Atsuta Matsuri, lanterne e fuochi artificiali

Tanti sono i matsuri giapponesi ma oggi decidiamo di concentrarci sull'Atsuta Matsuri, nella prefettura di Aichi.

Atsuta Matsuri

photo credits: thegate12.com

Nella regione di Chubu, più precisamente a Nagoya nella prefettura di Aichi, se ci addentriamo nella città, nascosto tra secolari cipressi, scopriremo uno dei santuari più sacri del Giappone: l’Atsuta Jingu. Venerato sin dall’antichità con i suoi 1900 anni, si ritiene sia la casa della Sacra Spada Kusanagi dell'Imperatore, una delle tre insegne imperiali.
In questo luogo magico, ogni anno, il 5 giugno si tiene l’Atsuta Matsuri (諸ブー祭), meglio conosciuto come Shobu-sai.

La giornata dell'Atsuta Matsuri

Atsuta Matsuri

photo credits: kawaii-aichi.jp

Attorno alle 10:00 del mattino i festeggiamenti iniziano con una cerimonia speciale in cui un messaggero imperiale viene inviato al santuario per offrire le goheimotsu. Queste infatti sono strisce di carta bianca per i rituali shintoisti e che servono a celebrare una cerimonia speciale dedicata agli dei e alle dee dell’Atsuta Jingu. Dopodichè questo splendido e caratteristico Matsuri ospita vari spettacoli tra i recinti del Santuario.

Gli spettacoli

Gli spettacoli durante questo festival sono molti e di vario tipo, fra cui Il kyudo, tiro con l'arco in stile giapponese e il kendo, scherma giapponese. Ma il vero protagonista è l’Atsuta-kagura, un tipo di danza shintoista tradizionale locale accompagnata da flauti e dai taiko, i tipici tamburi giapponesi. Oltre a questo, troviamo varie esibizioni fra cui il Sumo e competizioni di intrattenimento come il Kodomo Mikoshi, i santuari portatili per bambini!

Atsuta Matsuri

photo credits: kawaii-aichi.jpgoinjapanesque.com

Il Festival raggiunge il culmine del fascino quando, alle 18:00, i cinque makiwara kento, enormi altari allegorici decorati da 365 lanterne ciascuno, sono sistemati accanto agli ingressi delle tre porte torii del santuario e vengono illuminati. Naturalmente non mancano le bancarelle che offrono tipicità e souvenirs di ogni genere.
Il chiacchiericcio delle persone si arresta alle 21:00 al parco Jingu Koen quando uno stupendo spettacolo pirotecnico fa alzare le teste al cielo e riempie gli occhi di luci e colori.

photo credits: goinjapanesque.com

Il festival di Atsuta è il più grande festival tra i circa 70 eventi che si tengono al Santuario di Atsuta ogni anno.

Atsuta Matsuri Atsuta Matsuri

photo credits: nagmag.jp, kichijapan.com

Se vi trovate nei dintorni, non perdete questi magici spettacoli di lanterne e fuochi d'artificio per trascorrere una giornata divertente all’insegna della tradizione! Come ogni festival la partecipazione è gratuita. Per ogni informazione su come raggiungere la location, visitate il sito ufficiale del Santuario in inglese.


Travel guide: Tokyo - Episode 04 - Colazione a Tokyo

La colazione è il pasto più importante della giornata e questa regola vale anche a Tokyo! Oggi per il nuovo post dedicato alle nostre guide pratiche vi parliamo dei posti migliori dove fare colazione a Tokyo.

photo credits: oyakata.com.pl

La tipica colazione a Tokyo e in Giappone

Quando si parla di “prima colazione”, ognuno di noi ha idee differenti in base alle proprie abitudini: dolce, salata, proteica.

Recentemente io, abituata ai frullati di frutta fresca e avena ogni mattina, mi sono detta: “Se abitassi a Tokyo e volessi provare le tradizioni giapponesi, cosa potrei mangiare a colazione?”

Per fortuna anche in Giappone la colazione è considerata da lungo tempo come il pasto più importante della giornata ed è preparata e consumata a casa. La tradizionale colazione del Sol Levante si basa sul concetto di ichiju-sansai (一汁三菜 = una zuppa, 3 piatti). I piatti principali sono Gohan (ご飯) , una ciotola di riso al vapore, Shiru (汁) una ciotola di zuppa, Okazu (おかず) il piatto principale e Kouno mono (香の物) un piccolo piatto di verdure di stagione in salamoia.

Hatsufuji a Nihonbashi

photo credits: timeout.com

Questa è una tappa amata da tutto coloro che si recano in ufficio ogni mattina. Hatsufuji a Nihonbashi è un ristorante in cui, attraverso una semplice macchinetta, si può ordinare un completo set di piatti da colazione tra le 7:00 e 11:00 della mattina.

Tsumugi a Tsukiji

colazione a tokyo

photo credits: favy-jp.com

Parte del centro informazioni dell’antichissimo Tempio Tsukiji Hongan, Tsumuji offre un piccolo negozio e uno spazioso cafè dall’atmosfera calda e rilassante. La colazione, servita fino alle 11, offre la possibilità di scegliere tra due menu. La prima scelta è il tradizionale set che comprende pesce grigliato, verdura agrodolce, tamagoyaki, riso e zuppa di miso, il muesli con i crackers di riso e frutta fresca.

In alternativa, lo spettacolare 18 Hinmoku No Asagohan che comprende ben 18 piatti! Ispirato agli insegnamenti dei 48 grandi voti di Amitabha Buddha, esso comprende: porridge di riso, zuppa di miso e 16 piccoli piatti stagionali, come l'anatra con pepe sansho, konnyaku shiroae, tamagoyaki, tofu con pasta di fagioli bianchi, yuzu e gelatina di matcha.

Tsukiji Sushi Sei a Marunouchi

colazione a tokyo

photo credits: picrumb.com

Percorrendo la stazione di Tokyo, nel settore del GranSta Dining, ci si imbatte nel Tsukiji Sushi Sei. Qui la colazione, servita dalle 7 alle 10, prevede un piatto speciale. Parliamo infatti del tai goma (dentice affettato al sesamo) e tante altre varianti come pesce brasato con pancetta di salmone e ikura. Ogni porzione è rigorosamente accompagnata da una ciotola di riso, zuppa di miso, tamagoyaki e verdura agrodolce.

Shinpachi Shokudo a Shinjuku

colazione a tokyo

photo credits: tripifyapp.com

La frenesia mattutina dei giapponesi la si può vivere in questo particolare locale situato tra le vie secondarie di Shinjuku. Ispirato ad una rustica fattoria, il bancone a ferro di cavallo garantisce un servizio veloce e del cibo gustoso. Qui la colazione comprende sgombro, saikyo alla griglia, salmone marinato e goma-aji.

Odashi Tokyo a Shinagawa

colazione a tokyo

photo credits: ryutsuu.biz

Odashi appartiene ad una catena e come tale offre un menu fisso e piccole aggiunte extra che si possono scegliere tra varie offerte. La colazione, servita tra le 7 e le 10, comprende: zuppa di miso all'aragosta, maiale e spinaci in brodo di latte di soia allo zenzero, congee di pollo, radice di loto e congee cinesi di zucca. Questi sono tutti piatti ai quali si può aggiungere tofu, brodo con maiale e patate e zuppa di saikyo miso.

Quale tra questi locali tradizioni vi hanno incuriosito? Avete già trovato il vostro preferito o conoscete altri fantastici posticini da suggerirci? Una cosa è certa: anche la colazione a Tokyo è un’esperienza straordinaria!

 


2020, l'anno del topo

Siamo nel 2020 ed è ufficialmente scoccata l’ora dell’anno del topo. Vi siete mai chiesti perchè in Giappone, allo scoccare di ogni nuovo anno, viene annunciato il nome di un animale? Ad esempio “l’anno del montone” o “l’anno del bue” e così via?

Topo Topo

photo credits: amazon.com , https://tokyo5.files.wordpress.com

Questa usanza prende origine dallo zodiaco cinese, che diversamente dalla nostra tradizione, non si basa sul mese di nascita, ma bensì sull’anno! Perciò ad ogni anno corrisponde uno dei 12 animali dell’oroscopo: Topo, bue, tigre, coniglio, drago, serpente, cavallo, montone, scimmia, gallo, cane e cinghiale.

Topo

photo credits: pinterest.it

L’astrologia ha sempre affascinato tutti, anche i più scettici. Il 2020 è l’anno del Topo, il primo dei 12 segni, caratterizzato dalla positività e dall’energia. Infatti, se la sua influenza sarà quella promessa, questo nuovo anno dovrebbe vedere l’evoluzione o l’avvio di nuovi progetti, promettendo succosi frutti a coloro che lavorano duramente.
Inoltre, famose astrologhe come Jessica Adams e Cathryn Moe affermano che ci aspettano 366 giorni in cui sarà “l’unione a fare la forza”. In questo nuovo anno, nessuno dovrebbe affrontare le grandi sfide da solo, ma unirsi per raggiungere l’obiettivo. Di conseguenza “condivisione di potere” sarà una delle parole chiave.

anno del topo

photo credits: pinterest.it

Potremmo assistere ad un processo evolutivo su scala mondiale, in cui le persone potrebbero arrivare a comprendersi e collaborare per il bene collettivo. Questo avrebbe grandi ripercussioni positive sul piano sociale.

Il topo rappresenta quella parte della psiche più oscura in cui il vero “io” si esprime. Cadranno le maschere che fino ad ora ci hanno circondato. Questo comporterebbe una maggiore compassione e comprensione anche verso il nostro stesso Pianeta (ci basti pensare alla lotta per cambiamenti climatici).

Una nuova energia dentro di noi libererà tutta la sua potenza. E voi? Siete pronti ad affrontare questa rivoluzione regalata dall'anno del topo?


"Giapponismo, Venti d’Oriente nell’arte europea. 1860 – 1915" a Palazzo Rovella, Rovigo

Ancora oggi, dopo due secoli, il Giappone ci “contamina” con la sua eleganza ed il suo mistero, stiamo parlando della mostra "Giapponismo" disponibile a Palazzo Rovella, Rovigo.

Giapponismo

photo credits: palazzoroverella.com

Quanto semplice può essere Innamorarsi del Giappone e con quanta facilità ne siamo influenzati? Forma, sintesi e raffinatezza sono gli elementi che caratterizzano il “Japonisme”. Una sorta di “dipendenza”, una “moda”, un’arte suggestiva e innovatrice che ha travolto arte e cultura occidentale. Infatti, nel 1853, il Sol Levante ha aperto le sue porte ai rapporti diplomatici e commerciali con il resto del mondo facendo approdare la propria cultura sulle nostre terre.

Prima a Londra nel 1862 e successivamente a Parigi, capitale mondiale dell’arte dalla seconda metà dell’Ottocento, lo stile del Giapponismo conquistò l'Europa. Dalle spettacolari porcellane, l’abbigliamento, le stampe ukiyo-e e gli arredi giapponesi che, a grande velocità, si diffusero in tutte le restanti nazioni.  Dalla Germania , all'Olanda, Belgio, Austria, Boemia, fino a giungere in Italia.

Gli artisti del Giapponismo

Ed ecco allora che i grandi artisti come Gauguin, Van Gogh, Klimt, Monet, Manet, Degas, Renoir, Sir John Lavery, Giuseppe De Nittis Antonio Mancini, Antonio Fontanesi, Maurice Denis e Henry Van De Velde (solo per citarne alcuni) mischiarono il proprio stile con quello del Sol Levante. Tutti questi artisti presero ispirazione da quell’onda di “giapponismo” che ha svelato e amplificato il nuovo proveniente dal magico oltre oceano traducendosi nell’Art Nouveau.

Giapponismo

photo credits: arte.it

Quella bellezza estranea alla superficialità che dietro ogni forma, tratto e curva nasconde concetti estranei alla cultura occidentale cominciò a diffondersi nella società. Dagli alti ranghi della borghesia, alle le classi sociali più basse, i manifesti contribuirono all'espansione del Giapponismo.

La società cambia, si evolve, corre, si scontra con nuove esigenze ed il consumismo si fa strada. La pubblicità diventa un’arma, ma anche un catalizzatore di influenze, che attira, che fa parlare di sé, che fa nascere dei bisogni poco prima sconosciuti. Una forma d’arte che ha attinto dalle precise caratteristiche morfologiche ed estetiche orientali. Il Giappone diventa modello e guida, con i suoi colori, con il suo equilibrio e la grafica giapponista cattura con i suoi concetti chiave.

Giapponismo

photo credits: ansa.it

La mostra Giapponismo, Venti d’Oriente nell’arte europea. 1860 – 1915

Una vera e propria corrente artistica da annoverare tra quelle immortali e questo è lo scopo della grande mostra “Giapponismo, Venti d’Oriente nell’arte europea. 1860 – 1915” in corso dal 28 settembre 2019. La mostra esposta a Rovigo presso il Palazzo Roverella sarà disponibile fino al 26 gennaio 2020 . Un viaggio in 4 tappe sapientemente studiate da Francesco Parisi per aiutarci ad ammirare l’inestimabile patrimonio artistico e culturale che abbiamo ereditato.

Assolutamente da non perdere!

photo credits: palazzoroverella.com

Dettagli

Sito Ufficiale: http://www.palazzoroverella.com/mostra/giapponismo/
Informazioni: info@palazzoroverella.com
Orari: Lun-Ven 9.00 - 19.00 | Sab - Dom - Festivi 9.00 - 20.00
Biglietti Online: Acquista ora


Travel guide: Tokyo - Episode 03 - I migliori posti per alloggiare a Tokyo

Trovare un alloggio a Tokyo è estremamente semplice poiché la città offre tipologie che si adattano alle esigenze di tutti. Che si tratti di un lussuoso hotel, un albergo per famiglie, un ryokan, la nuovissima moda delle capsule, oppure qualcosa di più economico Tokyo offre di tutto. Tuttavia, ciò che fa veramente la differenza è il quartiere. Come abbiamo visto nei nostri blog, ognuno di essi propone spaccati di una società complessa e affascinante, caratterizzati da storia, cultura, modernità, tecnologia e molto altro.

Per questo episodio dedicato alle nostre guide pratiche, abbiamo deciso di proporvi e raccogliere una lista di quelle che per noi sono le aree migliori dove soggiornare a Tokyo in base agli interessi e alle loro più spiccate caratteristiche.

Indietro nel tempo: Asakusa, a tutto Edo!

photo credits: ar.jal.co.jp

Asakusa, con le sue pittoresche stradine, offre storia e cultura senza precedenti. Questo quartiere permette ai suoi visitatori di immergersi in quello che era la vecchia Tokyo del periodo Edo. Ristoranti tradizionali, locande e negozi dove si possono trovare souvenirs artigianali fanno da contorno. Il fulcro è il tempio Sensōji, dedicato a Kannon Sama, la dea buddista della misericordia, luogo di venerazione più antico di Tokyo.

Fascino a grandi altezze: il romanticismo di Ebisu

photo credits: tokyocheapo.com

Una delle stazioni della Yamamote Line è Ebisu, quartiere di Shibuya con i suoi altissimi grattacieli. Qui troviamo anche lo Yebisu Garden Place, una torre dall’architettura europea, il cui ingresso è gratuito. Circondata da piazze e giardini, qui si può cenare in un ristorante che assomiglia ad un castello francese innamorandosi una vista mozzafiato su tutta Tokyo. Ad Ebisu si trova anche il grande magazzino Mitsukoshi, il Museo della Birra ed il Tokyo Photographic Art Museum.

Stravagante vita notturna : Roppongi & Shinjuku

Tokyo

photo credits: flickriver.com

Roppongi è il quartiere che, per eccellenza, ospita bar, izakaya e ristoranti che offrono qualunque tipo di cucina. Roppongi è nota soprattutto per il Roppongi Hills un complesso gigantesco che comprende uffici, appartamenti, negozi, ristoranti. Ma anche sale cinematografiche, parchi, un museo, un hotel, uno studio televisivo e un anfiteatro all'aperto. Al al centro di tutta questa area sorge la Mori Tower, un edificio di 54 piani.

Ancora più “fuori dagli schemi” è Shinjuku, la cui vita notturna è vasta e in qualche modo anche perversa grazie a Kabukicho, il famosissimo quartiere a luci rosse e il Golden Gai, un labirinto di stradine fiancheggiate da un numero impressionante di piccolissimi bar.

Lontano dalla frenesia: Meguro

Tokyo

photo credits: realestate.co.jp

Prevalentemente residenziale, a Meguro la vita metropolitana si mette in pausa e l’atmosfera è hipster. Qui ci sono boutique uniche nel loro genere, eleganti caffè, ristoranti e negozi vintage. Tuttavia, ciò che la rende magica è tutta la zona alberata lungo il fiume Meguro. Qui in primavera gli alberi di ciliegio regalano a questo quartiere una tinta rosea ed estremamente rilassante in cui concedersi un pic-nic tradizionale.

I bambini ameranno Odaiba

Tokyo

photo credits: livejapan.com

Non esiste luogo più indicato per le famiglie di Odaiba. Questa isola artificiale offre tanto intrattenimento per i bambini di tutte le età. Infatti, qui troviamo la Toyota Mega Web, il famoso museo Miraikan, Joypolis, Legoland e moltissimi centri commerciali, straripanti di ristoranti per ogni gusto.

Per i cultori del lusso e del cibo nulla è paragonabile a Ginza

photo credits: gotokyo.org

Non esiste quartiere noto per la propria area commerciale di lusso come Ginza. Qui possiamo trovare negozi famosi (e costosi), ma anche grandi magazzini che, nel seminterrato, ospitano negozi alimentari davvero unici. Inoltre, Ginza è famosissima anche per i suoi ristoranti che spaziano dall’alta cucina francese ai piatti fusion. Ma anche per piccoli izakaya e sofisticati cocktail lounge. Insomma, se amate bere e mangiare e volete dedicarvi al turismo gastronomico, questo è ciò che fa per voi!

Fashion, dinamismo e trasporti: Shibuya

Tokyo

photo credits: photo-collection.geo.fr

Volete vivere la frenesia vera di Tokyo? Shibuya non vi deluderà! Questa infatti è una delle zone più dinamiche della città. Costantemente illuminata dai megaschermi che sono presenti su tutti i palazzi, è anche l’area più colorata e caratteristica grazie ai giovani che si dedicano all’arte del cosplay. Per non parlare delle mode ganguro (abbigliamento alternativo vistoso e kitsch) e kogal (abbigliamento e trucco sono vistosi e ispirati all’occidente, esasperando le nostre caratteristiche). Shibuya è uno dei maggiori nodi di trasporti del paese. Da qui, treni, metro e autostrade vi permetteranno di arrivare ovunque in ogni momento!

Dopo aver letto le offerte di ciascun quartiere, quali tra queste aree corrispondono alla vostra personalità? Cosa cercate per il vostro soggiorno a Tokyo? Scriveteci le vostre opinioni e raccontateci le vostre esperienze legate ad una delle città più belle al mondo!


Travel guide: Tokyo - Episode 02 - Shopping guide

Viaggiare è un’esperienza unica che ci permette di allargare il nostro bagaglio culturale e di venire a contatto con realtà più o meno distanti dalle nostre. Allo stesso modo però una della consuetudini più diffuse è quella di ritornare a casa portando con sé ricordi anche materiali.
Per questo motivo, in questo nuovo episodio delle nostre speciali guide, vogliamo indicarvi dove, come e cosa acquistare a Tokyo!

Non vogliamo alimentare in voi lo spirito del consumismo, ma bensì condurvi sulla strada degli acquisti unici, carini, utili, necessari, appaganti. Infatti, da che mondo è mondo, l’essere umano ha bisogno anche di sentirsi coccolato e di dedicarsi qualche spesa in più per il solo gusto di farlo.
Ecco quindi il nostro piccolo viaggio nel mondo dello shopping di Tokyo!

Passeggiando per Asakusa: Nakamise Dori

photo credits: thejapanesedreams.com

La Nakamise Dori è una delle strade pedonali più caratteristiche per lo shopping ad Asakusa. Fiancheggiata dalle numerosi bancarelle in cui è possibile trovare artigianato tradizionale souvenirs e snack, è una tappa perfetta per gli acquisti last minute. I negozi che costeggiano la via sono un vero paradiso per chi cerca la washi, la carta giapponese per gli origami.

Nel cuore di Shinjuku: Okadaya

Tokyo shopping

photo credits: shinjuku-guide.com

Il negozio di Okadaya mette a disposizione ben 6 piani di articoli per artigianato, filati, kit da cucito, libri-guida per il fai da te, fodere, materiali tradizionali giapponesi e altri tessuti particolari. Una meta molto amata dagli studenti che frequentano la scuola di design e moda poco distante!

Tutto a 100 Yen o poco più: Daiso

Tokyo shopping

photo credits: planetyze.com

Daiso oggi è un marchio conosciuto in molti paesi nel mondo e sono presenti un sacco di negozi in tutto il Giappone. A Tokyo è il posto ideale per spendere poco e trovare un tantissimi oggetti più o meno utili, carini, divertenti, particolari e così via che. Nonostante il costo estremamente basso, sono di una sorprendente qualità!

Cuteness overload: Aranzi Aronzo, Character Street, Sunshine City e Yamashiroya

photo credits: matcha-jp.com

Nel centro commerciale del Tokyo sky tree è stato aperto Aranzi Aronzo un negozio dove tutto è “carino, strano e coccoloso”. Qui possiamo trovare teneri personaggi sotto forma di giocattoli, oggetti per la casa, articoli di cartoleria, accessori e libri di artigianato.

Al piano inferiore della stazione di Tokyo, dalle uscite Yaesu e Marunouchi, nella First Avenue ecco fare capolino la Character Street. Si tratta di un’intera strada commerciale straripante di negozi dedicati ai personaggi più amati in Giappone. Qui troviamo Hello Kitty, Rilakkuma, Totoro, Miffy, Tamagotchi, Rement e Pokemon! Inoltre all’Okashi Land è possibile rifornirsi delle caramelle e i dolci più famosi e conosciuti come i Pocky!

Tokyo shopping

photo credits: happyjappy.com

Invece, vicino alla stazione di Ikebukuro sorge un grattacielo di 60 piani al cui interno troviamo ben due centri commerciali! A Sunshine City esistono negozi meravigliosi come
Donguri Kyowakoku, in cui è possibile trovare qualunque cosa a tema Studio Ghibli. Non dimentichiamoci poi di Dagashiya, in cui si possono acquistare dolci di ogni tipo in adorabili confezioni. HAPiNS, dove poter trovare utensili e oggetti per la casa unici e deliziosi e i peluche di Hannari Tofu e Alpacasso. Inoltre troviamo anche il Pokemon Center, il Sanrio Vivitix, Kutsushitaya, il Village Vanguard, Swimmer. Insomma, non manca di certo l’imbarazzo della scelta!

Proprio davanti l’ingresso della stazione di Ueno si trova Yamashiroya. Uno splendido negozio di 6 piani tutti da esplorare che offrono giocattoli di ogni tipo, articoli per collezionisti, action figures. Ma anche peluches di ogni genere e marca, souvenirs e tantissime gacha-machine che erogano alcuni dei gashapon più belli!

Il Creative Life: Tokyu Hands

Tokyo shopping

photo credits: gotokyo.org

Il Tokyu Hands ha davvero tante filiali sparse per il Giappone e qui a Tokyo sono facilmente rintracciabili ad Ikebukuro, Shibuya e Shinjuku. E’ il negozio per eccellenza dove si può trovare veramente di tutto e tutto tipicamente giapponese! Che siano articoli creativi, artistici e artigianato, oggetti per la casa, articoli di cartoleria bellissimi. Oppure valigie, pentole, mobili o attrezzi per il fai da te, Tokyu Hands è un paradiso. Questo è probabilmente il luogo per il quale io consiglierei una visita assolutamente obbligatoria!

Quali tra questi negozi vi ha colpito maggiormente? Avete già in mente una lista di cose che dovrete assolutamente acquistare una volta arrivati a Tokyo? Io credo che impazzirete e probabilmente spenderete soldi in oggetti assurdi che non avreste mai pensato di aver bisogno…. almeno fino a quel momento!


Travel Guide: Osaka

Continuiamo il viaggio fra le prefetture e le città del Giappone e oggi vi portiamo a Osaka!

Osaka Osaka

photo credits: easyviaggio.com

L’antica capitale

Dal 683 al 745, durante il periodo Tokugawa, Osaka (大阪) fu la capitale del Giappone con il nome di Naniwa (難波). Tuttavia, durante l’era Meiji la capitale fu spostata a Tokyo. Successivamente, Osaka divenne il centro dei trasporti via terra, mare e fiumi grazie agli imprenditori che presero il comando dello sviluppo industriale. Durante la seconda guerra mondiale, la città fu rasa al suolo, ma il grande spirito giapponese non permise la sua disfatta. Infatti, Osaka venne ricostruita più prospera di quanto non lo fosse mai stata.
Oggi Osaka è considerata come “la cucina del Giappone”. Inoltre, è un importante centro economico e portuale, nonchè terza città più importante del paese.

Osaka Osaka

photo credits: https://www.shutterstock.com/g/cowardlion

Innamorarsi di Osaka

Detentrice di un fascino unico, Osaka è una città che deve necessariamente rientrare nella vostra lista desideri poichè vi farà innamorare in breve tempo!
Una tappa fondamentale è il Castello di Osaka, luogo tanto amato durante il periodo dell’Hanami grazie ai 600 alberi di ciliegio che lo circondano. Il castello costruito nel 1583 da Toyotomi Hideyoshi è considerato una della attrazioni storiche più importanti del Giappone!

Osaka Osaka

Se amate le vedute mozzafiato, l’Umeda Sky Building vi farà sognare con la sua vista a 360° sull’intera città. Dal suo ultramoderno osservatorio situato a 173 metri di altezza è infatti possibile scattare foto mozzafiato! Inoltre ad Umeda ci si può dedicare allo shopping grazie ai suoi spettacolari centri commerciali. Inoltre, restando in tema, se non potete resistere alla sfrenata voglia di fare compere, potete recarvi a Shinsaibashi. Quartiere dello shopping per eccellenza, ogni turista attraversa i 600 metri dello Shinsaibashi Shopping Arcade con le sue numerose boutique, negozi al dettaglio e grandi magazzini lussuosi!


photo credits: gaijinpot.com

Abbiamo detto che Osaka è considerata la “cucina del Giappone”, per questo motivo dovete assolutamente visitare Dotonbori. Glico Man (Glico è il nome della famosa compagnia produttrice di caramelle e Pocky) vi darà il benvenuto!

photo credits: favy-jp.com

Questo gigante fu installato nel 1935 ed è divenuto il punto caratteristico di riferimento di Dotonbori.
Circa 30 anni dopo venne costruito il granchio meccanizzato del ristorante Kani Doraku. Questo locale serve tutti i tipi di granchio seguito da Zuboraya e Kinryu Ramen, i ristoranti più famosi del quartiere.

Osaka Osaka

photo credits: 123rf.com

Se amate i musei, non potete rinunciare al Naniwa Rekihaku, il Museo di storia di Osaka. Ospitato in un palazzo dalle fattezze ultra moderne, la sua caratteristica speciale è che la visita al museo inizia dal decimo piano, l’ultimo! Dall’antico Giappone si percorrono in discesa i diversi piani dedicati ai vari periodi storici della città. Si arriva infine al primo piano dove ci sono gli immancabili negozi di souvenirs.

Nel periodo Edo, Osaka fu anche la capitale del Bunraku. Questa è una forma di spettacolo teatrale caratterizzato dall’uso delle marionette che intratteneva sia la nobiltà che la popolazione. Gli spettacoli di bunraku si tengono generalmente a Gennaio, Aprile, Giugno, Luglio, Agosto e Novembre in settimane specifiche. Vi invitiamo a controllare le informazioni sugli spettacoli del National Bunraku Theatre qui: https://www.ntj.jac.go.jp/bunraku.html

photo credits: japantravel.com

E se dopo tutto avete voglia di divertirvi, una visita al parco più amato in Giappone è doverosa! Stiamo parlando degli Universal Studios Japan (ユニバーサルスタジオジャパン). Il parco si divide in 9 zone tematiche: Hollywood, Universal Wonderland, The Wizarding World of Harry Potter, Amity Village, Waterworld, Jurassic Park, San Francisco, Minion Park e New York. Per tutte le informazioni e i dettagli vi rimandiamo al sito ufficiale disponibile anche in lingua inglese: https://www.usj.co.jp/e/

Osaka Osaka

photo credits: neverendingvoyage.com

Siamo riuscite ad incuriosirvi? Oppure avete già visitato Osaka e vi siete perduti nella sua storia? Raccontateci tutte le vostre impressioni! Non c’è cosa più bella delle memorie per condividere un sogno.


Viaggio attraverso Kumamoto

Nella regione di Kyushu, circondata da montagne e con i suoi paesaggi creati dall’attività vulcanica del Monte Aso, sorge Kumamoto (熊本市).

Kumamoto

photo credits: japantravel.com

Quando pensiamo a questa città, l’immediato riferimento è quello del pacioccone orso nero dalle gote rosse: Kumamon (くまモン). Vero e proprio simbolo della prefettura divenuto la sua stessa mascotte, Kumamon aiuta anche la promozione turistica in Giappone e all’estero con il “Kumamon Square”! (sito ufficiale in giapponese e in inglese: https://www.kumamon-sq.jp/en/)

kumamon

photo credits: kyushuandtokyo.org

Le Origini

Durante il periodo Nara, Katou Kiyomasa fu nominato daimyō nel 1588 e fece costruire l’inespugnabile castello di Kumamoto attorno al quale il villaggio crebbe. Al clan Kiyomasa succedette quello di Hosokawa. Nel 1877 ex samurai di Satsuma si ribellarono al governo Meiji con la ribellione di Satsuma. Il Castello di Kumamoto rimase sotto assedio per 53 fra seccheggiamenti e incendi, anche la cittadina fu rasa al suolo. Una piccola curiosità, i fatti della ribellione di Satsuma sono narrati nel bellissimo film “L’ultimo samurai”.

Il nuovo assetto politico si ristabilì nel 1889 conferendo a Kumamoto il ruolo di importante centro economico e industriale di Kyushu. Grazie a questo ottenne il titolo di “città designata per ordinanza governativa” (政令指定都市) contando ben 5 quartieri al suo interno. I quartieri della città sono Kita-ku (北区) il quartiere nord, Nishi-ku (西区) il quartiere ovest, Chūō-ku (中央区) il centro cittadino, Higashi-ku (東区) il quartiere est e Minami-ku (南区) il quartiere sud.
Purtroppo un violento terremoto colpì la prefettura nel 2016 provocando ingentissimi danni, ma il grande spirito giapponese non ha permesso ai suoi abitanti di arrendersi ed oggi Kumamoto risplende ancora.

Kumamoto

photo credits: zingarate.com

Esplorare Kumamoto

Durante gli anni ‘60 e ‘70, il castello subì una massiccia restaurazione tornando al suo antico splendore. Una tappa imperdibile è il giardino Suizen-ji Jōju-en costruito nel 1636 da Hosokawa Tadatoshi. Questo funge come luogo di ritiro per il tè grazie all’acqua purissima del laghetto. Al suo interno si trova il santuario di Izumi dove sono custoditi i membri della famiglia Hosokawa, un Nōgaku-dō e un teatro Noh. La casa da tè Kokin-Denju-no-Ma era originariamente nel Palazzo Imperiale di Kyoto, ma fu trasferita qui nel 1912. Il giardino è stato dichiarato dal governo nazionale un sito storico di bellezza paesaggistica.

Kumamoto

photo Credits: sygic.com

Se amate i musei, una tappa obbligatoria è il Kumamoto Prefectural Museum of Art. A soli 500 metri dal castello ospita diverse sezioni dedicate all’arte moderna giapponese, europea e americana. Nel museo troviamo un’area in cui sono collezionati i corredi funerari ritrovati nei kofun (antichi tumuli funerari) e un’ultima parte dedicata ai reperti appartenenti alla città. Kumamoto è spettacolare anche grazie ai suoi paesaggi. Infatti, uno dei luoghi più magici dal quale godere viste mozzafiato sull’intera prefettura è il parco Hanaokayama Koen. Nella zona sud della città si trova invece il Lago Ezu. Questo specchio d’acqua è circondato da un’immensa oasi naturale in cui passeggiare, pescare, fare un giro sulle caratteristiche barchette giapponesi a noleggio, o fare birdwatching. Restando in tema di natura, è interessante visitare il Kumamoto City Zoological Garden. Qui troviamo 124 specie diverse di animali, bellissimi giardini botanici e un piccolo luna park.

photo Credits: zoosinjapan.blogspot.com

C’è un luogo, però, che più di tutti, vale la pena di visitare: la grotta Reigando (霊巌洞). Sacra e misteriosa, questa grotta sorge ai piedi del Monte Kinpo. Questo luogo ha raggiungo la fama soprattutto perchè qui il filosofo Musashi Miyamoto compose il trattato sulle arti marziali “Go Rin No Sho” (The Book of Five Rings. Ma non solo, è qui che nel corso dei secoli, monaci, poeti e guerrieri si sono recati per meditare.

Kumamoto

photo Credits: kumamoto-guide.jp

Per raggiungere Reigando è necessario attraversare il tempio buddista zen di Unganzenji. Il percorso consta di una ripida scala in pietra ai cui lati si snodano 500 uniche statue degli illuminati seguaci di Buddha. Alla fine del sentiero si apre l’entrata della grotta che si affaccia sulla foresta. Nella parte posteriore della grotta è custodita la dea a quattro facce Iwato Kanon. Si dice che la statua si sia misteriosamente lavata nella grotta 1000 anni fa dopo che la nave che la trasportava affondò.

Kumamoto

photo Credits: japanshoreexcursions.com

Spirituale e rilassante, Kumamoto sa regalare davvero tanto ai suoi visitatori e merita assolutamente di essere visitata ed amata, come ogni città del Giappone.