I pattern giapponesi

I giapponesi sono famosi per il loro stile e i pattern legati alle stoffe dei kimono, fazzoletti da tasca e altri oggetti hanno fatto storia e rimangono uno dei simboli del Sol Levante. Oggi condividiamo con voi alcuni dei pattern più famosi e cercheremo di analizzarli insieme.

Pattern tradizionali giapponesi, quali sono e cosa significano

Autore: Erika | Fonte: Nippon.com

La tradizione giapponese vuole che i kimono ma anche gli asciugamanti tenugui e altri piccoli oggetti giapponesi siano decorati con delle stoffe ben precise. Infatti spesso troviamo delle decorazioni ben precise su questo tipo di tessuti. Ogni decoro e ogni pattern ha un nome ben preciso e un'origine ben definita che rivela significati nascosti con degli scopi ben precisi. Ecco un breve elenco dei modelli più tradizionali.

Pattern: Uroko (Scaglie)

Creato attraverso la combinazione di triangoli, questo tessuto somiglia alle squame di serpente o pesce. Nella tradizione, i samurai indossavano abiti con questo pattern come talismano protettivo contro il male.

Kōjitsunagi (Personaggi Kō intrecciati)

Come spesso troviamo anche nella cultura occidentale, le decorazioni di molti tessuti corrispondono ad un preciso carattere ripetuto in modo grafico. Infatti, questo modelle prende proprio il nome dall'uso del carattere 工 (kō), ripetuto ad incastro in modo che i caratteri sembrano allungarsi all'infinito. Questo tipo di pattern è associato alla fortuna ed è un disegno tipico utilizzato nei materiali per creare i kimono.

Pattern: Asanoha (Foglie di canapa)

Letteralmente chiamato Foglie di Canapa, questo pattern giapponese ha una forte vitalità proprio come la fibra omonima. La canapa è una pianta che cresce vigorosa senza bisogno di molte cure. Infatti, questo è il focus del modello che spesso è utilizzato nella creazione di kimono per bambini e neonati proprio nella speranza che anche loro crescano gradi e forti.

Yabane / Yagasuri (Piume di freccia)

Questo pattern giapponese si basa sullo stilizzare le piume di falco, aquila e altri volatili utilizzati nella fabbricazione di frecce. Dietro a questo tipo di stoffa, come sempre, troviamo un profondo simbolismo. Infatti con il puntamento al bersaglio, le frecce sono state a lungo utilizzate come motivo di buon auspicio. Tuttavia, una volta scattate le frecce non ritornano, e, proprio per questo motivo, nel periodo Edo, alle spose venivano regalati kimono con questo disegno come porta fortuna. Infatti, questo pattern era una sorta di portafortuna per assicurarsi che le mogli novelle non dovessero tornare nella loro casa di famiglia.

Inoltre, alla fine degli anni Settanta, questo pattern divenne famoso grazie a Benio, protagonista di Haikara-san, un manga per adolescenti. Infatti, lei indossava questo tipo di Kimono a scuola e questo portò all'abbinamento con l'hakama bordeaux, un tipo di gonna divisa. Questo portò gli adolescenti a rendere questo pattern giapponese una combinazione popolare alle cerimonie di laurea.

Pattern: Same Komon (pelle di squalo)

Grazie agli archi sovrapposti in piccoli punti, questo pattern giapponese richiama proprio la pelle di squalo e da qui prende il suo nome. Nella tradizione lo troviamo spesso utilizzato dalla famiglia Kishū Tokugawa, alla quale apparteneva lo Shōgun Tokugawa Yoshimune (1684-1751).

Seigaiha (Onde dell'Oceano Blu)

Pattern

Uno dei nostri preferiti, questo modello ricorda le onde a ventaglio del mare aperto. Il nome deriva proprio dall'antica danza di corte gagaku chiamata appunto Seigaiha. Durante queste performance antiche, i ballerini indossavano costumi proprio con questo motivo.

Shippō (Sette tesori)

Pattern

Con cerchi che si sovrappongono in quarti somigliando a petali, il loro centro forma una stella splendente. A questo pattern viene conferito il significato di buon auspicio per la prosperità dei discendenti, le buone relazioni e per portare armonia nelle vostre vite.

Pattern: Kikkō (Tartaruga)

Pattern

Un altro pattern che porta buon auspicio, questo disegno deriva dalla formadel guscio della tartaruga (esagono) ed è da qui che prende proprio il nome. Questo non solo rappresenta fortuna ma anche longevità. A seconda di come viene composto, gli esagoni formano diverse varianti per questo tipo di disegno, fra cui il Kikkō hanabishi e il Bishamon kikkō. Nel primo, il centro degli esagoni forma dei fiori, mentre il secondo si forma unendo tre esagoni.

Ichimatsu (a scacchiera)

Pattern

Con diversi quadrati colorati disposti in modo alternato, questo pattern è molto simile al ginkgoam. Tessuto comune sin dall'antichità, questo disegno è diventato famoso come Ichimatsu nel XVIII secolo grazie all'attore kabuki Sanogawa Ichimatsu. Infatti, l'artista amava usare questa stoffa sul suo costume hakama. Oggi lo troviamo nei loghi ufficiali dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020.

Tachiwaki / Tatewaki (vapore ascendente)

Con due linee curve che rappresentano il vapore che sale in modo stilizzato, questo patter era spesso usato nei kimono per le persone nobili e di alto rango nel periodo Heian. Il modo in cui queste linee curve si formano, serve a creare delle variazioni chiamate Kumo tatewaku (nuvola) e Sasa tatewaku (bambù).

Karakusa (impianto a spirale)

Introdotto in Giappone con l'arrivo della Via della Seta, le viti e spirali che si estendono in tutte le direzioni simboleggiano longevità e prosperità. Tuttavia, questo pattern è diventato famoso come modello di stoffa per furoshiki che i ladri usavano per portare via la merce rubata. Questo ci suggerisce che questo modello era così popolare perchè in ogni casa si poteva appunto trovare un furoshiki con questo disegno.

Kanoko (Cerbiatto)

Rassomigliante il dorso maculato di un cerbiatto, questo pattern viene creato a mano con una tecnica di tintura particolare. Tuttavia, il processo laborioso lo fa diventare un tessuto molto ricercato, infatti i kimono con un motivo kanoko all-over sono considerati oggetti di grande lusso.

Hishi (Diamante)

Pattern

Modello dalle forme geometriche, questo pattern si crea quando due linee parallele si intersecano. Spesso lo troviamo sulle ceramiche dell'antico periodo Jōmon. Inoltre, troviamo questo pattern in diverse varianti che includono il Waribischi, quattro diamanti combinati a formare un unico diamante, e Hanabischi, dove i petali dei fiori sono modellati in diamanti.

Mameshibori (Mame Tie-dye)

Pattern

Questo patter era il modello più frequente sugli asciugamani da bagno nel periodo Edo. Il nome deriva infatti da un gioco di parole che significa sia piselli o fagioli, sia robusto e sano. Questo disegno rappresenta infatti la speranza di rimanere in buona salute e la maggior parte dei modelli del tempo sono creati con tecniche di tintura a stencil o stampa. Tuttavia, con il nome di shibori, possiamo capire che originariamente il disegno era fatto a mano con una tecnica di tintura particolare. Infatti notiamo che in antichità, queste forme erano molto più irregolari rispetto alle stampe di oggi.


Kit Kat, i 10 sapori più unici direttamente dal Giappone

"Have a break, have a Kit Kat" diceva il famoso slogan della pubblicità degli snack più famosi al mondo. Tuttavia, rimanere sul semplice cioccolato dopo qualche anno risulta quasi "noioso". Ecco perchè, soprattutto i giapponesi hanno inventato diversi nuovi sapori ed associazioni da gustare anche con i vostri amici!

Kit Kat, i 10 sapori più unici direttamente dal Giappone

Autore: Erika | Fonte: Guilty Yeats

photo credits: fpsconnexion

Dal Giappone agli Stati uniti, i Kit Kat sono ormai lo snack più famoso al mondo. Se anche voi amate queste barrette tanto quanto noi forse conoscete già i vari sapori presenti nel mondo. Tuttavia, per tutti coloro che sono ignari di questi gusti, oggi abbiamo raccolto quelli più famosi.

Kit Kat al Tè Verde

Kit Kat Matcha

photo credits: wirtschaft-tv.com

Ovviamente questo non poteva non essere il primo della lista. Già presente anche in diversi supermercati italiani e internazionali, il Kit Kat al Matcha è sicuramente il preferito di tutti. Con il sapore tipico del tè verde giapponese, il Kit Kat matcha è uno snack molto soddisfacente e se anche voi amate il Matcha quanto noi, allora questa è la barretta che fa per voi!

Kit Kat al Limone

Si sa che gli agrumi e il cioccolato sono sempre una buona accoppiata. Infatti, Kit Kat ha creato un'edizione speciale dedicata alla Torta al Limone e le barrette hanno infatti spopolato. Sembra infatti di mangiare veramente una torta al limone!+

Kit Kat Limone

photo credits:matcha-jp.com

New York Cheesecake

I giapponesi sono dei ghiottoni di cheesecake, ne hanno per tutti i gusti, non poteva quindi mancare il Kit Kat alla cheesecake. Ad ogni morso di queste barrette è come far sciogliere una buonissima cheesecake al cioccolato nella vostra bocca. Questo potrebbe essere lo snack per eccellenza da poter usare anche come dessert!

Kit Kat Mandorla Rossa

Mirtilli rossi, cioccolato fondente e mandorle, questo è il delizioso tris per queste barrette, un sapore unico nel suo genere. Perfetti per uno spuntino ad ogni ora, un sapore dolce e croccante ad ogni morso!

Biscotti e crema

Se amate i biscotti e la panna, questa è l'opzione che fa per voi! Non solo ogni morso è un sapore cremoso di biscotto, ma unito al wafer croccate crea un mix incredibile. Uno dei migliori al mondo, siamo sicuri che soddisferà tutte le vostre voglie improvvise.

Kit Kat Japan  Kit Kat Giappone

photo credits: wikipedia.org,food-spotter.com

Kit Kat ai fagioli Azuki

Rieccoci con la tipicità dei sapori giapponesi. Dolce ma non troppo, queste barrette hanno un sapore che ricorda il ripieno nei Dorayaki, ma con il cioccolato in aggiunta. Una delle varietà più rare ma assolutamente da provare!

Cheescake alle fragole

Uno dei sapori più diffusi in Giappone, queste barrette vanno assaporate ad ogni singolo morso. Con la fragola assaporerete queste barrette come se stesse mangiando una vera cheesecake. Inoltre, la croccantezza del wafer fa si che queste barrette abbiano tutto il necessario per qualificarsi come dessert.

Kit Kat Kit Kat

photo credits: wikipedia.org, fpsconnexion

Beni Imo Kit Kat

Questo è forse il gusto giapponese più particolare di tutti. Al sapore di patata dolce viola, potrebbe non sembrare lo snack di cui innamorarsi, tuttavia una volta provati cambiereteidea. Con una giusta quantità di dolcezza, lo rende perfetto anche per tutti colore che non amano le cose troppo dolci.

Kit Kat Lampone

Un altro giusto esclusivo del Giappone (purtroppo) è quello al lampone e se siete fan di questo frutto, questa barretta diventerà la vostra preferita in assoluto. Infatti, ad ogni singolo morso troverete la croccantezza del wafer e la freschezza della frutta e se questo non è abbastanza per farvi salire la voglia di provarle, allora non sappiamo cosa potrebbe farlo!

Purtroppo in Italia è difficile trovare tutti questi sapori, tuttavia potete rivolgervi ai negozi o ristoranti giapponesi della vostra città e vedere se ne hanno a disposizione. In alternativa, gli shop online offrono sempre un'ampia scelta! Qual è il vostro preferito?


[:it]Dove andare quando le frontiere riapriranno[:en]Where to go when the borders reopen[:ja]Where to go when the borders reopen[:]

[:it]

Viaggiare in Giappone: dove andare quando tutto sarà passato

Autore: Erika | Fonte: The Japan Times

A causa della pandemia da COVID-19, al momento è impossibile viaggiare in Giappone, tuttavia nulla ci vieta di sognare ma soprattutto pianificare il nostro prossimo viaggio! Cominciamo raccontandovi di alcuni posti particolari che dovreste assolutamente inserire nella vostra "travel to do list".

Tohoku: Michinoku sentiero costiero

Se amate le lunge passeggiate e il trekking, questo è il posto che fa per voi. Infatti lungo la costa di Michinoku è possibile trovare un sentiero per tutti coloro che amano avventurarsi nella natura. Si tratta di un percorso escursionistico che si snoda per 1.025 chilometri lungo l'Oceano Pacifico dalla prefettura di Aomori meridionale fino alla prefettura di Fukushima.

Il sentiero segue il vecchio Sanriku Hamakaido, un'antica rotta commerciale che tagliava nelle profondità delle forese e radure. Questo non solo vi permetterà di vedere un inusuale lato del Giappone, ma anche di passare dei bellissimi momenti immersi nella natura.

Prefettura di Ishikawa: Festival di Kiriko di Noto

viaggiare in Giappone viaggiare in Giappone viaggiare in Giappone

photo credits: japan-forward.com

Ci sono tantissimi festival in Giappone, alcuni più tradizionali, altri più eccentrici ed esuberanti. Tuttavia, il festival Kiriko di Noto (lanterne galleggianti) nella prefettura di Ishikawa è uno dei più suggestivi. Infatti, se avete mai avuto la fortuna di parteciparvi, sicuramente vi sarete sentiti teletrasportati nell'era Showa (1926/89). Tradizione vuole che ogni anno, chiunque appartenga alla prefettura ritorni infatti ad Ishikawa per portare la grande kiriko del proprio quartiere.

Ogni anno, uomini con happi coordinati di vari colori, trasportano kiriko da 15 metri e pesanti 2 tonnellate attraverso le strade della città accompagnati dal suono di flauti e tamburi. 

Tuttavia, la penisola di Ishikawa offre anche tante altre attrazioni, come il castello di Kanazawa, una delle tante bellezze del sole levante. Quindi se state pianificando di viaggiare in Giappone, questa è sicuramente una delle mete da non perdere.

Tokyo: Le vie secondarie del quartiere Kita

viaggiare in Giappone Kita-wu

photo credits: tokyo2020.jp

Se siete mai stati a Tokyo, avrete notato che la città non ha solo i quartieri più conosciuti, ma è fatta di tante piccole vie secondarie che nascondono infiniti segreti e delizie. E' molto difficile scegliere cosa vedere per prima, ma il distretto di Kita è uno dei più particolari e meno conosciuti.

In queste piccole vie infatti è possibile trovare piccoli negozi a gestione famigliare che risalgono addirittura a prima Seconda Guerra Mondiale. Circondati dai negozio di Wagashiya (dolci tradizionali), qui si possono assaggiare i dango e i dolci più buoni e particolare della città.

Non dimentichiamoci poi dei bellissimi giardini giapponesi, con lanterne colossali e i tipici aceri giapponesi, cascate e rocce che rendono questo posto un sublime capolavoro.

Prefettura di Fukuoka: gli yatai

viaggiare in Giappone yatai

photo credits: gaijinpot.com

Viaggiare in Giappone vuol dire non solo visitare le varie città, ma anche provare tutte le tradizioni della cultura del Sol Levante. Infatti, nella prefettura di Fukuoka, verso le 5 del pomeriggio, le strade si riempiono in previsione della serata ed è qui che possiamo trovare i tanti yatai, bancarelle di street food. Al di fuori delle stazioni, agli angolo degli incroci più famosi, lungo il fiume e persino per le vie di Nakasu, troviamo queste bancarelle tipiche.

I cibi che vengono serviti qui, sono principalmente street food che si focalizzano sul Tonkotsu Ramen, la specialità di Fukuoka, ma anche yakitori e altre delizie. Tuttavia, una delle cose che li accomuna è l'atmosfera, la gente che affolla queste bancarelle e i manager che cercano di effettuare il maggior numero possibile di ordini. Un vero momento di tradizione e spaccato di vita giapponese da non perdere.

Prefettura di Tokushima: Valle di Iya

viaggiare in Giappone iya valley viaggiare in Giappone

photo credits: tripadvisor.it, gaijinpot.com

Se state pensando di viaggiare in Giappone, non potete assolutamente non inserire questa meta all'interno delle vostre destinazioni da visitare. Nel cuore di Shikoku, troviamo la valle di Iya, un luogo quasi magico da esplorare, con acque turchesi e montagne rigogliose. Qui non solo è possibile immergersi nella natura e nella vera campagna giapponese, ma possiamo anche trovare alloggi a basso costo ed escursioni per tutti i turisti più avventurosi. Infatti qui è possibile scoprire un Giappone remoto, montuoso con case dal tetto di paglia, tradizionali poti di vite e i famosi 88 templi di Shikou. Una meta da non perdere.

Okinawa: Isole Kerama

viaggiare in Giappone Okinawa

photo credits: watabi.it, viagginews.com

Okinawa è non solo uno dei posti più belli del Giappone, ma al mondo. Fra spiagge bianche e acque cristalline, le isole Kerama sono un gioiello della natura. Ci sono modi veloci per arrivare sull'isola principale, tuttavia intraprendere una crociera partendo da Kagoshima, vi aiuterà a scoprire posti unici al mondo. Passando fra le isole di Okinoerabujima e Tokunoshima, vedrete paesaggi spettacolari a voi sino ad ora sconosciuti. Fra brezze marine, lo snorkeling con le tartarughe e trekking sulle strade abbandonate dell'isola Zamami scoprirete un mondo nascosto fatto di coralli e pesci colorati.

Prefettura di Niigata: Museo della cultura del nord

viaggiare in Giappone viaggiare in Giappone

photo credits: hoppou-bunka.com

Trovate il Museo della Cultura del Nord nel villaggio di Soumi nell'ex palazzo della famiglia Ito. Qui, la residenza e il giardino sono stati trasformati in un museo privato dopo la guerra. Con un paesaggio creato da Taiami Tanaka nell'arco di 5 anni, l'edifico ospita una sala di ricevimento composta da 100 metri di tatami. Con un particolarissimo giardino decorato da cascate, lanterne di pietra, glicine e ponti in miniatura, il parco rimane una delle attrazioni principali della zona.

Non solo vi sentirete rilassati a godere della vista di questo paesaggi, ma vi sembrerà anche di ritornare indietro nel tempo. Uno dei luoghi più preziosi della prefettura.

Vi consigliamo decisamente di inserire queste mete se state pianificando di viaggiare in Giappone, e ovviamente siamo curiosi di sapere i vostri feedback![:en]

Traveling to Japan: where to go when everything is over

Author: Erika | Source: The Japan Times

Due to the COVID-19 pandemic, at the moment it is impossible to travel to Japan, however, nothing prevents us from dreaming but above all planning our next trip! Let's start by telling you about some particular places that you should absolutely include in your "travel to do list".

Tohoku: Michinoku coastal trail

If you love long walks and hiking, this is the place for you. In fact, along the coast of Michinoku, you can find a path for all those who like to venture into nature. It is a hiking trail that runs 1,025 kilometers along the Pacific Ocean from South Aomori Prefecture to Fukushima Prefecture.

The trail follows the old Sanriku Hamakaido, an ancient trade route that cut through the depths of the forest and glades. This will not only allow you to see an unusual side of Japan but also to spend some beautiful moments surrounded by nature.

Ishikawa Prefecture: Kiriko Festival in Noto

viaggiare in Giappone viaggiare in Giappone viaggiare in Giappone

photo credits: japan-forward.com

There are many festivals in Japan, some more traditional, others more eccentric and exuberant. However, the Kiriko festival of Noto (floating lanterns) in Ishikawa Prefecture is one of the most impressive. In fact, if you have ever had the fortune to attend, you will surely have felt teleported back to the Showa era (1926/89). Tradition has it that every year, everyone who belongs to the prefecture returns to Ishikawa to bring the great kiriko of their neighborhood.

Every year, men with matching happi of various colors, carry 15-meter kiriko weighing 2 tons through the streets of the city accompanied by the sound of flutes and drums. 

However, the Ishikawa Peninsula also offers many other attractions, such as Kanazawa Castle, one of the many beauties of the rising sun. So if you're planning to travel to Japan, this is definitely one of the must-see destinations.

Tokyo: The back streets of the Kita district

viaggiare in Giappone Kita-wu

photo credits: tokyo2020.jp

If you've ever been to Tokyo, you may have noticed that the city not only has its most known neighborhoods but is made up of many small side streets that hide endless secrets and delights. It's very difficult to choose what to see first, but the Kita district is one of the most particular and less known.

In these small streets in fact you can find small family-run shops that date back to even before the first World War. Surrounded by the shops of Wagashiya (traditional sweets), here you can taste the best and most particular dango and sweets in the city.

Don't forget the beautiful Japanese gardens, with colossal lanterns and typical Japanese maples, waterfalls, and rocks that make this place a sublime masterpiece.

Fukuoka Prefecture: the yatai

viaggiare in Giappone yatai

photo credits: gaijinpot.com

Traveling in Japan means not only visiting the various cities but also experiencing all the traditions of the culture of the rising sun. In fact, in the prefecture of Fukuoka, around 5 pm, the streets fill up in anticipation of the evening and it is here that we can find the many yatai, street food stalls. Outside the stations, at the corners of the most famous intersections, along the river and even on the streets of Nakasu, we find these typical street shops.

The food served here is mainly street food that focuses on Tonkotsu Ramen, the specialty of Fukuoka, but also yakitori and other delicacies. However, one of the things they have in common is the atmosphere, the people who crowd these stalls, and the managers who try to place as many orders as possible. A true moment of tradition and a cross-section of Japanese life not to be missed.

Tokushima Prefecture: Iya Valley

viaggiare in Giappone iya valley viaggiare in Giappone

photo credits: tripadvisor.it, gaijinpot.com

If you are planning to travel to Japan, you absolutely must include this destination within your destinations to visit. In the heart of Shikoku, we find the Iya Valley, an almost magical place to explore, with turquoise waters and lush mountains. Here you can not only immerse yourself in nature and the real Japanese countryside, but we can also find cheap accommodation and excursions for all adventurous tourists. In fact, here you can discover a remote, mountainous Japan with thatched-roofed houses, traditional thatched vine pits, and the famous 88 temples of Shikou. A destination not to be missed.

Okinawa: Kerama Islands

viaggiare in Giappone Okinawa

photo credits: watabi.it, viagginews.com

Okinawa is not only one of the most beautiful places in Japan but in the world. Between white beaches and crystal clear waters, the Kerama Islands are a jewel of nature. There are quick ways to get to the main island, however, taking a cruise from Kagoshima will help you discover places unique in the world. Passing between the islands of Okinoerabujima and Tokunoshima, you will see spectacular landscapes hitherto unknown to you. Among sea breezes, snorkeling with turtles, and trekking on the abandoned roads of Zamami Island you will discover a hidden world of corals and colorful fish.

Prefecture of Niigata: Museum of Northern Culture

viaggiare in Giappone viaggiare in Giappone

photo credits: hoppou-bunka.com

You can find the Museum of Northern Culture in the village of Soumi in the former palace of the Ito family. Here, the residence and garden were converted into a private museum after the war. With a landscape created by Taiami Tanaka over 5 years, the building houses a reception hall consisting of 100 meters of tatami. With a very special garden decorated with waterfalls, stone lanterns, wisteria, and miniature bridges, the park remains one of the main attractions of the area.

Not only will you feel relaxed to enjoy the view of this landscape, but you will also feel like you are going back in time. One of the most precious places in the prefecture.

We definitely recommend these destinations if you are planning to travel to Japan, and of course, we are curious about your feedback![:ja]

Traveling to Japan: where to go when everything is over

Author: Erika | Source: The Japan Times

Due to the COVID-19 pandemic, at the moment it is impossible to travel to Japan, however, nothing prevents us from dreaming but above all planning our next trip! Let's start by telling you about some particular places that you should absolutely include in your "travel to do list".

Tohoku: Michinoku coastal trail

If you love long walks and hiking, this is the place for you. In fact, along the coast of Michinoku, you can find a path for all those who like to venture into nature. It is a hiking trail that runs 1,025 kilometers along the Pacific Ocean from South Aomori Prefecture to Fukushima Prefecture.

The trail follows the old Sanriku Hamakaido, an ancient trade route that cut through the depths of the forest and glades. This will not only allow you to see an unusual side of Japan but also to spend some beautiful moments surrounded by nature.

Ishikawa Prefecture: Kiriko Festival in Noto

viaggiare in Giappone viaggiare in Giappone viaggiare in Giappone

photo credits: japan-forward.com

There are many festivals in Japan, some more traditional, others more eccentric and exuberant. However, the Kiriko festival of Noto (floating lanterns) in Ishikawa Prefecture is one of the most impressive. In fact, if you have ever had the fortune to attend, you will surely have felt teleported back to the Showa era (1926/89). Tradition has it that every year, everyone who belongs to the prefecture returns to Ishikawa to bring the great kiriko of their neighborhood.

Every year, men with matching happi of various colors, carry 15-meter kiriko weighing 2 tons through the streets of the city accompanied by the sound of flutes and drums. 

However, the Ishikawa Peninsula also offers many other attractions, such as Kanazawa Castle, one of the many beauties of the rising sun. So if you're planning to travel to Japan, this is definitely one of the must-see destinations.

Tokyo: The back streets of the Kita district

viaggiare in Giappone Kita-wu

photo credits: tokyo2020.jp

If you've ever been to Tokyo, you may have noticed that the city not only has its most known neighborhoods but is made up of many small side streets that hide endless secrets and delights. It's very difficult to choose what to see first, but the Kita district is one of the most particular and less known.

In these small streets in fact you can find small family-run shops that date back to even before the first World War. Surrounded by the shops of Wagashiya (traditional sweets), here you can taste the best and most particular dango and sweets in the city.

Don't forget the beautiful Japanese gardens, with colossal lanterns and typical Japanese maples, waterfalls, and rocks that make this place a sublime masterpiece.

Fukuoka Prefecture: the yatai

viaggiare in Giappone yatai

photo credits: gaijinpot.com

Traveling in Japan means not only visiting the various cities but also experiencing all the traditions of the culture of the rising sun. In fact, in the prefecture of Fukuoka, around 5 pm, the streets fill up in anticipation of the evening and it is here that we can find the many yatai, street food stalls. Outside the stations, at the corners of the most famous intersections, along the river and even on the streets of Nakasu, we find these typical street shops.

The food served here is mainly street food that focuses on Tonkotsu Ramen, the specialty of Fukuoka, but also yakitori and other delicacies. However, one of the things they have in common is the atmosphere, the people who crowd these stalls, and the managers who try to place as many orders as possible. A true moment of tradition and a cross-section of Japanese life not to be missed.

Tokushima Prefecture: Iya Valley

viaggiare in Giappone iya valley viaggiare in Giappone

photo credits: tripadvisor.it, gaijinpot.com

If you are planning to travel to Japan, you absolutely must include this destination within your destinations to visit. In the heart of Shikoku, we find the Iya Valley, an almost magical place to explore, with turquoise waters and lush mountains. Here you can not only immerse yourself in nature and the real Japanese countryside, but we can also find cheap accommodation and excursions for all adventurous tourists. In fact, here you can discover a remote, mountainous Japan with thatched-roofed houses, traditional thatched vine pits, and the famous 88 temples of Shikou. A destination not to be missed.

Okinawa: Kerama Islands

viaggiare in Giappone Okinawa

photo credits: watabi.it, viagginews.com

Okinawa is not only one of the most beautiful places in Japan but in the world. Between white beaches and crystal clear waters, the Kerama Islands are a jewel of nature. There are quick ways to get to the main island, however, taking a cruise from Kagoshima will help you discover places unique in the world. Passing between the islands of Okinoerabujima and Tokunoshima, you will see spectacular landscapes hitherto unknown to you. Among sea breezes, snorkeling with turtles, and trekking on the abandoned roads of Zamami Island you will discover a hidden world of corals and colorful fish.

Prefecture of Niigata: Museum of Northern Culture

viaggiare in Giappone viaggiare in Giappone

photo credits: hoppou-bunka.com

You can find the Museum of Northern Culture in the village of Soumi in the former palace of the Ito family. Here, the residence and garden were converted into a private museum after the war. With a landscape created by Taiami Tanaka over 5 years, the building houses a reception hall consisting of 100 meters of tatami. With a very special garden decorated with waterfalls, stone lanterns, wisteria, and miniature bridges, the park remains one of the main attractions of the area.

Not only will you feel relaxed to enjoy the view of this landscape, but you will also feel like you are going back in time. One of the most precious places in the prefecture.

We definitely recommend these destinations if you are planning to travel to Japan, and of course, we are curious about your feedback![:]


Far East Film Festival 22, quest'anno in streaming

Far East Film Festival 22, quest'anno in streaming

autore: Erika

Quest'anno a causa dell'emergenza COVID-19 molti paesi si sono trovati a dover riorganizzare, o addirittura cancellare, diverse manifestazioni. Tuttavia, i nostri amici del Far East Film Festival hanno deciso di proseguire con la 22° edizione e hanno trovato un modo perfetto per rispettare le regole. Infatti, solo per quest'anno, il Far East Film Festival si terrà dal 26 giugno al 4 luglio via LIVE STREAMING, anche grazie alla piattaforma MyMovies live!

Far East Film Festival

Face to face, Heart to Heart è il motto di questa stagione. Preso dall'omonima hit degli anni Ottanta, questa è la sintesi perfetta di questa nuova edizione.

Un’edizione che non accetta di arrendersi e che si svolgerà appunto online! Faccia a faccia, attraverso il vetro sottile dei display, cuore a cuore, perché la community del festival udinese è letteralmente una grande famiglia.

Dal 26 giugno al 4 luglio, la struttura del FEFF 22 verrà rimodulata. Infatti, non stiamo solo parlando di un trasferimento, con i film in concorso da guardare on demand, ma di una autentica trasformazione. Tutti i contenuti verranno adattati, per quanto possibile, alle dinamiche dello streaming.

Durante questi mesi di lockdown, Il pubblico ha già frequentato in massa la piattaforma MyMovies come sala virtuale. Infatti, sarà proprio qui che avverrà lo streaming online di tutti i film in concorso. Ovviamente, il tutto non sarà esclusivamente un serbatoio di titoli, ma il punto d’incontro per tutti i partecipanti al Far East Film Festival.

Inoltre, dal 30 giugno al 2 luglio, inoltre, troverà spazio online anche Focus Asia, cioè l’area Industry del festival, con la sezione FEFF in progress (la prima e unica piattaforma europea dedicata ai film asiatici in post-produzione), il project market e un ricco programma di webinar.

La campagna di accreditamento partirà fra qualche giorno, il 1° giugno per l'esattezza e a breve lo staff del FEFF 22 condividerà la lista completa del palinsesto. Che l’ennesimo viaggio, l’ennesima sfida, l’ennesima avventura abbia inizio!


Cose da fare in quarantena: Viaggiare in Giappone attraverso i film

Intraprendere un Viaggio in Giappone tramite i film

scritto da: Erika | fonte: Tokyo Weekender

La lunga quarantena è quasi finita ma viaggiare è ancora impossibile, quindi continuiamo la nostra rubrica sulle cose da fare in quarantena e oggi vi spieghiamo come scoprire il Giappone attraverso i film.

film Giappone

Con la pandemia di coronavirus, i confini del mondo sono stati chiusi, areoporti bloccati e voli cancellati hanno impedito alle persone di viaggiare. Questo non solo ha fatto calare il business del turismo, ma ci ha anche impedito di conoscere ed esplorare paesi lontani come il Giappone. Proprio per questo motivo, oggi condividiamo con voi un metodo semplice per poter esplorare la terra del Sol Levante direttamente da casa vostra. Infatti, ecco qui di seguito 5 film che vi aiuteranno a vivere le terre del Giappone come le conosciamo oggi e com'erano molto tempo fa.

Departures (2008)

Vincitore di un premio Oscar, questo bellissimo film racconta della città di Sakata e dei circondario nella regione Shonai della prefettura di Yamagata, a nord del Giappone. Un'opera d'arte del mondo cinematografico, il lungometraggio parla della storia di un uomo che ritorna nella città natale dopo una carriera fallimentare come violoncellista. Qui l'uomo inizia una nuova vita e una nuova carriera come impresario di pompe funebri nella tipica tradizione giapponese. Scontento della situazione ma sconfiggendo i pregiudizi delle persone legate attorno al suo lavoro, l'uomo comincia ad amare la sua nuova professione.

Inizialmente considerato come un tabu, Departures ha poi proclamato il riconoscimento internazionale del regista Yojiro Takita. Assieme a questo, l'edifico utilizzato per le riprese è diventato una location per film molto famosa. Tuttavia le scene memorabili del film sono state girate nella campagna attorno al fiume Gakko e all'imbra dell'imbiancato Monte Chokai. Questo lungometraggio è perfetto per chi vuole conoscere le location più campagnole del giappone e i costumi più tradizionali della vita rurale del Sol levante.

Memorie di una Geisha (2005)

Famosissimo film e vincitore del premoi Oscar, Memorie di una Geisha è uno di quei film imperdibile legati al Giappone. Dal pluripremiato regista Rob Marshall, questo lungometraggio ha infatti cambiato la faccia del turismo di Kyoto. Nonostante il film non sia stato girato interamente in questa città, la storia ci fa viaggiare nel tempio Kiyomizu-dera, attraverso i torii del Fushimi inari e la foresta di bamboo di Arashiyama.

Il film racconta della vita di una ragazzina di 9 anni che il padre vende ad una casa di Geisha. Infatti, ci incammineremo in un viaggio che trasformerà questa piccola ragazzina in una delle geisha più ricercate del tempo. Questo film, non solo ci fa scoprire paesaggi e tradizioni ormai quasi perdute, ma ha portato per la prima volta in occidente la cultura delle Geisha. Tuttavia, allo stesso tempo, Memorie di una Geisha è anche una celebrazione dell'armonia e degli unici modi di vivere del Giappone.

Infatti, la tradizionale cerimonia del tè, le bellezze dei giardini zen, i classici templi buddisti, le tradizionali case del periodo Edo nello storico distretto Gion fanno da sfondo a qesta storia. Un modo perfetto per descrivere la magica Kyoto e le esperienze che si possono affrontare nell'antica capitale del Giappone.

Lost in Translation (2003)

Film che ha lanciato le carriere di Sofia Coppola e Scarlett Johansson, assieme a Bill Murray, questo lungometraggio racconta la storia di una coppia di amici che si incontra in un hotel a Tokyo. Girato quasi interamente in Giappone, qui possiamo vedere il contrasto fra la vita notturna della città e i colorati e rumorosi distretti di Tokyo, assieme alla calma dei templi.

Vincitore di due premi Oscar, il film è un viaggio nella moderna vita di Tokyo. Passando dalle grafiche neon delle strade di Kabukicho a Shinjuku, sino ad arrivare alle bellissime immagini del famoso incrocio di Shibuya, della Tokyo Tower a il Rainbow Bridge ad Odaiba. Inoltre, il film ci mostra anche la campagna quando la protagonista intraprende un viaggio verso Kyoto. Infatti, dallo shinkansen possiamo vedere il susseguirsi della campagna Giapponese arrivando poi ai Templi Nanzenji e Heian. Non dimentichiamoci poi della bellissima scena dove Murray gioca a golf in Kawaguchiko con le iconice viste del Monte Fuji.

Insomma, un film assolutamente da vedere per chi vuole scoprire di più sul Giappone.

Rhapsody in August (1991)

Uno degli ultimi film del rivoluzionario regista Akira Kurosawa, questo film è ambientanto in una piccola cittadina vicino a Nagasaki. Con una narrazione avvincente ma minimalista, la storia parla di quattro adolescenti che visitano la nonna durante l'estate. Con uno sfondo di cicale, avventure nella foresta, case in legno traballante e cerimonie buddiste i ragazzi affrontano una perfetta vacanza in campagna.

In un bucolico ritratto della vita di campagna giapponese, gli adolescenti trascorrono più tempo con la nonna, ascoltando le sue storie. Sucessivamente, nella seconda metà del film potremo vedere Nagasaki nel dopoguerra con i colori vivaci della giovinezza. Infatti, i giovani intraprendono un viaggio per vedere i siti dei bombardamenti e la scuola dove il nonno era insegnante mentre avveniva l'esplosione.

Un film che ci permette di conoscere il mondo del Giappone nel dopo guerra, ma che allo stesso tempo diventa una denuncia delle colpe delle guerre stesse. Controverso ma allo stesso tempo illuminante, Rhapsody in August è un film davvero imperdibile per tutti coloro che amano il cinema e il Giappone.

Times of Joy and Sorrow (1957)

Questa volta l'acclamato regista Keisuke Kinoshita ci racconta della storia del custode di un faro, di sua moglie e dei loro viaggi in 10 fari differenti lungo la costa del Giappone. Una relazione e viaggi che coprono 25 anni di matrimonio, attraverso questo film scopriamo il Giappone in diversi anni a partire dal 1932.

Il famoso sito di Kannonzaki, il primo faro della nazione, ha funzionato come set per le scene di apertura. Infatti, qui ora troviamo una statua dei protagonisti del film. Grazie al sorprendente lavoro del direttore della fotografia, attraverso questo film abbiamo la possibilità di intraprendere un viaggio fra i vari fari della nazione. Infatti, a questo proposito vediamo le bellissime scene del faro di Hajikizaki sull'isola di Sado, una meraviglia per i nostri occhi.
Successivamente, il viaggio della coppia ci porta in alcune delle aree più remote del Giappone e le avventure e disavventure dei protagonisti ci fanno conoscere lo staff dei fari.

Un film emozionante che fra onde e costiere ci accompagna in un viaggio cartolina dei lidi del Giappone, assolutamente imperdibile.


Cose da fare in quarantena: Costruire Akihabara in miniatura

Costruire Akihabara in miniatura a casa vostra

scritto da: Erika | fonte: TimeOut Tokyo

Anche se qui in Italia le cose stanno cominciando ad andare meglio, continuamo la nostra rubrica sulle cose da fare in quarantena e oggi spieghiamo come costruire una mini Akihabara.

Akihabara Akihabara

Una delle mete preferite di tutti gli otaku e i fan del Giappone è Akihabara, storico quartiere dedicato appunto a tutto ciò che è manga, anime e videogiochi. In questo momento delicato, non ci è ancora consentito viaggiare. Tuttavia non serve prendere l'aereo per conoscere nuovi luoghi e visitare quelli che abbiamo già visto. Infatti oggi condividiamo con voi la possibilità di ricreare Akihabara in miniatura direttamente da casa vostra! 

Ad Akihabara ci sono non solo tanti luoghi dedicati a quel mondo che noi definiremmo nerd, ma ci sono anche tantissimi club e negozi dedicati a vari hobby. Uno di questi è Mansei Club, un angolo che offre una varietà di giochi divertenti, istruzioni per origami e modelli di carta il tutto gratuitamente.

Se siete ancora bloccati a casa e non sapete cosa fare, potete ora infatti ricreare l'iconico quartiere di Tokyo con questi modelli di carta dettagliati. Infatti, le strade di Akihabara sono riportate tutte in queste riproduzioni in scala dettagliate. Creare questo modellino è semplicissimo, basterà seguire le istruzioni elencate in questi PDF disponibili gratuitamente per il download. Infatti, queste riproduzioni mostrano perfettamente gli edifici di Akihabara e anche dove questi edifici vanno posizionati. Nonostante le istruzioni siano in giapponese, è in realtà molto semplice seguirle anche grazie alle varie illustrazioni.

Akihabara Akihabara

Tuttavia, se costruire un'intero quartiere sembra troppo complicato per voi, non vi preoccuate ci sono molte altre possibilità. Infatti, Niku no Mansei offre più di 50 modelli di carta che potete scaricare gratuitamente. Dal design che varia dalle riproduzioni di famosi Samurai sino ad arrivare a modelli di riproduzioni dei più famosi cibi giapponesi. Insomma, qui troviamo la possibilità di accontentare ogni gusto e ogni tipo di hobby! Non vi rimane altro che scegliere il vostro modellino, scaricarlo e mettervi all'opera! Siamo curiosi di vedere i risultati!


Cose da fare in quarantena: Imparare la cucina giapponese

Imparare la cucina giapponese con 5 YouTuber

scritto da: Erika | fonte: TokyoWeekender

Continuiamo la nostra rubrica sulle cose da fare in quarantena e oggi vi parliamo di come poter imparare la cucina giapponese con l'aiuto di 5 YouTuber.

cucina giapponese

In questi giorni di lockdown, ci stiamo tutti cimentando in nuove ricette e sperimentando nuove combinazioni di sapori. Ecco quindi 5 YouTuber da seguire per poter imparare la cucina giapponese e cimentarvi in qualche piatto!

Tasty Japan

Loro sono i nostri preferiti. Un sacco di ricette semplici da seguire, con tutti gli ingredienti facilmente recuperabili in qualsiasi parte del mondo voi viviate. Dai dolci ai primi piatti, dalle quiche alle seconde portate. Autentico e divertente, Tasty Japan coinvolge lo spettatore con video didattici e tanti ospiti. Quasi tutti i video hanno i sottotitoli in inglese e tutti i presentatori sono molto divertenti e pieni di energia, rendendo anche i piatti più complicati semplici da fare. Video che rientrano della categoria #foodporn per eccellenza, assicuratevi di essere a stomaco pieno quando proverete a cucinare queste delizie.

Ochikeron

Madre di due figlio, la protagonista del canale Ochikeron crea piatti per far cucinare insieme la famiglia. Infatti, i piatti più semplici presenti sul canale possono essere cucinati insieme anche ai più piccolini. Tuttavia, i piatti più complicati che richiedono più tempo ed energia sono disponibili per tutti coloro impavidi abbastanza da provare tutte queste nuove ricette. Tutto questo rende questo canale un mondo unico per tutti quei progetti di cucina da creare insieme. Inoltre, se siete stufi delle solite cene, questo è il posto giusto per trovare nuove idee.

Japanese Cooking 101

Con un'enorme selezione di video, Japanese Cooking 101 non solo offre piatti giapponesi facili da realizzare, ma si possono trovare anche lavorazioni più complicate. Dal Karaage fino al riso fritto al chanko nabe, un piatto in stile hot-pot perfetto per l'inverno, questo canale youtube è un vero e proprio catalogo di cucina giapponese. Infatti, possiamo trovare un sacco di ricette da poter sperimentare e ciascun video mostra un elenco completo degli ingredienti assieme alle istruzioni su come creare il piatto. Nonostante altri canali abbiano un po' di intrattenimento, Japanese Cooking 101 ha un approccio più didattico e asciutto, ma facilissimo da seguire.

Diaries of a Master Sushi Chef

Se invece come tanti occidentali amate il sushi, il canale di Hiroyuki Terada fa per voi! I diari di questo maestro e sushi chef vi insegneranno come destreggiarvi fra coltelli, filettature e molto altro. Infatti, su questo canale potrete trovare i metodi per creare del buonissimo sushi ma anche piatti come pollo teriyaki e tante altre delizie in stile izakaya. Con collaborazioni del calibro anche di Chef Ramsey, questo è il canale per tutti coloro che vogliono cimentarsi seriamente nell'apprendimento dell'arte del sushi.

Aki’s Japanese Recipes for Vegans

Ristorante vegani e vegetariani sono difficili da trovare a Tokyo, questo ha portato alla nascita di vari canali YouTube fra cui quello di Aki. Infatti, su questo canale potete trovare le migliori ricette per tutti quelli che amano una cucina non convenzionale. Una vera e propria esperienza sensoriale in HD per un canale accessibile e con le istruzione scritte in giapponese e inglese. Inoltre, Aki, il protagonista del canale, si prende sempre il tempo per spiegare al meglio le sue ricette e far si che i piatti abbiano sempre un bell'aspetto.

 


Mame Kurogouchi x TOD'S

Mame Kurogouchi x TOD'S, quando il Made in Italy si fonde con il Giappone

scritto da: Erika | Photo courtesy of TOD's

Il Giappone e l'Italia sono sempre stati legati da molte cose, l'amore per l'arte e la moda è una di queste, da qui nasce la nuovissima collaborazione di Mame Kurogouchi con TOD's.

TOD's, storico marchio italiano fondato agli inizi del 1900 da Filippo Della Valle, è oggi uno dei marchi più conosciuti a livello mondiale. Brand diventato famoso per le sue calzature iconiche, oggi, sotto la guida di Diego Della Valle, il marchio detiene una grossa fetta del mercato della moda italiano. Con un design sempre impeccabile, di classe, minimal e chic, TOD's ha sempre fatto un po' l'occhiolino a quelle che sono anche le caratteristiche del design giapponese. Per questo motivo, non ci sorprende la collaborazione con Maiko  Kurogouchi, designer del brand Mame Kurogouchi.

Mame Kurogouchi TOD'S

La designer è la nuova ospite di T-Factory, progetto lanciato da Diego Della Valle nel 2018 che ha visto coinvolti in precedenza anche Alessandro Dell'Acqua e Alber Elbaz. Una collezione di 26 pezzi fra capi e accessori che ha lanciato il online il 27 marzo che si concentra sui toni del bianco e blue navy. Assieme a questo, troviamo anche delle silhouette pure e architettoniche sia per gli abiti che per le calzature. 

Maiko, detta Mame, Kurogouchi

Classe 1985, originaria di Nagano, la designer fonda il brand con il suo nome nel 2010, unendo un'estetica minimal e pulita agli usi più tradizionali del Giappone. Infatti, trae molta ispirazione da tutto ciò che è nel suo DNA giapponese, dalla tessitura a mano al modo di incartare cibo e fuori.

La sintonia con TOD's è cominciata a Parigi dopo una conversazione con il sig. Della Valle. Infatti, i due creativi hanno scoperto di avere molto in comune a partire dalle loro visioni. Un'idea di brand con un eleganza senza tempo, che rispetti la tradizione artigianale e con un estetica legata al concetto del viaggio. Questi sono anche gli elementi base della collezione disegnata per il brand.

"A me interessa che ogni donna possa indossare questi pezzi, e che nel farlo si senta sicura, a proprio agio" 

Mame Kurogouchi TOD'S Mame Kurogouchi x TOD'S Mame Kurogouchi TOD'S

Acclamata come una dei designer emergenti migliori del Giappone, Mame Kurogouchi ha rielaborato i capi chiave del marchio cambiando però tutti i dettagli per fondere a pieno questo incontro fra Italia e Giappone. Con precisione e passione, la Kurogouchi ha trasformato il quotidiano i qualcosa di elegante sia per i capi di abbigliamento che per gli accessori. Fondendo il design classico giapponese con delle silhouette contemporanee e tessuti sportivi, Mame Kurogouchi pensa a ciò chi è veramente necessario per una donna, senza dover rinunciare all'eleganza. 

La Collezione

Una collezione composta da 26 pezzi che attinge e ammicca al Giappone in molto dettagli. Fra i pezzi chiave troviamo un trench monopetto con collo a camicia e tasche in pelle, tuniche pullover a trapezio con maniche a kimono e camicie con maniche a sbuffo e una cintura che rimanda alla vestizione Samurai. Inoltre, troviamo come focus principale di ogni capo la praticità e una modernizzazione dei pezzi iconici del brand. Mame Kurogouchi infatti reinterpreta la classica borsa ad anello scoperta dall'archivio del brand rendendola un pezzo perfetto per tutte le donne in viaggio ma che cercano anche eleganza, leggerezza e versatilità.

Mame Kurogouchi Mame Kurogouchi TOD'S Mame Kurogouchi TOD'S

Un altro elemento che richiama il Giappone sono tutto i ricami intricati che secondo la designer ricordano le tecniche di cucitura Kogin-Zashi. Sempre dagli archivi di TOD's, la designer ha trovato diverse somiglianze con i lavori della terra del Sol Levante, nonostante la distanza geografica e culturale fra l'Italia e Il Giappone. A questo proposito, in un'ottica di collaborazione non solo lavorativa ma anche culturale, i cinturini presenti sugli accessori diventano simbolo di vicinanza anche fra le due nazioni e culture. Una miscela perfetta tra vecchio e nuovo ma anche fra Giappone ed Italia.

La collezione Mame Kurogouchi x TOD'S, disponibile sull'e-commerce del brand, è solo il primo passo verso la crescita internazionale di questa giovane e talentuosa designer.

[ngg src="galleries" ids="4" display="basic_thumbnail" thumbnail_crop="0"]