomi storici come Pac-man a Dragon Ball, passando per titoli storici come Ken il Guerriero, City Hunter, i Cavalieri dello Zodiaco, sino ad arrivare a titoli più recenti come Tekken.

your japan viaggio giappone viaggio giappone

I nostri partner

Il marchio GiraMondo Viaggi nasce nel centro storico di Verona nel 1979 con una singola agenzia di viaggi. Con il passare degli anni, il marchio cresce, convertendosi in un gruppo, con molte agenzie di viaggi, presente sul territorio nazionale ed internazionale.
Attualmente si contano un centinaio di agenzie, con marchio GiraMondo, ciascuna con il proprio negozio e location unica in Italia e all’estero.

Leader dell'industria dell'intrattenimento mondiale, BANDAI NAMCO Entertainment Europe pubblica e distribuisce videogiochi e prodotti di intrattenimento in Europa, Medio Oriente, Africa e Asia-Pacifico. La filosofia aziendale è "More Fun For Everyone".

La missione del gruppo è di portare "più divertimento per tutti" in tutto il mondo, con l'obiettivo di diventare i leader dell'innovazione nell'intrattenimento globale.
Dal loro quartier generale europeo a Lione lavorano a titoli come pac-man, soulcalibur, tekken e dark souls… oltre a nuovi progetti come little nightmares, twin mirror e the dark pictures.

I tour leader di "Your Japan"

Il nostro pacchetto è pensato per darvi tutte le attenzioni necessarie per farvi vivere un’esperienza unica ed indimenticabile. Infatti, il nostro staff italiano vi assisterà per tutta la durata del viaggio. I nostri tour leader partiranno da Malpensa con voi e vi accompagneranno per tutta la durata del soggiorno, sino al vostro rientro in Italia.

viaggio giappone

In questi 8 giorni, il nostro staff vi porterà alla scoperta della capitale giapponese, con Experience esclusive e gite fuori porta per poter ammirare anche il Momiji, periodo dell’anno in cui avviene il cambio del foliage.

Fra alberi di Ginko, templi e grattacieli, avrete l’opportunità di vivere un’esperienza indimenticabile e soprattutto all inclusive. Il nostro pacchetto è stato proprio costruito per dare la possibilità ai viaggiatori di non dover pensare a nulla se non a godere delle bellezze di questa fantastica terra. Non dovrete quindi preoccuparvi di voli, hotel o visite guidate perchè è tutto compreso nel prezzo. Inoltre, per chi prenota entro il 30 giugno, avrà anche un ulteriore sconto di 100€ per camera.

Quindi, cosa state aspettando? È arrivata l’ora di fare la valigia e partire con noi!


Tempio Gōtokuji: un monumento ai 1000 gatti

Il gatto più famoso del mondo è forse il Maneki-neko, ovvero la statuetta a forma di gatto con la zampina alzata che arriva direttamente dal Giappone.

In pochi però sanno che la presunta origine di questa statuetta deriva da un tempio giapponese: il Tempio Gōtokuji.

Il Tempio Gōtokuji

Posizionato all’interno del quartiere di Setagaya, una delle zone residenziali di Tokyo, non è conosciutissimo dai turisti generici e raramente ne riceve visita. Tuttavia, a nostro parere questa è una meta immancabile per tutti gli amanti del Giappone. Infatti, nel nostro tour “Your Japan” abbiamo dedicato una visita esclusiva e speciale proprio a questa location.

Il tempio Gōtokuji è una meta immancabile per tutti gli amanti dei gatti proprio perché ospita diverse migliaia di statuette Maneki-Neko di varie dimensioni.

La storia del tempio Gōtokuji

Il tempio Gōtokuji è un cimitero feudale ben conservato dell'era Edo. Questo lo rende uno dei monumenti storici nazionali più iconici della zona.

Leggenda narra che Naotaka, il signore di Hikone, fu invitato nel tempio da un gatto che gli fece cenno con la zampina. All’improvviso scoppiò un temporale e il signore rimase impressionato dalla fortuna che il gatto gli portò proprio nel momento giusto. Questo lo spinse ad aiutare nei lavori per il restauro del tempio, completati nel 1633.

Gōtokuji

Successivamente, lo Shofuku-den fu costruito come parte del tempio per custodire il gatto porta fortuna, conferendogli da qui il nome di “Maneki-neko”. Da quel momento in poi, molte persone visitano proprio lo Shofuku-den per pregare per il benessere, prosperità, fortuna e felicità.

E’ possibile trovare le famose e numerose statue dei gatti di tutte le dimensioni in un angolo del tempio.

Il cimitero e la storia

All’interno del tempio è presente un cimitero che appartiene al clan di Naotaka, che fece del tempio la sua eredità più nota. Il cimitero ospita anche molte figure famose giapponesi, tra cui il maestro di karate Oyama Masutatsu e diversi Primi Ministri.

Inoltre, nel tempio si possono trovare anche bellissimi giardini che offrono un sereno rifugio dal caos e dalla frenesia di Tokyo.

Gōtokuji

Il simbolismo dietro il Maneki-neko

Il Maneki-neko è uno dei simboli giapponesi più amati in occidente. Tuttavia, la statua non è direttamente portatrice di felicità, ma dà la possibilità di stabilire legami con determinate persone. Il risultato finale, dipende interamente dai propri sforzi.

Il messaggio che si cela dietro al Maneki-neko è che si vivi in costante gratitudine, la fortuna e la felicità arriveranno spontaneamente.


Guardians of Japan - Episodio 01: "Age of Samurai: Battle for Japan" review

Rieccoci con una nuova web series firmata Japan Italy Bridge! Come ben sapete ci occupiamo di mettere in comunicazione e promuovere la cultura e le aziende del Giappone in Italia e vice versa.

Visto che in questo periodo non è possibile viaggiare, abbiamo deciso di provare ad accorciare ancora di più le distanze fra Italia e Giappone raccontando non solo le nostre esperienze ma anche condividendo con voi quello che noi sappiamo sul paese del Sol Levante.

Abbiamo già prodotto una web series dedicata alla promozione del Giappone qui in Italia chiamata "Bringing Japan to Italy" ed ora cominciamo appunto con questa nuova serie dedicata alla storia del Giappone e principalmente a quelle figure che affascinano tanto noi occidentali: i Samurai. Per chi ci segue da tempo, già sa che abbiamo una rubrica sul nostro blog abbastanza ricca su questo argomento e ora abbiamo deciso di approfondire il tutto tramite un video podcast.

Quindi ad ogni puntata andremo ad analizzare la vita e le avventure dei Samurai più importanti del Giappone e abbiamo deciso di dedicare il primo episodio alla recensione della serie tv "Age of Samurai: Battle for Japan" che potete trovare in streaming su Netflix! Avevamo già anticipato l'arrivo di "Age of Samurai" su Netflix e ora dopo una full immersion siamo pronte a raccontarvi di cosa si tratta, le nostre impressioni e anche qualche curiosità!

Speriamo che questo primo episodio vi piaccia e siamo davvero curiosi di ricevere i vostri feedback. Rimanete sintonizzati perchè nei prossimi episodi non solo potrete scoprire la vera storia del Giappone, ma ci saranno anche tante sorprese che vi aspettano, enjoy!

Autori: Erika Panzeri, Angie Antenucci // Japan Italy Bridge
Editing: Erika Panzeri // Japan Italy Bridge
Alcune delle riprese nel video sono di proprietà di Netflix, non rivendichiamo la proprietà di queste riprese.


Business Focus: Come approcciare il mercato giapponese

Rieccoci con la rubrica legata la Business Focus e oggi parliamo di come approcciare il mercato giapponese. A partire dalle start up sino ad arrivare alle grandi aziende, molto spesso si tende a dimenticare di approcciare il pubblico giapponese e questo è un errore in partenza. Perché eliminare una fetta di mercato che rappresenta la terza potenza mondiale in fatto di consumatori?

Come approcciare il mercato giapponese

Autore: Erika

Come abbiamo detto poco fa, il mercato giapponese rappresenta la terza fetta mondiale per livello di consumatori. Invece, lo sapevate che le piattaforme social media, anche quelle più grandi, considerano il mercato giapponese come secondo mercato più grande al mondo? Questo perché la Cina, che occuperebbe il secondo posto, ha bloccato molte aziende e politiche aziendali estere, facendo sì che l’attenzione si spostasse appunto sul Giappone.

Tuttavia, molto spesso le aziende commettono l’errore di escludere il Giappone dalle proprie strategie di marketing. Questo avviene perché il mercato giapponese è anche uno dei popoli più difficili da approcciare. In realtà bisogna solo riuscire ad adattarsi alla loro mentalità e ai loro mezzi.

Gli ostacoli del mercato giapponese

mercato giapponese

Uno dei problemi maggiori che le aziende occidentali ritrovano nell’approcciare il mercato giapponese è in primis la barriera linguistica. Infatti, il cliente giapponese medio preferisce usare la propria lingua sia per relazioni private che per scambi commerciali. Infatti, secondo EF, il Giappone risulta 55° in classifica per quanto riguarda la conoscenza dell'inglese.

Se a questo ci aggiungiamo che il Giappone è un paese molto legato alla tradizione e anche ai propri usi e costumi, l’approccio a questo mercato diventa ancora più difficoltoso. Tuttavia, questo non deve fermarci, ma anzi stimolarci per trovare un modo per raggiungere questo mercato. Quindi, che tipo di strategie e tattiche di marketing potremmo adottare? Come affrontare la situazione?

Il digital è la soluzione

mercato giapponese

La strategia in realtà non è così complicata, il digital e i nuovi media sono la nostra soluzione. Se parliamo di startup infatti, spesso il budget a disposizione è limitato e suddividere questo piccolo gruzzoletto su diverse piattaforme per avere più presenza potrebbe in realtà essere controproducente. Meglio concentrare i propri risparmi sul digital. In questi anni di lavoro con le società e il popolo giapponese, abbiamo tentato diverse strade per la promozione delle aziende. Ecco quindi i nostri consigli su dove puntare.

Facebook & Instagram ads

In passato abbiamo già affrontato come i nuovi mezzi digital e in particolare i social media possano aiutarci a far salpare la nostra azienda a livello internazionale. In particolare, la funzionalità ads di Facebook ed Instagram è uno degli strumenti migliori per targettizzare utenti specifici. Sia le start up che le aziende già affermate dovrebbero approfittare di questo strumento per riuscire a raggiungere il proprio pubblico.
I due social ovviamente hanno delle demografiche diverse, Facebook infatti raggiunge un pubblico più adulto in Giappone mentre Instagram si affaccia ad un pubblico più giovane. Unendo le due piattaforme e utilizzandole per promuovere la propria azienda riusciremo a raggiungere un pubblico più vasto. Ovviamente, prima di imbarcarvi in un’operazione di promozione, è importante studiare la vostra mission e il vostro target per riuscire a raggiungere la nicchia di pubblico corretta sul social corretto.

Twitter ads

Uno dei social di più successo in Giappone è sicuramente Twitter. Twitter ha più utenti attivi mensili (45 milioni) di qualsiasi altra piattaforma di social media come Instagram (33 milioni) e anche Facebook (26 milioni) in Giappone. Twitter è una piattaforma un po’ “controversa”, o la ami o la odi. Tuttavia, se usata per il business può diventare un media davvero potente ed efficace tanto quando Facebook, specialmente in fatto di ads. In alcuni casi, a seconda del settore, potrebbe addirittura ottenere prestazioni più elevate rispetto a Facebook. Twitter inoltre raggiunge un pubblico molto giovane e molte aziende giapponesi hanno usato le Twitter ads non solo per aumentare la propria brand awareness ma anche per aumentare il proprio profitto organicamente. Se volete raggiungere il pubblico giovane in Giappone, Twitter potrebbe essere la soluzione per voi.

Influencer Marketing

Ed infine arriviamo qui, all’Influencer Marketing, quello che noi riteniamo essere ad oggi la strategia che funziona meglio a livello internazionale. Nel mondo di oggi, siamo tutti bombardati dalla miriade di pubblicità, puntare sulle collaborazioni con gli influencer potrebbe diventare una cosa positiva.

Tuttavia l’influencer marketing può essere un’arma a doppio taglio. Il primo passo a cui fare attenzione e che decreterà la riuscita di una buona campagna è proprio la scelta corretta del personaggio con cui collaborare. In questo caso diventa ancora più importante riuscire a trovare il giusto influencer che sia in linea con la vostra immagine e che abbia un pubblico in linea con il vostro target.

Ovviamente, riuscire a collaborare con i grandi nomi come Chiara Ferragni o Naomi Watanabe è davvero difficile, tuttavia c’è una categoria da non sottovalutare: i micro-influencer. Hanno seguaci limitati rispetto agli altri, ma hanno anche un tasso di coinvolgimento più alto. Questi non solo potrebbero essere clienti fedeli o sostenitori del marchio ma anche riuscire a portare pubblico alla vostra nicchia.

Investire nel marketing è sempre un’ottima scelte e le startup che magari non hanno un budget infinito possono restringere la propria strategia a qualcosa di mirato e funzionale. Il mercato giapponese può sembrare strano ma ha il potenziale di essere il trampolino di lancio per la vostra azienda. Assolutamente da non ignorare.


Business Focus: Content Strategy, tutto quello che c'è da sapere prima di cominciare

Continuiamo con la nostra rubrica Business Focus parlando di Content Strategy. Le scorse volte abbiamo parlato di Native Advertising che è strettamente legato al marketing di contenuto. Andiamo quindi oggi a vedere cosa fare prima di buttarci nella mischia!

Content Strategy, come gettare le basi per una solida campagna

Autore: Erika

Probabilmente alcuni di voi hanno già sentito parlare di Content Marketing, alla fine è una di quelle tipologie di promozione che sta andando per la maggiore assieme al Native Advertising. Tuttavia una campagna non può funzionare separatamente da una strategia più completa e a lunga durata.

“Dotarsi di una content strategy precisa e strutturata è fondamentale per creare campagna digitali che siano vincenti”

Questo non solo è uno dei nostri mantra, ma dovrebbe essere quello di ogni azienda che decide di approcciarsi (anche per la prima volta) al marketing digitale. Infatti, non esiste content marketing senza content strategy, o almeno non uno che funzioni in modo proficuo.
E’ quindi estremamente importante studiare e capire come poter sfruttare una strategia vincente per il nostro business, qualsiasi esso sia.

Cosa sono il Content Marketing e la Content Strategy

Content Strategy

Prima di tutto, cerchiamo di capire cosa effettivamente sia.

Il content marketing è la creazione e la distribuzione di contenuti utili e di valore. Tutto questo rivolto ad un target di pubblico ben definito in modo da attrarre e acquisire i potenziali clienti e a far compiere loro azioni profittevoli.

La content strategy invece si occupa degli aspetti più “teorici e strategici” per l’appunto. Nella parte di strategia dobbiamo infatti inserire tutti i lati relativi alla pianificazione e gestione del contenuto durante tutto il suo ciclo di vita. Questo comprende non solo la creazione e la pubblicazione del contenuto, ma anche un’attenta analisi. Stiamo parlando infatti di uno studio che prevede l’allineamento del contenuto agli obiettivi di un’azienda, dello sviluppo del contenuto, la produzione, la misurazione e anche l’archiviazione. Tutta questa fase antecede l’implementazione del contenuto stesso.

Content strategy è ciò che sta a monte, tutto ciò che definisce e regolamenta il processo di sviluppo pratico. Infatti, la figura del content strategist non si occupa della produzione dei contenuti ma rivolge la sua attenzione alla pianificazione degli stessi. Questo il responsabile di decidere non solo quando i contenuti debbano essere pubblicati ma soprattutto perchè debbano essere prodotti. In effetti, ogni contenuto è un singolo mattoncino che va a gettare le fondamenta per una buona riuscita di tutta la strategia di comunicazione. E’ quindi importante avere un progetto ben definito, studiato e che possa essere analizzato in ogni suo step.

Content Strategy: Cosa devi sapere prima di iniziare

Abbiamo detto che la content strategy alla fine non è altro che una strategia che prevede gli obiettivi business di un’azienda e poi usa il contenuto come mezzo primario per raggiungere quegli obiettivi.

I contenuti possono essere di svariato tipo ma una dei focus importanti che questi hanno in comune è l’uso intelligente di storie e scrittura creativa, in qualsiasi forma, ma di questo parleremo più avanti.

Il content marketing, anche in Giappone, si concentra su svariati contenuti che possono spaziare dal post di un blog sino anche ad una pagina di conferma. Il compito di queste produzioni è quello di costruire una connessione di fiducia fra i prodotti o servizi di un’azienda e il proprio target di pubblico. Questo diventa maggiormente fondamentale in Giappone, dove acquisire la fiducia del cliente vuol dire tutto e ha molto più peso rispetto ad altre nazioni. Infatti, come abbiamo già detto in passato, il popolo giapponese è fondamentalmente una nazione tradizionalista che non ama i cambiamenti. Infatti, una volta che il target si affida e si fida di una specifica azienda, non la lascia più.

Ma questo è solo l’inizio del concetto di Content Strategy, diamo quindi uno sguardo più specifico a ciò che è coinvolto in una buona strategia.

Content strategy: La Visione

Content Strategy

Quando decidiamo di approcciarci a qualcosa, se vogliamo che questa cosa abbia successo, la base fondamentale è avere una chiara visione di cosa questa si tratti.

Definire gli scopi, gli obiettivi, cosa speriamo di realizzare e come speriamo di farlo sono i primi passi verso la stesura di un buon piano business. Tutto questo parte dalla visione di ciò che vogliamo che l’azienda sia fra tre o cinque anni e, di conseguenza, creare un piano di azione per raggiungere quella visione. Queste sono le fondamenta di una buona strategia.

Oltre a fare una lista di tutte queste cose è altrettanto importante misurare con pietre miliari e obiettivi abbastanza solidi da sfidare noi stessi ma allo stesso tempo flessibili e adattabili a qualsiasi situazione. E proprio a questo proposito, questa pandemia ci ha sicuramente insegnato molto in fretta che tutto è mutabile e tutto può cambiare nel giro di pochissimi giorni. Da qui appunto l’importanza di avere obiettivi stabili, precisi ma al contempo flessibili e adattabili in qualsiasi occasione. Questo vi permetterà di avere le cose ben chiare e sotto controllo, quindi di iniziare il vostro viaggio da una posizione più forte.

Tutto questo fa appunto parte della content strategy. Occuparsi della visione, dei pro e dei contro di come e perchè un contenuto sarà creato, gestito, archiviato o aggiornato.
Alla fine dei conti, la strategia dei contenuti si riduce a scrivere e programmare contenuti con obiettivi e scopi precisi in mente. Niente di tutto quello che andremo a condividere dovrebbe scollegato da tutto il resto dei contenuti e dagli obiettivi aziendali. E’ proprio qui che entrano in gioco visione e scopo.

Pianificare il successo

A qualsiasi progetto voi stiate lavorando, che sia personale o per un cliente, se si vuole far crescere il proprio contenuto diventa una questione di visibilità. Inevitabilmente ci ritroveremo a combattere per il primo posto su google o a trovare il nostro pubblico sui social. Per fare questo però significa che abbiamo bisogno di una strategia o comunque un piano d’azione.

Ormai sappiamo cosa vogliamo ottenere con i contenuti che siamo andati a produrre. La domanda corretta da porci ora è “come lo possiamo ottenere? In che modo?”. Parliamo quindi del metodo.

Sicuramente il primo passo è avere un vantaggio sulla concorrenza, ma non tutti possiamo essere Chiara Ferragni ed essere i primi ad arrivare sul campo. Quindi come possiamo fare? La risposta è avere un piano di content marketing solido ed intelligente in atto.

Farsi scoprire è una se non LA grande richiesta degli ultimi anni e alla base di tutto ci sono sempre le relazioni interpersonali. Farsi leggere e condividere dai nostri amici e dai loro amici è il primo passo verso l'ampliamento del nostro pubblico. Questo potrebbe essere l’inizio della nostra strategia.
Tuttavia per far si che questo funzioni, dobbiamo trovare il target esatto non solo del nostro pubblico ma anche dei contenuti. Quindi, per arrivare a questo punto dobbiamo dare uno sguardo ravvicinato a ciò che è stato già fatto e come sta funzionando, parliamo quindi di analisi.

Ecco un’altra parola importante in tutte le strategie e, più in generale, in tutti i lavori: analisi. La revisione dei contenuti è infatti uno dei passi più importanti nello sviluppo della nostra strategia ma non si tratta della strategia stessa.
Fare un esame attento di tutti i contenuti che sono stati già condivisi, anche dai nostri competitors, ci aiuterà a capire meglio cosa può funzionare e cosa no. Successivamente, possiamo andare ad analizzare in profondità i nostri stessi contenuti e riadattarli per capire cosa possa essere più di successo.

Pensare strategicamente si riduce davvero a fare buone e giuste domande ad ogni step del processo.

Dai il giusto scopo al tuo contenuto

Content Strategy

In un modo come quello di oggi dove i nostri smartphone e le nostre bacheche sono affollate (o meglio sovraffollate) da ogni tipo di contenuto diventa davvero importante selezionare accuratamente ciò che andiamo a condividere. Gettare qualsiasi tipo di foto o video nell’etere tanto per creare presenza non ha più senso. E’ molto meglio perdere tempo e investire energia in creare contenuti che abbiamo una possibilità e uno scopo ben preciso.
Ricordiamoci che noi vogliamo che il nostro contenuto abbia successo, che raggiunga il nostro pubblico e che produca per noi un profitto, che sia immagine o altro tipo di guadagno. Quindi perchè sprecare contenuti prima che abbiano una possibilità?

Il pubblico ormai è abituato a ricevere infiniti input di contenuti e noi vogliamo fare in modo che il nostro contenuto abbia successo. Vogliamo fare in modo che il nostro contenuto raggiunga il nostro pubblico e che lasci una buona impressione e già sappiamo che il pubblico giapponese non è semplice da impressionare. Come possiamo raggiungere questo? Semplice, pianificando il nostro contenuto e pensando strategicamente.

La chiave è sempre avere una strategia prima di produrre qualsiasi contenuto. Non dobbiamo limitarci a sfornare contenuti per il gusto di farlo, ma piuttosto pensare anche alla loro qualità e inserirli in un determinato periodo di tempo.

Quindi, prima di buttarci nella mischia della creazione di contenuti dobbiamo porci le giuste domande. Cosa vogliamo ottenere? Come si incastrano questi nuovi contenuti con quelli già presenti o che stiamo pensando di pianificare? Qual è il quadro generale dei nostri contenuti?
Queste sono tutte domande fondamentali alle quali dare risposta prima di cominciare la nostra produzione. Non dimentichiamoci che noi abbiamo uno scopo specifico, qualunque esso sia, e questo scopo deve essere ben definito. Per esempio, state creando contenuti per aumentare la brand awareness o generare lead? Gli scopi sono tanti ma l’importante è avere ben chiaro quali essi siano in modo da pianificare la strategia corretta.

Dai al tuo contenuto uno scopo e darai al tuo pubblico una ragione per leggere, guardare un video, mettere un like o rincondividere. Il pubblico non è un gregge di persone ma un organismo vivente e intelligente, capace di capire esattamente da dove arriva un contenuto e per quale motivo lo stiamo divulgando. Questo ha ancora più valore con il pubblico giapponese che è sempre più attento e selettivo nella ricerca dei contenuti.
Se stiamo creando un contenuto per un motivo e lo pianifichiamo in anticipo come parte della nostra strategia, il pubblico lo noterà. Allo stesso modo, se dovessimo fare l’opposto e buttare cose a caso, senza una precisa strategia dietro, il pubblico lo noterà.

Ecco perché lo scopo è così importante.

In conclusione

Creare una content strategy efficace e che riesca a connetterci con un pubblico, che lo ispiri all’azione può sembrare davvero complicato. Tuttavia come abbiamo capito è alla base di qualsiasi campagna marketing ben riuscita. Creare contenuti che abbiano uno scopo, che siano parte di una visione più ampia e che ci mettano in contatto con il nostro pubblico è alla base di qualsiasi buona strategia di comunicazione.

Non sempre è una capacità o risorsa che troviamo all’interno di tutte le aziende, per questo ci sono realtà come la nostra che si occupano di seguire tutta questa parte anche per conto di terzi. Noi ci occupiamo di creare questo modello, di produrre il contenuto e mantenere il lavoro fatto per poi ripetere. I nostri sforzi vengono messi nel creare una strategia che permetterà al vostro potenziale pubblico di scoprirvi. In questo modo diventa più facile per voi potervi concentrare su altri aspetti legati al vostro lavoro, o semplicemente rilassarvi senza doverci pensare!