Quaran, la mascotte ufficiale della quarantena del Giappone

Quaran, la mascotte ufficiale della quarantena del Giappone

scritto da: SaiKaiAngel | fonte: TimeOut Tokyo

Conosciamo Quaran, la mascotte ufficiale della quarantena del Giappone! Proprio così, anche questa volta il Giappone ha deciso di darci un messaggio importante pur mantenendo il sorriso.

Il mondo intero sta passando un momento difficilissimo, lottando contro la pandemia di Covid-19. In questo momento, ovunque si stanno chiudendo ditte, musei, scuole e addirittura intere città, spingendo le persone ad attivarsi con lo smart-working. Tutto questo durerà fino alla fine di questa emergenza.

Quaran

E qui entra in gioco Quaran, una mascotte creata dal Ministero della salute giapponese per far capire l’importanza di stare a casa e ricordando anche le distanze di sicurezza. Viene descritta come una piccola fata con una Q sulla fronte, uno scudo e gli occhiali protettivi. Date un’occhiata anche alla sua schiena: con la coda si forma una Q, la Q di Quaran, la Q di Quarantena. La descrizione, come dicevamo, parla di una fata di piccole dimensioni che ci ricorda come evitare il virus rispettando le distanze ed evitare assembramenti, ma quando la incontriamo è una mascotte a grandezza naturale! Dove si può trovare maggiormente questo pupazzo? Negli aeroporti in Giappone, ma si dice che viaggi in tutto il mondo per prevenire atteggiamenti illegali che potrebbero diffondere ancora di più il virus Covid-19, proteggerci con il suo scudo e il suo buon senso.

Quaran

Quaran è stata creata anche per promuovere il lavoro del Quarantine Information Office, sotto il controllo del Ministero della Salute.

Non solo! Quaran ha addirittura un sito tutto suo, merita uno sguardo molto attento. Stai al sicuro, mondo! Quaran ci aiuterà a vivere tutto con responsabilità, buon senso, prevenzione, ma sempre un un sorriso. Un sorriso, ciò che non deve mai mancare mentre lottiamo.

Fonte: TimeOut Tokyo | Photo credits: forth.go.jp


Japan History: Sasaki Kojirō

Sasaki Kojirō (1583 circa – 13 aprile 1612) nacque in un villaggio della provincia di Echizen. Noto come Sasaki Ganryū, è stato un importante spadaccino giapponese, principalmente ricordato per essere stato ucciso nel corso di un duello con Miyamoto Musashi. Sasaki Kojirō viene ricordato anche per indossare un haori di colore rosso e visse fra l’era Sengoku e l’inizio del periodo Edo.

Sasaki Kojirō

photo credits: wikipedia.org

La sua vita

Vissuto a cavallo dell'epoca Sengoku e l'inizio del periodo Edo, da ragazzo incontra Toda Seigen, istruttore di arti marziali del clan Asakura, divenendo suo allievo. Questo tipo di addestramento lo porta lontano dallo stile di Seigen, avvicinandosi al il kodachi, e sviluppando una tecnica che fa uso di ōdachi denominata Ganryū ("Stile della Roccia"). Grazie alla sua katana chiamata Monohoshi Zao, sviluppa la tecnica Tsubame-Gaeshi ( "Contrattacco della Rondine"), ispirata al volo dell'uccello.

Nel 1610 apre un dojo a Kokura e la sua fama inizia ad attrarre numerosi studenti di arti marziali, tra i quali troviamo Miyamoto Musashi, uno spadaccino ventinovenne che nell'aprile del 1612 lo sfida ad un duello che diventa protagonista di molte leggende. Le versioni descrittive delle leggende riguardanti il duello tra Sasaki Kojirō e Miyamoto Musashi sono varie e differiscono molto per quanto riguarda i dettagli. Su una cosa le leggende sono tutte d’accordo ed è la fine del duello che vede Musashi come vincitore.

Il duello finale

Il duello avvenne il il 13 aprile 1612 su un’isola a pochi chilometri da Kokura. Prima di giungere nel luogo, Musashi costruì un bokken con un remo e si presentò con ben tre ore di ritardo, ovvero tra le 9 e le 11. Kojirō estrasse la sua spada arrabbiandosi molto con Musashi a causa del suo ritardo e lanciò il fodero nell’ acqua. Musashi uccise Kojirō con un colpo alla testa assestato dalla sua spada di legno. Avvenne tutto così’ velocemente senza lasciare il tempo a Kojirō di usare la sua tecnica.

Sasaki Kojirō

photo credits: muza-chan.net

Le ipotesi della morte di Sasaki Kojirō

Le ipotesi riguardanti la vittoria di Miyamoto Musashi sono tante, tra cui si pensa anche che il ritardo fosse premeditato proprio per innervosire l’avversario. Durante le tre ore di ritardo infatti, Musashi si riposò mentre Kojirō perdeva completamente la concentrazione. In aggiunta, il suo abbigliamento non curato e la spada di legno contribuirono a fare arrabbiare Kojirō ancora di più. Si può dire che Musashi abbia vinto giocando sulla psicologia dell’avversario.
Un’altra ipotesi vede Musashi protrarre il ritardo appositamente per sfruttare l’effetto della luce solare tanto che potesse accecare l'avversario, un’altra ancora lo vede approfittare della bassa marea che gli avrebbe permesso di scappare più facilmente.

Sasaki Kojirō

photo credits: wikipedia.org

Kojirō era (probabilmente) sordo da un orecchio, ma questo non ha mai contribuito alla sua perdita, nonostante tutto sembra che questo sia accaduto perchè Musashi sfruttò la maggior lunghezza del suo bokken rispetto alla spada del suo avversario.

L’isola che fu luogo del duello venne ribattezzata Ganryū-jima in onore di Sasaki Kojirō.


TENOHA &| TASTE: KIIRO WEEK

E' tempo di Kiiro Week da TENOHA Milano! Infatti, l’Hinamatsuri (雛祭り), conosciuto anche come la festa delle Bambole o festa delle Bambine, si festeggia in Giappone e anche a TENOHA Milano.

Kiiro Week
Solitamente questa festa si tiene il 3 Marzo di ogni anno in Giappone ed è una ricorrenza molto sentita. Consiste nell’esporre una serie di bambole ornamentali rappresentanti l’imperatore, l’imperatrice e altri esponenti della corte del periodo Heian. Durante l’Hinamatsuri i familiari pregano perchè le bambine possano avere bellezza e salute passando la sfortuna alle bambole allontanandola da loro. Nel resto del mondo, insieme alla festa delle Bambole o delle Bambine, si festeggia la Donna nel giorno dell’8 Marzo. TENOHA Milano, vero ponte tra Giappone ed Italia, decide di riunire le due feste e presenta la Kiiro Week con un piatto tipico dello Hinamatsuri: il Chirashi-sushi ちらし寿司 in un bento di legno (juubako).

I piatti della Kiiro Week

I set che potete gustare sono composti da Chirashi & Osuimono.
Il Chirashi sushi è un piatto tipico e molto richiesto. Riso, uova, gamberi, tonno, salmone, tobiko, cetrioli, radici di loto, peperoni gialli e taccole.
L’ Osuimono è una zuppa con vongole, cima di rapa e yuzu

Dettagli

Quando: 4-9 marzo
Dove: TENOHA &| TASTE, TENOHA MILANO — Via Vigevano, 18
Quando: lunch & dinner
Costo: Special lunch set KIIRO: 18€ | Special dinner set KIIRO: 18€

Highlights

SET: Chirashi & Osuimono
2 special drink (solo nel weekend)


Japan History: Akechi Mitsuhide

Akechi Mitsuhide (1526 – luglio 1582), noto anche come Koreta Mitsuhide, è stato un generale giapponese. Figlio di Akechi Mitsukuni, Mitsuhide servì Asakura Yoshikage e nel 1566 divenne messaggero per il "vagabondo errante" Ashikaga Yoshiaki. Tuttavia, la sua fama maggiore fu quella di essere uno dei generali al servizio del daimyō Oda Nobunaga, e il suo tradimento ne causò la morte.

Akechi Mitsuhide

photo credits: samurai-world.com

Cominciò a servire Oda Nobunaga nel 1566 dopo la conquista della provincia di Mino e nel 1571, dimostrandosi un abile generale, ricevette in feudo il territorio di Sakamoto. Oda Nobunaga, vedendolo come uno degli uomini di cui poteva fidarsi maggiormente, lo incaricò di pacificare la regione di Tamba e porla sotto al controllo del suo signore. Le sue campagne militari contro i clan locali ebbero successo e una volta conquistato il territorio, venne ricompensato con il castello di Kamiyama diventando il governatore della provincia di Hyūga.

Il tradimento

Nel 1579 Mitsuhide conquistò il castello di Yakami che apparteneva a Hatano Hideharu e negoziò con lui i termini per la pacificazione. Oda Nobunaga, in totale disaccordo con gli accordi presi dal suo vassallo, fece giustiziare Hideharu. A quel punto il clan Hatano si vendicò nei confronti di Akechi Mitsuhide uccidendone la madre che era stata inviata come ostaggio durante le trattative. Probabilmente questo fu uno dei motivi che portarono Mitsuhide a tradire Oda Nobunaga.

Akechi Mitsuhide

photo credits: samurai-world.com

Il 21 giugno 1582 Nobunaga, nel tentativo di sfuggire al colpo di stato organizzato da Mitsuhide, si rifugiò nell'Honnō-ji, un tempio di Kyoto che Mitsuhide incendiò. A quel punto non si sa se Nobunaga morì nell’incendio o se fece in tempo a compiere seppuku prima. Tuttavia, alla notizia della sua morte, Toyotomi Hideyoshi e Tokugawa Ieyasu radunarono i propri eserciti per inseguire Mitsuhide. Hideyoshi fu il primo a trovarlo e lo sconfisse nella battaglia di Yamazaki durante la quale il traditore di Nobunaga fu ucciso da un bandito chiamato Nakamura. A causa della sua morte venne soprannominato Jūsan-kobū (Shōgun dei tredici giorni).

I motivi del tradimento

Akechi Mitsuhide

photo credits: samurai-world.com

Non si sanno tutti i motivi che spinsero Mitsuhide a tradire Nobunaga, uno potrebbe essere quello che abbiamo già detto che coinvolgeva l’assassinio di sua madre. Un altro potrebbe riguardare invece l’amicizia che legava Akechi Mitsuhide con Chosokabe Motochika, daimyo di Shikoku. Intorno al 2013, alcuni ricercatori hanno scoperto una serie di lettere nel Museo di Okayama tra Akechi Mitsuhide e il suo amico di vecchia data, Chosokabe Motochika. Le lettere erano state scritte pochi mesi prima dell'attacco del 21 maggio 1582 all'Honno-ji. Secondo le lettere, Chosokabe aveva deciso di non opporsi a Nobunaga ed era disposto a sottomettersi al signore della guerra. In risposta, sembra che Mitsuhide stesse cercando di evitare di prendere parte alla sottomissione di Shikoku per evitare una futura disputa che avrebbe potuto coinvolgere Chosokabe. Proprio per proteggere il suo amico, Akechi Mitsuhide decise probabilmente di tradire Nobunaga.

Un'altra probabile ragione fu la conoscenza di Mitsuhide dei piani futuri di Nobunaga che desiderava governare la nazione. Nobunaga aveva dichiarato di voler diventare Tenka Fubu, l'unico sovrano sotto il cielo. Per questo, si ipotizzò che volesse rovesciare l'imperatore, per fare in modo che sopra di lui non ci fosse nessuno. Forse Akechi Mitsuhide decise di eliminare Nobunaga salvando così la famiglia imperiale e l'imperatore.

Secondo alcune fonti riuscì a salvarsi nella battaglia di Yamazaki diventando un monaco di nome Nankobo Tenkai. La sua vita è completamente immersa nel mistero e continua, ancora oggi, a suscitare dubbi e creare supposizioni.


Merippa, il comfort di casa direttamente dal Giappone

Stare bene in casa, sentirsi a casa veramente con Merippa, disponibili a TENOHA &| SHOP di TENOHA Milano. La comodità non è mai stata così bella! 

Merippa Merippa

Vestibilità morbida e confortevole che si adatta perfettamente ai vostri piedi. Quanto desiderate dopo una giornata stressante di poter tornare a casa ed indossare delle comode calzature, soprattutto se avete un lavoro per cui sono richieste scarpe con tacco? Oppure, quanto desiderate fare un regalo amato e anche particolare? Merippa vi darà la comodità, il calore e l’innovazione che cercate grazie alle nuove pantofole che possono essere usate anche come comodi calzini. Assomigliano alle pantofole, ma sono leggere come le calze, grazie al tessuto giapponese con cui sono create. Un'ottima combinazione di design elegante e funzionalità. Ci sono molte persone che amano indossare i calzini in casa, altre che invece vogliono le pantofole, Merippa accontenta entrambi! Calzature reversibili, morbide, leggere, resistenti che potete lavare in lavatrice e portare in valigia, proprio per la loro capacità di essere ripiegate come calzini. Non più spazio occupato inutilmente con Merippa, basta pochissimo per portarle in giro ovunque nonostante la qualità tessile sia altissima e i colori siano davvero tanti. Li avete visti? Avete visto quanti colori sono disponibili? La comodità, come dicevamo, non è mai stata così bella!

Merippa Merippa

In Giappone ci sono vari negozi pop-up Merippa. Stiamo parlando di un brand famosissimo in Giappone che ora sta diventando quasi virale qui in Italia! Merippa è ovunque e potete trovarlo in TENOHA &| SHOP a Milano, con le sue collezioni sia invernali che primaverili.

Merippa è quello che cercate per essere cool anche nella comodità di casa. Il focus di questo brand è proprio poter dare bellezza ed eleganza anche nei momenti di relax. Se doveste avere degli amici a casa, vedrete quanto invidieranno le vostre pantofole Merippa! Sicuramente vi chiederanno anche dove le avete prese, beh… la risposta è semplice: a TENOHA &| SHOP!

Siate unici e particolari anche tra le mura di casa, fatevi tentare da Merippa, la bellezza, l’assoluta comodità e la praticità giapponese finalmente qui in Italia!

 


TENOHA & | SHOP: COKON LAB BEAUTY BAR • Test cosmetici e trattamenti di bellezza gratuiti

C’è un nuovo appuntamento da non perdere in città: la nuova Japanese Beauty routine con KEIKO a &| SHOP di TENOHA Milano! E’ solamente il capitolo 1 di questa nuova avventura che potete vivere qui a TENOHA Milano, una cura di bellezza tutta giapponese! Siete pronti a farvi coccolare e ad abbandonare tutto lo stress che avete accumulato? Non potete davvero perdere questa occasione, anche perchè è unica!

TENOHA Milano

I prodotti

I prodotti di Cokon Lab vengono promossi da Keiko che, grazie a brevi sedute personali, vi delizierà con massaggi alle mani regalandovi momenti di puro benessere grazie al baco da seta! La presentazione dei prodotti è varia, così anche i brands e comprende:

UKA COSMETICS:
Kenzan head massage
Scalp diagnostic

COKON LAB:
Hand massage

MAKANAI:
Hand massage
Auto facial massage
Trial of gold leaf mask

Cosa aspettate? Abbandonate lo stress e godetevi il relax più totale!

Dettagli

Dove: TENOHA & | SHOP, TENOHA MILANO — Via Vigevano, 18, 20144 Milano
Quando: 23 Febbraio - Mattina: dalle 11:00 alle 13:00 | Pomeriggio dalle 16:00 alle 18:00


Fukushima Mirai Challenge Project e il futuro del Giappone

Il futuro è a TENOHA Milano con il progetto Fukushima Mirai Challenge, disponibile fino alla fine di febbraio.

Se volete sapere cosa significa veramente la parola “resilienza”, dovete soffermarvi su questo articolo. Stiamo parlando di futuro, rinascita, entusiasmo, passione e vero amore. Mirai in giapponese significa Futuro, il futuro della provincia di Fukushima. Dal 3 Marzo 2011 niente è rimasto più lo stesso, da quella tragedia in cui terremoto e tsunami hanno distrutto famiglie, case e attività. Come dicevo, niente è rimasto più lo stesso e c’è qualcosa che è sbocciato come un fiore nel deserto: il desiderio di rinascita. La resilienza. Continuare il proprio lavoro nonostante tutto. Proprio su questo si basa il Fukushima Mirai Project, il progetto del FUTURO. Dodici comuni della prefettura di Fukushima aderiscono a questo importante progetto e hanno deciso di tornare alle loro attività dopo l’ordine di evacuazione avvenuto anni fa.

Fukushima Mirai Challenge Fukushima prefecture Fukushima Mirai Challenge

La rinascita di Fukushima con il Fukushima Mirai Challenge

Nel Fukushima Mirai Project c’è la voglia di ricominciare, di ricostruire e ricostruirsi, rivalorizzare le città, rinascere. Infatti, questo progetto supporta le imprese autonome, promuovendo il loro sviluppo anche nel mercato estero. Oggi prenderemo ad esempio due aree che stanno lottando con i loro stupendi prodotti per rinascere, leggete attentamente non solo con gli occhi, ma anche soprattutto con il cuore.

Fukushima Mirai Challenge Fukushima Future Fukushima Mirai Challenge

Saiei Orimono con Kawamata Silk

La sfida dell’azienda "Saiei Orimono" nella città di Kawamata che partecipa al Fukushima Mirai Project è quella de "la seta più sottile del mondo". Sicuramente sapete che prezioso tessuto possa essere la seta, ma la seta più leggera al mondo l’avete mai toccata? Sentirla tra le mani è qualcosa di unico, incredibilmente evanescente, una piuma e infatti più di 1000 spettatori, ambasciatori di ogni paese compresi, hanno potuto ammirare la seta "Fairy feather" durante uno spettacolo che si è tenuto nella sede dell’UNESCO di Parigi. Sapete cos’è? La seta più leggera e sottile al mondo, quindi una piuma, per questo il vestito si è meritato il nome di "Fairy feather", Piuma fatata. In giapponese si dice hagoromo che significa Abito di piume. A TENOHA &| SHOP potete trovare i foulard di vari colori.

Fukushima Challenge Fukushima Mirai Challenge

Saiei Orimono e Beyond Kimono

BEYOND KIMONO presso la sede dell’UNESCO ci informa che dal pubblico in molti si sono complimentati per i colori e la trama dei tessuti. Questo prodotto lucente, sottile, fermo e brillante, indossato è unico e riesce a farti sentire incredibilmente speciale. Molti marchi mondiali hanno scelto questo tessuto per indumenti di vita quotidiana come le sciarpe.

Per avere un esempio pratico della leggerezza del tessuto, il presidente Yasuyuki Saito ha detto che un vestito da sposa normale pesa più di 10 kg. Il vestito da sposa che utilizza la seta Fairy Feather pesa meno di un decimo di 600 grammi. Il pensiero di Saito prima di realizzare questo speciale tessuto, si è sviluppato grazie ad una designer, Yumi Katsura, che aveva lavorato sugli abiti da sposa. “Voglio creare un abito con cui la sposa possa anche ballare al matrimonio". Ecco da dove nasce la seta più sottile al mondo! Questo pensiero ha dato vita alla bellezza e leggerezza che si sposano e si adagiano delicatamente ed elegantemente su di voi.

A causa del terremoto nella regione del Tohoku, la società ha anche sofferto di interruzioni logistiche. Le difficoltà a cui hanno fatto fronte sono state tantissime, ma sono diventate anche un desiderio di rinascita ancora più grande. Pensate che l’abito Fairy Feather è stato completato l’anno dopo il terremoto, nonostante tutte le difficoltà, rimanendo sempre in continuo sviluppo.

La voglia di rinascita di questa azienda è concentrata sulla qualità di questa seta che tutti ora potrete toccare e indossare grazie al Fukushima Mirai Project e a TENOHA &| SHOP, TENOHA Milano.

Ikariya Shoten con Ōborisoma-yaki

Passiamo dall’abbigliamento all’artigianato tradizionale utilizzato dalla prefettura di Fukushima e non solo. Con Ōborisoma-yaki abbiamo delle ceramiche che hanno le crepe, la doppia cottura e il colore come caratteristiche principali. Sempre a causa del terremoto del 2011, le aziende evacuate hanno cercato vari luoghi per continuare la produzione, come una cooperativa, continuando il loro lavoro.

Japanese ceramic Ceramics

Ōborisomayaki è un termine che indica le ceramiche prodotte in tutta l'area di Ōbori, nelle città di Namie e di Futaba. Stiamo parlando di una ceramica con un’importante storia alle spalle che comincia addirittura nel periodo Edo. Nella società feudale era chiamata Soma, dopodiché divenne Ōborisoma-yaki. La produzione di questo materiale era diventata un’attività secondaria degli agricoltori. Tuttavia, divenne così importante da raggiungere i 100 forni di produzione alla fine dell’era Edo diffondendosi dall’isola di Hokkaido all'intera area del Kanto.

Ōborisoma-yaki e l'era Meiji

Nell’era Meiji, dopo la guerra, il centro di produzione aumentò moltissimo. Il mercato dal Giappone si diffuse anche negli Stati Uniti con il nome di "Idea Cup" e "Double Cup".

L'incidente nucleare di Fukushima Daiichi della Tokyo Electric Company nel marzo 2011 ha costretto tutti i residenti della città di Namie ad evacuare fino alla fine del marzo 2017. Invece, l’area di Ōbori in cui si produceva la ceramica Ōborisoma, era è ancora inaccessibile.

Fukushima Mirai Challenge

Ovviamente, tutto questo non ha scoraggiato la Cooperativa Ōborisoma-yaki che nel 2012 ha creato un laboratorio temporaneo e un ufficio a Nihonmatsu. Lezioni di ceramica, esposizione e vendita di prodotti, workshop, forni comuni per i ceramisti che volevano andare avanti con le loro attività.

Ordinazione dei prodotti Ōborisoma-yaki, richiesta di esibizione ad eventi e classi di ceramica sono solo alcuni degli elementi di rinascita a cui possiamo assistere. Le opere di Oborisoma-yaki sono anche qui a TENOHA &| SHOP, TENOHA Milano, che ha partecipato con orgoglio al progetto Fukushima Mirai Challenge.

Fukushima Mirai Challenge Fukushima Mirai Challenge Fukushima Mirai Challenge

Fukushima Mirai Challenge, prodotti unici nel loro genere

Fukushima Mirai Challenge è un progetto che ci regala non solo prodotti unici, ma supporta anche una storia importante. Ogni prodotto che indossiamo o che teniamo con noi significa Rinascita. Infatti, la seta più sottile al mondo di Kawakama e le splendide ceramiche di Ōbori sono solo un’importante parte del futuro di Fukushima.

Volete toccare con mano il futuro? Accettate questa importante Challenge? Vi aspettiamo a TENOHA Milano per tutto il mese di febbraio, e ricordate che ogni acquisto andrà a favore del progetto governativo di recupero delle aree disastrate. Ognuno di noi può contribuire alla rinascita di Fukushima e supportare questo importantissimo progetto, diventando una parte essenziale del futuro di Fukushima Mirai Challenge.

Official Website | Facebook page


TENOHA &| TASTE: HAKKEN SHINSHU

HAKKEN SHINSHU, un San Valentino speciale a TENOHA Milano in collaborazione con PRIME MEAT e la carne Wagyu. Sapete già che l’unione TENOHA Milano e PRIME MEAT è vincente giusto? Ricordate il meraviglioso menu Wagyu dello scorso dicembre? Ora potete inebriarvi nuovamente con la carne più buona al mondo, la Wagyu!

Wagyu

Grazie a PRIME MEAT e TENOHA Milano possiamo godere l’esperienza della Wagyu, fatela provare anche alla vostra metà! Se non sapete dove trascorrere San valentino insieme al vostro partner o se volete provare un’esperienza nuova ed eccitante, abbiamo la soluzione! Regalate una serata speciale e fuori dal comune nell’accogliente ambiente di TENOHA Milano con una formula speciale un menu scelto per San Valentino! L’esperienza di cui parliamo, è dedicata all’area di SHINSHU proprio al centro del Giappone. Gli ospiti speciali della serata saranno i grandissimi Chef Kubo e Chef Tsukada. Saranno proprio loro a guidarvi nella scoperta di differenti tipologie di sakè abbinate alle incredibili ricette create con i prodotti tipici di Shinshu.

Hakken Shinshu: i menu Wagyu

APERICENA • Special St. Valentine
1 DRINK incluso, ultimo ordine 21.30

STANDARD 15 €
Buffet
3 pezzi di Nigiri
3 tipi di Otsumami
3 tipi di Sake

MEDIUM 20 €
Standard +
2 Nigiri di Wagyu
oppure
Ramen

LARGE 25 €
Standard +
2 Nigiri di Wagyu
& Ramen

Già dal menu potete rendervi conto della specialità che andrete a provare. Ma mai sarà come assaggiarle, quindi venite a trascorrere un San Valentino speciale qui a TENOHA Milano con PRIME MEAT SELECTION! Sentitevi a Shinshu con amore e scoprite il cuore del Giappone!

Informazioni

Quando: 14 Febbraio, dalle 18:00 alle 22:30
Dove: TENOHA MILANO — Via Vigevano, 18