Japan Italy Bridge interviews: Kenta Kambara and Nobuyuki Arai

Siamo tornati con un’altra puntata della nostra serie “Japan Italy Bridge Interviews“! Questa volta, abbiamo avuto il piacere di intervistare l’incredibile Kenta Kambara, un ballerino giapponese su sedia a rotelle, e Nobuyuki Arai, regista video. Questi due hanno collaborato con il marchio Gerbera Design, KUDEN di TAKAHIRO SATO. Il video promozionale che hanno creato insieme sarà presto disponibile online, ma prima di questo, sentiamo come è iniziato tutto e cosa hanno pensato dell’esperienza.

JIB: Per iniziare, presentatevi.
K: Mi chiamo Kenta Kambara e sono un ballerino freelance su sedia a rotelle che è nato con una disabilità chiamata spina bifida.
Lavoro come ingegnere di sistema nel mio lavoro quotidiano, e al di fuori di questo, sono un artista di strada e anche un acrobata aereo e mi sono esibito alla cerimonia di chiusura delle Paralimpiadi estive 2016 a Rio de Janeiro.

A: Mi chiamo Nobuyuki Arai. Dopo essermi laureato in fotografia, sono andato in Germania e nella Repubblica Ceca per continuare a scattare foto, quindi ho iniziato a lavorare come fotografo professionista nel 2014. Produco anche video dal 2017 e ho anche lavorato come un videografo di viaggio dal 2018.

JIB: Potresti dirci cosa ha portato alla tua connessione con KUDEN?
K: Tutto è iniziato quando una mia conoscenza mi ha detto per la prima volta che sono stato invitato ad esibirmi. Successivamente, ho ricevuto un messaggio lungo ed entusiasta dal signor Sato, ed è stato il suo messaggio che mi ha fatto decidere con certezza.
Ero piuttosto occupato durante quel periodo, ed è stato anche un periodo in cui ho ricevuto molte altre offerte per esibirmi anche in video, quindi non ero sicuro. Ma il suo messaggio appassionato e lui che mi diceva che poteva essere flessibile con il programma delle riprese sono stati ciò che mi ha fatto dire, “Sì, accetterò la tua offerta”.

A: Inizialmente conoscevo già il signor Kambara, il ballerino e mi ha chiesto se avrei preso parte anche a questo progetto. Al momento, dovevo ancora conoscere il sig. Sato, ma ha guardato i miei video su YouTube e poi mi ha chiesto di parlarmi tramite il sig. Kambara. Fu così che iniziò per me.

JIB: Per favore, dicci di più su questa collaborazione che stai facendo con KUDEN ora.
K: Dopo aver accettato l’offerta del signor Sato, aver parlato del concetto del marchio con lui e aver ricevuto lo storyboard dal signor Arai, ho iniziato a pensare alla mia coreografia come ballerino.
Gli abiti della Samurai Mode sarebbero stati i protagonisti di questo video, quindi mi chiedevo: “Quali movimenti metterebbero l’accento su di loro?”. Ho pensato di creare un’atmosfera simile all’oscillazione nel vento per far risaltare le caratteristiche uniche degli abiti, come alzare il braccio e lasciare che il vento soffiasse contro le maniche. Mi chiedevo, cosa uscirà da tali movimenti che catturano un tale effetto o movimenti più morbidi e leggeri?
In aggiunta a ciò, ho combinato quelle idee con coreografie e movimenti che già conoscevo, e ho guardato la topografia locale mentre consideravo “come avrei ballato in questo posto (scelto dal signor Arai)”.

A: Proprio come è la Samurai Mode Jacket, il sig.Sato ha molte convinzioni e sentimenti molto appassionati, quindi mi chiedevo: “Dovrei creare qualcosa che personalmente mi piace davvero molto?”
Naturalmente, alla fine, mi è venuto in mente qualcosa che mi piaceva personalmente, ma ho anche riflettuto su ciò che il signor Sato stava cercando. Ad esempio, proprio prima delle riprese, è triste ma abbiamo sentito che la fabbrica di cucito è fallita e ho pensato che sarebbe stato bello poter esprimere le emozioni del signor Sato che circondano questi vestiti nel video. E quello che stava per esprimere quelle emozioni erano i movimenti del signor Kambara, quindi ho dovuto pensare a come poter ingrandire le mosse del signor Kambara. Per il luogo di ripresa, ho scelto un posto che fosse ampio e in cui le trame della natura fossero fortemente presenti. Da lì, ho preso le idee e ho creato il prodotto finale.
La giacca Samurai Mode, la danza di Mr. Kambara, le emozioni di Mr.Sato; c’erano così tanti “elementi idea” e combinarli insieme ha creato il video.

JIB: Cosa ti ha spinto a voler lavorare con KUDEN per questo video promozionale?
K: Come ho già detto, probabilmente stavo leggendo il messaggio personale del signor Sato che mi ha fatto decidere che volevo farlo. Perché è stato davvero un messaggio molto lungo, molto entusiasta (lol). E sebbene ciò che si potrebbe fare non sia molto a causa del nostro programma, sono grato che mi sia stata data la possibilità di lavorare con una persona così appassionata, dopo tutto.

A: Prima della produzione di questo video, in realtà avevo già fatto alcune riprese con il signor Kambara. Il signor Sato le ha viste ma… erano semplici riprese fatte in quel momento, ed entrambi il signor Kambara e Sato hanno parlato del voler fare delle riprese adeguate un giorno. Quindi, quando il signor Kambara mi ha contattato per questo nuovo progetto, sono stato più che felice di unirmi e di farne parte.
È stato allora che ho avuto modo di incontrare il signor Sato e, mentre gli parlavo, ho potuto dire che era una persona molto passionale con forti convinzioni. Per me, il signor Sato è più vecchio di me e un mentore, ma il signor Sato mi ha detto, “Usami (questo progetto) per divertirmi”, il che mi ha fatto sentire che fintanto che dovevo produrre un video con Mr Kambara e il signor Sato, sarei onestamente in grado di creare qualcosa di interessante.

JIB: Dopo aver completato questo servizio, cosa ne pensi dell’esperienza?
K: Dopo aver visto il video, probabilmente capirete che è stato un lavoro piuttosto duro (lol). Soprattutto perché ha piovuto molto quel giorno. Ma il filmato si è rivelato così come è stato, e pensandoci ora, è stato divertente e questo è qualcosa che era possibile solo a causa di quel diluvio. È stato difficile, ma è stato anche divertente.

A: Ogni volta che parlo di film, sono sempre molto nervoso. Per questo motivo, ho sentito un po’ di pressione fin dall’inizio. Invece di creare qualcosa da zero, questa volta, avevo in mente la danza del signor Kambara, che mi aveva mostrato numerose volte e aveva già scelto una canzone che sarebbe stata la più adatta. Ho trascorso giorni chiuso a casa, ascoltando diverse centinaia di canzoni per decidere.
Ho anche avuto la sensazione che “non posso offrire qualcosa di deludente!”. Anche il giorno delle riprese, ho continuato a guardare le riprese del filmato pensando: “Come posso migliorare?”.
In passato, quando ho fatto delle riprese con il signor Kambara, non mi ha mai detto “Non posso farlo” quando gli ho chiesto qualcosa, quindi ho finito per avere sempre più richieste, come “Mi piacerebbe che lo facessi”, o “Vorrei un po’ di più da te”. Ma, alla fine, immagino che sia perché il signor Kambara soddisfa queste mie richieste (lol). Il tempo non è stato eccezionale, ma sento che siamo riusciti a creare qualcosa di meraviglioso.

JIB: Quali sono i vostri piani futuri? Vi vedremo collaborare di nuovo insieme in futuro?
K: In futuro, voglio continuare ad affrontare anche la sfida di progetti più interessanti. In termini di obiettivi specifici, spero di esibirmi alla cerimonia di apertura o chiusura dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo del 2020.
Soprattutto per i Giochi olimpici. Non ci sono eventi ai Giochi Olimpici a cui gli atleti su sedia a rotelle possono partecipare, ma possiamo ancora prendere parte alla cerimonia, al momento è così.
Invece di limitarmi all’idea che “Posso partecipare alle Paralimpiadi solo perché sono su sedia a rotelle”, sto fissando le mie visioni sulle Olimpiadi per ballare su quel palco e creare più interesse per i Paralimpici in questo modo. Penso che questo renda tutto molto più significativo.
E filmare di nuovo qualcosa con questa squadra… Certo, vorrei. Voglio, ma quando mi chiedo: “Sarai in grado di fornire qualcosa che supera questo?”, Non posso dire con certezza al cento per cento né sicurezza che sarò in grado di elaborare una coreografia ancora migliore di questa volta. In altre parole, sono soddisfatto di questo video. Sento che abbiamo fatto qualcosa di molto meglio di quanto avrei mai potuto immaginare.

A: Quando registri un video, puoi seguire le tue regole, ma quando creo qualcosa, voglio far sentire alle persone che “le regole non contano”. Ed è per questo che, per questo progetto, ho deciso di mettere da parte tutto ciò che avevo sempre fatto per creare costantemente qualcosa di nuovo con una mentalità nuova e senza essere vincolato da regole o metodi.
Per me, sento che abbiamo davvero prodotto qualcosa di eccezionale per questo video promozionale (PV), ma ovviamente, mentre lo faccio, spero ancora di creare qualcosa di ancora migliore per il mio prossimo lavoro e lavorare per ottenere qualcosa di meglio in futuro, quindi con questi pensieri in mente, credo che sarò sicuramente in grado di creare qualcosa di straordinario per la mia prossima produzione.
Piuttosto che dire esattamente quando avverrà la seconda fase o quale sarà, penso che starei meglio se potessi sentire e guardare le emozioni del signor Sato e del signor Kambara in quel momento con una nuova prospettiva e poi portarlo in vita in un video.

JIB: Per il nostro blog, vi preghiamo di dirci cosa ne pensi del rapporto tra Giappone e Italia.
K: La mia impressione è che il rapporto tra Italia e Giappone non sia distante, ma i due Paesi non sono molto vicini. Ma i giapponesi adorano la cucina italiana. Certo, adoro anche io la cucina italiana. Non sono mai stato in Italia, ma voglio visitarla un giorno. E, se possibile, voglio ballare anche lì!

A: L’impressione che ho dell’Italia è che sia bela. Sia con la moda o il cibo, o le macchine e così via. I giapponesi ricevono buone influenze da loro.
Su una nota personale, ho esperienza di lavoro con un presidente di una società italiana. Era davvero unico, intelligente e gentile. Aveva un’immagine amichevole e sono persino andato in Italia quando mi ha invitato al suo matrimonio. Rispetto a un matrimonio giapponese, era molto più informale e aveva un’atmosfera piacevole.
Ho potuto vedere tutti i tipi di celebrazioni nuziali durante la realizzazione di servizi fotografici nuziali e, per questo motivo, le cerimonie nuziali mi hanno lasciato una profonda impressione.
Inizialmente volevo essere influenzato positivamente dallo stile italiano e penso che non ci siano molti giapponesi come me che hanno ricevuto influenze così meravigliose dagli italiani.
Attraverso questi, ho ricevuto personalmente molta influenza positiva dall’Italia, ma non so ancora che tipo di influenza positiva i giapponesi possano lasciare sull’Italia, quindi penso che andando avanti, sarebbe bello se io, come videografo e come qualcuno che trasmette informazioni, potessi fornire i buoni punti del Giappone all’Italia. Il video di questa volta può anche essere considerato come uno di quelli. Penso che sarebbe fantastico se fossimo in grado di trasmettere l’aura del samurai giapponese attraverso la danza del signor Kenta Kambara, che ricorda il maneggiare una spada in battaglia, e attraverso la giacca che indossa, ispirata al tradizionale Kimono giapponese.

JIB: Infine, ti preghiamo di lasciare un messaggio ai nostri lettori.
K: Sono molto entusiasta di sapere che gli italiani guarderanno il nostro video. Sarei felice se sentiranno qualcosa che gli viene trasmesso perché sarà attraverso la danza anziché una lingua.

A: Sono molto contento che il video che abbiamo realizzato sarà visto da molte persone all’interno del Paese e anche dall’estero!
Anche il discorso sul prossimo progetto è sorto all’interno del team, quindi colgo l’occasione per dire che speriamo che terrete d’occhio le nostre attività imminenti. Continueremo a creare produzioni straordinarie, quindi per favore rimanete sintonizzati.

E quella è stata la nostra intervista intima con Kenta Kambara e Nobuyuki Arai! Dopo averlo letto, come ti senti? Cosa pensi? Condividi i tuoi commenti con noi sulla nostra Pagina Facebook!

Inoltre, prima di andare, sappiate che la Samurai Mode Jacket menzionata nell’intervista è ora disponibile nel loro negozio online insieme alla loro nuova Samurai Mode Shirt! Offrono anche splendidi Kimono e Haori vintage nel loro negozio, quindi assicurati di dare un’occhiata! Non sapete mai cosa potreste trovare!

– Contatto –
E-mail: support@ku-den.jp

– Links –
Website: https://ku-den.jp/
Facebook: https://www.facebook.com/kudenjp/
Instagram: KUDEN by TAKAHIRO SATO